Grissini stellati: la ricetta perfetta – Pop cooking #1

Manuel

I grissini, a Torino, sono più che una tradizione. Sono un autentico modo di intendere la tavola. La perfetta contrapposizione del pane pugliese per il Salento o della piadina in Romagna. Preparare dei perfetti grissini non è proprio semplice, ma vi spiegherò, in breve, come fare.
Questa ricetta mi riporta agli albori della mia carriera quando poco più che ventenne andai a lavorare dal maestro Gualtiero Marchesi.

All’epoca non è che sapessi fare molto, così giravo le varie partite per fare un po’ di esperienza. Il vero valore aggiunto, in cucina, è la curiosità. Imparate a chiedere informazioni ai colleghi di maggior esperienza. Cercate di rapire i trucchi, i segreti. Cogliete le ricette e i sapori di ognuno. Solo accumulando queste esperienze riuscirete a sviluppare un vostro stile gastronomico.

I grissini: la ricetta appresa dal maestro più famoso al mondo

L’addetta alla pasticceria, che lavorava con me dal Maestro, si occupava anche di panificazione. Così, in quell’occasione, ho imparato a fare questi fantastici grissini. Ancora oggi preparo sia a casa per la mia famiglia che al ristorante per i clienti. Per un’attività ristorativa, avere questi piccoli prodotti caserecci è un valore aggiunto, come la sinfonia per una canzone.
Però ricordate che questa è una ricetta stellata:  quindi non diffondetela troppo, ma custoditela gelosamente!

Ingredienti

farina 600 g
malto 12 g (facoltativo)
sale 15 g
olio evo 70 g
lievito di birra 10 (secco 4 )
acqua 320 ml

Come per ogni prodotto da forno, in realtà dietro questa preparazione ci sarebbe un’arte, coltivata nei decenni dai grandi maestri del mestiere. Quella che vi propongo è una versione decisamente rivisitata  e facilitata, in modo tale che possa essere alla portata di tutti.

In realtà, la prima fase è quella più semplice ed è alla portata anche dei bambini.  Basta prendere tutti gli ingredienti sopra riportati e mescolarli in un’unica ciotola, fino ad ottenere un impasto liscio.
Come ogni prodotto da forno che si rispetti, anche i grissini hanno un tempo di lievitazione, prima di essere lavorati. Lasciate, quindi, il panetto che avete ottenuto a riposo per due ore, al fine di farlo rigonfiare.

Trascorso il tempo indicato, è il momento di dividere l’impasto in due e creare dei filoncini. Bisogna tagliare dalle estremità dei pezzetti della grandezza di un dito e appoggiarli nella semola (o farina).
Dopo averne fatti una decina, è necessario iniziare a “tirarli”, prendendo le estremità e con delicatezza allungandoli letteralmente fino al raggiungimento della lunghezza della teglia. Una volta completato anche questo procedimento, riempire la teglia e infornare a 180° per 15 min.
È fondamentale lasciarli raffreddare in forno spento.

Tocco dello Chef

Il segreto per dei grissini indimenticabili? Più saranno fini, più saranno croccanti!
A me piace passarli nel sesamo al posto della semola

Difficoltà: media
Preparazione: 30 min + tempo di lievitazione
Cottura: 15 min + tempo di raffreddamento in forno
Dosi per: 50/60 pezzi
Costo: Basso

Per le altre ricette della nostra rubrica Pop Cooking potete cliccare qui!
Tenterete di replicare questa ricetta anche nelle vostre cucine? Fatecelo sapere sui nostri social! I migliori post saranno condivisi.
Da Chef Manuel Cavazza è tutto! See ya!

Views All Time
Views All Time
266
Views Today
Views Today
1
Next Post

L'inquinamento ai tempi del coronavirus

Facebook Twitter LinkedIn Inquinamento: come è cambiato durante il Coronavirus L’inquinamento è presente in Italia e nel mondo da anni, andando sempre peggiorando sotto gli occhi della comunità menefreghista: ma da quando le strade sono desolate a causa della quarantena, la natura sta tornando al suo posto. Ieri era una […]
inquinamento e coronavirus

Subscribe US Now