Turismo verde: le 4 mete più suggestive

Silvana Uber

Il turismo verde sta prendendo sempre più piede, soprattutto tra i giovani, portando un sostanzioso aiuto all’economia del Paese e all’ambiente che, come ormai è noto, da troppo tempo è alquanto bistrattato.

Nato inizialmente come un fenomeno legato semplicemente alla natura e al godimento di essa, ad oggi il turismo verde è divenuto qualcosa di più strutturato e significativo.

Ad esso è correlato il rispetto per l’ambiente, la natura, la fauna e la flora locale e si basa sui principi base per la salvaguardia del patrimonio naturalistico e la tutela del mondo animale.

Principi base del turismo verde

Le linee comportamentali che distinguono un turista verde sono le seguenti e vengono rispettate nella quotidianità, e non solo in vacanza:

1-portare sempre con sé dei sacchetti biodegradabili per la spazzatura
2-non camminare su terreni coltivati
3-non gettare i mozziconi di sigaretta ma auto munirsi di posaceneri richiudibili
4-scegliere mezzi di trasporto “sostenibili” come la bicicletta, il trasporto pubblico o il treno

Essendo come obiettivo principale quello di non alterare e modificare l’ambiente circostante, va da sé che il turismo verde va in contrapposizione al turismo di massa.

Non sorprende quindi che il turista verde scelga come alloggio strutture ricettive rurali, agriturismi o rifugi di montagna.

Location ideali per chi volesse affacciarsi a questo tipo di turismo, anche in vista alla stagione autunnale a cui stiamo andando incontro.

Ma quali sono i luoghi in Italia che sposano il turismo verde?

Prima di tuffarci nelle 4 mete più suggestive per il turismo verde, vi suggeriamo di dare un’occhiata all’articolo dedicato ai piccoli borghi di pescatori (mete ideali per chi vuole evitare il turismo di massa senza rinunciare al mare) o agli itinerari rilassanti per passeggiate.

La prima meta suggestiva che vi proponiamo tocca le montagne del’Alto Adige in val Pusteria

Vi condurrà in una vacanza tra natura e relax, tra stambecchi, mucche al pascolo, formaggio appena fatto e… case sull’albero dove soggiornare!

Avete letto bene: case sull’albero. Un soggiorno tra il rilassante scorrere del ruscello e la spettacolare vista delle Dolomiti, a Sento nel Caravan Park Sexten. Il paesaggio incontaminato e il cinguettio degli uccellini al tramonto come colonna sonora della vostra vacanza, accompagneranno la vostra avventura in un turbine di scoperte naturalistiche.

Sesto, una cittadina nella Val Pusteria, è adatta sia l’inverno per gli amanti di scii e slittini, sia in estate. In entrambe le stagioni saprà stupirvi con i suoi colori accesi, le interminabili cascate di erba e mughetti, l’odore del latte appena munto, le distese bianche di soffice neve che calano sui piccoli paesi incastonati nelle montagne come piccole casette di un presepe.

Nota bene: se scegliete questa meta, non potete assolutamente dimenticarvi di assaggiare gli Strauben, un dolce tipico che viene servito in tutti i rifugi.

turismo verde - val pusteria
turismo verde – val pusteria

Un’altra meta suggestiva che vi proponiamo è Camigliatello Silano (Cosenza). 

Il piccolo borgo calabrese a 1.300 metri d’altitudine, nel cuore del Parco Nazionale della Sila, è frequentato da escursionisti di tutto il mondo per la ricchezza dei suoi sentieri.

turismo verde
parco nazionale della sila

Il comune è diventato un’attrattiva anche per l’emozionante viaggio sul treno storico a vapore datato 1932. Una locomotiva a vapore storica, la FCL 353 costruita a Berlino nel 1926 e accompagnata da verdi vetture con interni rigorosamente in legno, che sbuffa e stride facendosi strada nel Parco Nazionale della Sila sui binari delle Ferrovie della Calabria.

Imperdibili sono gli antichi villaggi che costellano la periferia di questo piccolo borgo in cui si possono ancora ammirare le case, chiamate baracche dagli abitanti, costruite nel 900, completamente in legno e coi tetti in lamiera.

Percorrendo la strada principale, uscendo dal paesino, si trova su una collinetta alla vostra sinistra la chiesa Ex Colonia Montana. Oltre ad un sentiero battuto che vi ci arriva, è facile raggiungerla attraversando il boschetto in cui è immersa. La chiesa è completamente in legno, con una architettura semplice, e si incastra alla perfezione nel luogo in cui si trova.

Malga Fratte sulla via del ponte sospeso in Val di Rabbi

Poco distanti dalle impetuose Cascate di Saent, in una rete di sentieri, tra prati e boschi, che vi conducono in uno degli ambienti più particolari e affascinanti del Trentino, il ponte sospeso in Val di Rabbi è una meta sempre più gettonata che regala l’emozione di passeggiare sospesi in aria a circa 5o metri sopra la Cascata Ragaiolo.

turismo verde
ponte sospeso in val di rabbi

Costruito in un posto strategico, altrimenti inaccessibile, il ponte sospeso ha visto la luce nel 2015. Grazie a questo ponte infatti è possibile passare sopra la cascata, godendo di una vista meravigliosa sulle montagne e i boschi circostanti, mentre si ascolta il fragore dell’acqua che impetuosa si tuffa fino a valle.

Immersi nel cuore del Parco Nazionale dello Stelvio non potete perdervi anche il percorso Kneipp. Lungo il percorso si alterneranno diverse sensazioni per i vostri piedi; dalla ricerca di equilibrio sui ciottoli, al massaggio delle cortecce, alla stimolante sensazione (anche un po’ dolorosa) del ghiaino, fino ad arrivare al bagno di argilla e stendersi quindi al sole per rigenerarsi.

Entriamo nella Toscana: terra verde per eccellenza

Un’infinità di agriturismi immersi nel verde, con formula colazione compresa, che vi faranno alloggiare tra animali in libertà, lontano dal traffico, immersi nelle campagne che, nei loro sali scendi, sono solcate da piccole strade asfaltate che collegano decine di borghi. Questa è la Toscana!

I borghi più noti sono sicuramente Volterra, San Gimignano, Pienza…

turismo verde - toscana
turismo verde – toscana

Nel cuore della Toscana c’è un paesaggio idilliaco, essenziale. Lo compongono le colline, i calanchi, il corso sinuoso del fiume, i cipressi che coronano isolati la linea delle montagnole o che seguono l’andamento delle strade. Un autentico scrigno di natura, paesaggi e villaggi medievali.

Per chi ama la bicicletta, qui sono presenti davvero molti percorsi, tutti collegati a qualche borgo e, non temete, per quelli situati sulle alture, vi sono i mezzi pubblici che verranno in vostro soccorso.

 

 

Views All Time
Views All Time
146
Views Today
Views Today
3

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Autunno 2020: il trench, quel regale capo fashion

Facebook Twitter LinkedIn Da Burberry che ha reso iconico il capo, al fast fashion che permette di acquistarlo senza spendere un patrimonio, il trench torna ad imperare anche in questo autunno 2020. Che tu sia un attento seguace dei trend delle passerelle o abbia voglia di lanciarti nello street fashion, […]

Subscribe US Now