Tie & Dye: ecco la tendenza definitiva del 2020

Martina Bruno

Tie & Dye: di cosa si tratta?

Il Tie & Dye torna finalmente alla ribalta dopo un lunghissimo “silenzio stampa”: l’amato (e temuto) trend psichedelico, un vero e proprio fenomeno multicolor, diventa protagonista delle sfilate spring/summer di questo 2020.

Vanta origini antichissime, gli si attribuiscono significati culturali ogni volta che torna in passerella (e nei nostri armadi!), è amato dagli hippie di tutto il mondo ed oggi diventa il trend preferito di big come Dior, Versace, Emporio Armani, Ermenegildo Zegna ed Emporio Armani, ma anche Alberta Ferretti e Kenzo, che tra main e capsule collection l’hanno inserito davvero dappertutto.

Il “tie-dye” nasce da un’antichissima tradizione indiana: come suggerisce il nome, questa tecnica “annoda e tinge” i tessuti, impregnandoli di sfumature délavé.

Questo tipo di tintura crea sui tessuti tonalità e disegni geometrici del tutto casuali, unici ed imprevedibili, poiché dipendono dalla diversa combinazione di pigmenti e acqua, per un risultato psichedelico, ed al contempo profondamente seduttivo.

Tie & Dye: Origini e storia

Questo procedimento, che consiste nel tingere tessuti con colori e pigmenti diversi, risale circa all’ottavo secolo: nasce in Giappone, ma si diffonderà moltissimo anche in Cina, Indonesia e Malesia.

Usato per cerimonie rituali, il tie & dye è rinomato nella storia del costume soprattutto per il suo legame coi movimenti rivoluzionari libertini. Questo stile è infatti spesso diventato parte integrante delle contro culture.

Tra gli anni Sessanta e Settanta, infatti, il tie & dye viene riscoperto e rivisitato: siamo negli Stati Uniti, al tempo dei figli dei fiori, di Woodstock e del Magic Trip di Ken Kesey e i Merry Pranksters.

 

La possibilità di creare capi multicolor, unici, psichedelici, si adatta alla perfezione con quella filosofia libertina e pacifista: è così che il tie & dye diventa un vero e proprio simbolo del movimento hippie, simbolo di un’era.

Icona assoluta di questo movimento fu ovviamente Janis Joplin.

tie & dye

Nei favolosi anni Novanta, invece, è la cultura grunge ad appropriarsi di questo trend: ve li ricordate i tempi dell’adolescenza, quando bastava annodare una maglietta ed immergerla in acqua e tintura per creare un capo nuovo e alla moda? Ecco.

Il tie & dye dopo i 90’s sembrava averci salutato per sempre, (insieme all’adolescenza, per l’appunto), e invece.

Nell’ultimo decennio alcune celebs hanno, di tanto in tanto, timidamente tirato fuori dai loro armadi capi tie & dye, vedi Jared Leto, Vin Diesel, Jonah Hill e soprattutto Kanye West.

Finché due estati fa numerosi brand, da Michael Kors a Chanel, da Roberto Cavalli a Proenza Schouler, hanno deciso di cavalcare nuovamente l’onda della tendenza hippie (vedi Coachella style), che si è ovviamente diffusa a macchia d’olio anche su Instagram.

Con proposte di mini dress e abiti maxi, jeans scoloriti e top annodati, queste maison si erano così avvicinate al “boho style“, dove il tie & dye spunta qua e là strategicamente introdotto tra fantasie romantiche, pizzi, frange, merletti, insieme a collanine, ciondoli, cinture intrecciate e agli immancabili camperos.

L’insieme offriva un vero e proprio dress code da spiaggia, ma con dettagli rock, volutamente casual ed al contempo femminili, seducenti.

E non furono di certo esclusi gli outfit maschili: basti pensare al 2019 e all’attesissimo dj set di Virgil Abloh. Founder di Off-white, direttore creativo delle collezioni uomo firmate Louis Vuitton, reo di aver riportato l’attenzione sulla moda uomo presentandosi all’annuale after party «Rhonda: queen of the desert» con una tee tie & dye.

E proprio durante la ss 2019 di Vuitton a Parigi, lo stilista aveva portato in passerella il suo tributo al tie&dye,
inserendo il pattern su camicie, giacche, pantaloni ampi e persino total look.

Da non dimenticare, nello stesso anno, anche il notevole lavoro di Rei Kawakubo per Comme des garçons, con i

suoi pantaloni stropicciati coloratissimi, a cui si era aggiunto Matthew Williams che per la sua 1017 Alyx 9sm aveva creato maglie abbinate a pants in stampa rettile.
O ancora, il talento italiano Dorian Tarantini che, durante la sfilata del suo brand M1992 a Milano, aveva reso il tie & dye quadrettato su suit e completi.

Il trend si è da lì riversato nelle collezioni uomo della stagione successiva, l’autunno-inverno 2019/20, prima da Berluti, poi nella sofisticata maglieria firmata Emporio Armani, seguito dal neon sfacciato di Dsquared2.

Insomma, il tie & dye era decisamente tornato alla ribalta e riconquistato una grossissima fetta di mercato.

Tie & Dye oggi: primavera/estate 2020

Per la Primavera Estate 2020 il tie & dye è (ri)tornato, ma stavolta in versione soft.

Basta guardare le proposte di Christian Dior, Versace, Acne Studios, Isabel Marant, Alberta Ferretti, Msgm, Ralph&Russo: le maison che hanno deciso di raccontare, ancora una volta, quest’iconico stile sulle passerelle, lo hanno fatto seguendo percorsi e abbinamenti diversi, ma ottenendo risultati davvero notevoli.

Non ci sono più soltanto le t-shirt a far da protagoniste, basta con felpe e parei: è giunto il momento delle tute workwear, delle giacche e dei vestiti. Di tailleur e salopette.

Il tutto, ovviamente, iper femminile.

Insomma, si tratta di un tie & dye sofisticato, delicato, reinterpretato secondo i più diversi stili.

 

tie & dye
Alberta Ferretti
Primavera Estate 2020
Ph. Elle.com
tie & dye
Ralph Russo – Primavera Estate 2020
Ph. Elle.com
tie & dye
Sally Lapointe
Primavera Estate 2020
Ph. Pinterest

Come si abbina il Tie & Dye?

Il tie & dye può essere abbinato (quasi) con tutto: basta avere gusto e furbizia.

E’ un trend così longevo da avere tutti i requisiti per essere un vero e proprio must, e non solo per l’estate in spiaggia.

La parola chiave è: semplicità. Per il resto va d’accordo con tutto: jeans skinny, tacchi alti, sneakers, sandali, camperos e salopette.

Basta guardare le passerelle del prêt-à-porter 2020 per trovare ispirazione: dalla tuta neo-gipsy di Christian Dior alla giacca di Versace, passando per il neo romanticismo di MSGM con le sue camicie in stile vittoriano ed i suoi meravigliosi intarsi crochet.

O ancora, il tailleur psichedelico di Sally Lapointe, la salopette di Alberta Ferretti mescolata con camicette romantiche e super femminili e sandali alla schiava.

Insomma, chi più me ha più ne metta: gli abbinamenti sono molteplici, lasciatevi ispirare e trovare il vostro look in stile tie & dye!

 

Views All Time
Views All Time
158
Views Today
Views Today
2
Next Post

Lettura e sport: 5 benefici per la salute e la mente

Facebook Twitter LinkedIn Lo sport è un’attività fondamentale per la nostra salute. La sua importanza è riconosciuta anche dal Ministero  che nel 2014 ha stilato un’informativa in cui ne elenca i vari benefici. L’attività fisica, però, sopratutto se praticata a livelli agonistici o con una certa frequenza, porta via tantissimo […]
benefici lettura e sport

Subscribe US Now