Meno radicali liberi, più salute

martysmith89

Quante volte sentiamo dire “aiuta a contrastare i radicali liberi” riferito ad un determinato prodotto cosmetico o ad un integratore: quella dei radicali liberi è una problematica seria, che può portare a gravi conseguenze per la nostra salute e la nostra bellezza.

Ma inanzitutto, cerchiamo di capire cosa sono esattamente questi “radicali liberi”

Fonte: Simona Vignali

Si tratta di specie chimiche che si formano fisiologicamente nel nostro organismo, durante il metabolismo cellulare, e che al suo interno svolgono funzioni importanti, come ad esempio contrastare i batteri durante il processo infiammatorio.

La loro produzione è bilanciata, all’interno dell’organismo stesso, da quella di sostanze antiossidanti, in grado di contrastarne l’azione nociva.

Tuttavia, a seguito di diversi fattori, sia interni od esterni al nostro corpo, tale equilibrio può essere alterato, portando ad una maggior produzione di questi radicali.

Tale fenomeno noto come “stress ossidativo” può provocare danni seri a livello cellulare e non solo, tanto che è alla base di diverse patologie quali cardiopatie, l’artrite e malattie degenerative. Inoltre lo stress ossidativo è alla base dell’invecchiamento precoce della pelle

Una condizione che può essere contrastata con l’adozione di uno stile di vita sano ed una corretta alimentazione, che permette l’assunzione di sostanze antiossidanti.

Antiossidanti: cosa sono e in quali cibi si trovano

Come già accennato, gli antiossidanti vengono fisiologicamente prodotti dal nostro organismo in quantità sufficiente da contrastare la continua formazione di radicali liberi, ma talvolta possono essere assunti attraverso il consumo di determinati alimenti ricchi di antiossidanti naturali, quali:

  • polifenoli
  • beta-caroteni
  • vitamina C
  • vitamina E
  • selenio
  • Coenzima Q10

Tali antiossidanti sono ampiamente presenti in frutta e verdura, meglio se di stagione, olio d’oliva e semi oleosi.

Radicali liberi: 5 cibi sì per stare in forma e in salute

  1. Cavolo rosso

radicali liberi
Fonte: Pixabay

Tra le crucifere, è senza dubbio quella a più elevato potere antiossidante, dato l’elevato apporto di antociani, ai quali vanno aggiunti cloro e zolfo, minerali noti per le proprietà depurative, a patto che tale ortaggio venga consumato crudo.

Cioccolato

radicali liberi
Fonte: Pixabay
Fonte: Pixabay

La bilancia forse non sarà d’accordo e farà la faccia storta, ma davanti all’enorme potere antiossidante del cioccolato non c’è dieta o peso che tenga. Esso contiene una quantità di antiossidanti addirittura superiore ai frutti rossi, e la quantità aumenta all’aumentare della percentuale di cacao contenuta in esso.

Mirtilli

radicali liberi
Fonte: Pixabay

Dei veri e propri piccoli concentrati d’energia e di antiossidanti, ma anche ricchi in nutrienti e poveri di calorie, che li rendono alleati perfetti per contrastare le malattie cardiovascolari, dato l’elevato apporto di antociani ma anche il colesterolo in eccesso.

Carote

Può essere bianca, viola, rossa, gialla, ma solo la variante arancione è “la regina del carotene” per eccellenza: stiamo parlando della carota. Questo ortaggio è un autentico concentrato di antiossidanti, in particolare il beta-carotene (al quale deve il colore), dalle note proprietà anti-tumorali, la cui biodisponibilità è aumentata dalla cottura al vapore.

Views All Time
Views All Time
102
Views Today
Views Today
3
Next Post

La dispensa ai tempi del Coronavirus

Facebook Twitter LinkedIn Dispensa vuota: e ora come faccio? Il Coronavirus è arrivato anche in Italia, scatenando in alcuni frangenti una vera e propria psicosi, che ha risvegliato nell’uomo uno dei bisogni primari, quello del cibo. L’idea del non poter uscire liberamente , dover stare in casa chiusi per evitare […]
dispensa

Subscribe US Now