Gestire la rabbia? Si può, anche a tavola

Gestire la rabbia? Si può, anche a tavola

Cibi per gestire la rabbia: più rilassati con gusto. Quante volte ci troviamo a fare i conti con la rabbia, che può essere scatenata per vari motivi, anche i più disparati, e ci vengono dati sempre gli stessi consigli. Tuttavia, la gestione corretta di questo sentimento che bene o male fa parte comunque del nostro essere umani, talvolta può derivare anche da una giusta alimentazione.

Cibi per gestire la rabbia: che nesso c’è?

Infatti, ci sono alimenti che aiutano a gestire e ad attenuare la rabbia, e altri che al contrario possono contribuire ad aumentarla, e ciò è legato ad una questione di nutrienti, ma soprattutto di ormoni.

Un ruolo centrale è svolto dalla serotonina, meglio noto come”l’ormone del buonumore e della felicità”, che viene sintetizzato soprattutto a livello cerebrale dall’amminoacido essenziale triptofano, i cui livelli influenzano il controllo dell’appetito e alcuni comportamenti alimentari, ma anche sentimenti come rabbia e felicità.

In particolare uno studio, condotto da un gruppo di ricercatori dell’Università di Cambridge, ha evidenziato come livelli di bassi di serotonina possano causare stati di aggressività e rabbia, mentre livelli elevati inibiscono i circuiti dell’aggressività.

Questo ha evidenziato il ruolo importante svolto da questo ormone a regolare gli impulsi emotivi, oltre ad essere un ormone chiave nel cosiddetto “Asse Cervello-Intestino”, un sistema di comunicazione bidirezionale che collega il sistema nervoso a quello gastrointestinale.

Cibi per gestire la rabbia: quali sono i più adatti?

Cibi per gestire la rabbia
Cibi per gestire la rabbia

In virtù del suo importante ruolo, i migliori cibi per gestire la rabbia sono quelli naturalmente ricchi in triptofano: questo amminoacido essenziale, infatti, è il precursore naturale della serotonina, e una volta assorbito dal corpo, viene convertito immediatamente in essa. Tra questi:

  • latte
  • pesce (merluzzo,tonno, alici)
  • caviale
  • cioccolato
  • formaggio
  • yogurt
  • carne di vitello, pollo e tacchino
  • avena
  • arachidi
  • legumi
  • alga spirulina

Cibi per gestire la rabbia: quali sono da evitare?

Per contro, vi sono altrettanti alimenti in grado di incrementare la rabbia, e che pertanto vanno evitati: tra questi alcune verdure, come pomodori, melanzane, le crucifere (broccoli e cavolfiori, cavoli, cavolini di Bruxelles, ecc.), cibi ricchi di grassi (hamburger, patatine fritte, pizza, patatine fritte, pollo fritto) e raffinati, oltre al consumo di alcol.

Pubblicato da martysmith89

Se dovessi descrivere la mia vita, la definerei come un paesaggio pedemontano, dove rilievi irti e rocciosi si intrecciano con ampie vallate sconfinate. La mia prima grande passione,quella per la scienza, c'è stata fin da piccola ma ha cominciato ad assumere la forma della Biologia in seconda liceo, e dell'Immunogenetica adesso. L'altra, quella per la scrittura, quasi in parallelo, grazie ad eventi casuali: per me è stato come un fulmine, che mi ha colpita e ha lasciato un segno indelebile. Io e la scrittura siamo unite da un filo invisibile ma solido.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.