7 cammini da fare in Italia quest’estate

Silvia Campus

Da qualche anno, nel mondo del turismo, la parola d’ordine è lentezza. Si è riscoperto il piacere di camminare, tra natura e antichi borghi, ripercorrendo antiche vie quasi dimenticate. In Italia, di antiche vie, i  così detti cammini, ce ne sono e anche tante: attraversano la nostra penisola da nord a sud e sono tutte molto suggestive.

Tra tutti ne abbiamo selezionate sette , quelle a nostro parere più particolari e intriganti: da fare in compagnia o da soli, se siete anime solitarie, poco importa. Le bellezze nascoste dell’Italia non smettono mai di stupire.

Cammini tosco- romagnoli:  La via degli Dei

Tra l’Emilia Romagna e la Toscana c’è un cammino lungo 130 km che da Bologna arriva fino a Firenze. E’ il cammino degli Dei, un percorso tra natura, cultura, enogastronomia e storia. Il suo nome deriva dal fatto che la via passava tra i Monti Adone, Monzuno (Mons Iovis, Monte di Giove), Venere, Luario: la connessione con il pantheon delle divinità è presto fatta. Oggi è uno dei percorsi più gettonati sia per il trekking sia per gli amanti della mountain bike. Il tempo di percorrenza è di circa sei giorni, a seconda delle tappe che si vogliono fare. Una curiosità: lungo  il percorso, tra i boschi dell’Appennino, è ancora visibile l’antica strada romana.

cammini tosco-romagnoli
Un tratto della Via degli Dei

Cammini delle Terre Mutate

Spostiamoci verso le Marche : da Fabriano all’Aquila, seguendo un percorso di 200 km, ci troveremo nel cuore dell’Appennino in quei territori devastati dal terremoto del 2009. Il sentiero attraversa due aree protette: il Parco naturale dei Monti Sibillini e il Parco Nazionale del Gran Sasso e dei Monti della Lega. E’ sicuramente un’esperienza diversa, soprattutto se consideriamo il lato empatico con chi , dopo il sisma, ha visto la propria vita sbriciolarsi. La finalità del cammino non è quella di incentivare il dark tourism (ossia quella particolare forma di turismo che spinge le persone a visitare luoghi colpiti da eventi tragici), ma di far tornare le persone in un territorio ricco di biodiversità e cultura, in modo responsabile e rispettoso.

cammini delle terre mutate
Cammini delle Terre Mutate tra Marche, Umbria, Lazio e Abruzzo

Cammini al lago di Lecco

Sulla sponda orientale del Lario c’è un sentiero molto suggestivo : il Sentiero del Viandante che da Abbadia Lariana , passando per Lierna, Varenna, Dervio, Bellano e Colico, costeggia il lago in un sinuoso saliscendi. Costeggia tutta la sponde lecchese del lago e ha una lunghezza di “soli” 45 km. Anche in questo caso, il percorso può essere suddiviso in tappe e , in più, c’è la comodità del treno per tornare indietro. Il cammino è ideale in ogni stagione ed è anche un modo per visitare questo angolo di paradiso da un’altra prospettiva

Cammino delle cento torri

Anche la Sardegna ha un suo cammino: l’affascinante Cammino delle cento torri, così chiamato per le numerose torri presenti lungo la via. Si tratta di un percorso ad anello, di circa 70 tappe, che circoscrive tutta la costa della Sardegna da ovest ad est per un totale di 1280 km circa.  I luoghi toccati dal cammino sono variegati e si passa dalle saline, in cui si possono ammirare i fenicotteri, alle miniere. E’ un viaggio alla scoperta di una Sardegna che non è solo mare limpido e cristallino.

Via Francigena

Impossibile non menzionarla. E’ forse il cammino più famoso d’Italia ma la partenza è nella lontana Inghilterra, a Canterbury , per la precisione. Il sentiero ci porta dritti nel cuore della spiritualità : a Roma. Per chi proviene dal sud, ci sono delle varianti che prendono il nome di Vie Francigene del Sud. Percorrendo strade di campagna e sterrate, si passano borghi e campi per un’esperienza full immersion a contatto con la natura e con la propria anima.

Un cammino in Val Camonica

La Val Camonica è probabilmente conosciuta ai più per essere stata la culla della civiltà camuna. Costeggiando il fiume Oglio, però, ci si incammina per un sentiero alquanto suggestivo che da Pilzone porta al Passo del Tonale. Si tratta della Via Valeriana, una strada che attraversa un paesaggio molto diversificato: dal lago d’Iseo ai panorami alpini del Pizzo Badile. Questo percorso, stando alle guide, è di media difficoltà ed è percorribile tutto l’anno.

Via della Transumanza

Chiudiamo il nostro breve tour attraverso i cammini più interessanti d’Italia con quello che dall’Abruzzo conduce al Tavoliere delle Puglie. Si tratta di antichi tratturi , ossia sentieri erbosi più larghi di una mulattiera che si sono originati dal passaggio delle greggi.  Sono percorsi che ci riportano a un tempo antico che sa di fatica ma anche di amore e attaccamento alla terra. Una terra da riscoprire, preservare e rispettare.

Views All Time
Views All Time
91
Views Today
Views Today
2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Vintage Friday: i 10 migliori teen drama di sempre

Facebook Twitter LinkedIn L’importanza delle serie tv è ormai nota a tutti. Tra le loro funzioni, possiamo trovare anche quella di formazione. Per questo, il Vintage Friday di oggi è dedicato ai migliori teen drama di sempre. Se provate a chiedere a individui di diversa età con quale serie sono […]

Subscribe US Now