Bagno rilassante fai da te: Una spa personale a chilometro zero

Per allontanare i pensieri e rilassarsi, non c’è niente di meglio di un bel bagno caldo a luce soffusa. Quindi perché non fare del vostro bagno una spa personale?

Bagno rilassante, ogni momento è il più adatto, soprattutto in un periodo di grande tensione come quello attuale.

Per allontanare i pensieri e rilassarsi, non c’è niente di meglio di un bel bagno caldo a luce soffusa. Sin dall’antichità si conoscevano le proprietà rigeneranti dei bagni, che fossero nelle acque termali o in casa con l’ausilio di oli ed essenze aromatici, quindi perché non fare del vostro bagno una spa personale?

Bagno Rilassante: L’atmosfera giusta

Prima ancora del bagno in sé è fondamentale creare la giusta atmosfera e riuscirci in casa non è poi così difficile.

Innanzitutto staccate computer e telefono, nessuno dovrà disturbarvi durante il vostro momento di relax, prendetevi il vostro tempo, concedetevi uno scrub.

Il secondo passo è senza dubbio scegliere il sottofondo ideale, che sia musica ayurvedica o semplici suoni del mare o dell’acqua. La luce, nella stanza, non deve essere molto intensa, ancora meglio se la sola fonte sono due o tre candele poste a distanza dalla vasca.

Per essere più comodi posizioniamo sotto la testa un cuscino gonfiabile o un asciugamano e se siamo in pieno inverno posizioniamo un altro asciugamano grande vicino a una fonte di calore, in modo tale da averlo caldo a trattamento concluso.

Dopo esserci occupati dei particolari non resta che scegliere quale bagno fare.

Bagno rilassante
Fonte: Pixabay

Le Tipologie di Bagno rilassante fai da te

Sono tante le tipologie di bagni rilassanti esistenti fra i quali ci si può destreggiare:

  • Il Furo, un bagno tipico giapponese che prevede una vasca piena di acqua calda a cui aggiungere succo di limone e cedro, in cui immergersi lentamente per godersi al meglio un relax al profumo di agrumi.
  • Il Bania, di origine russa, che prevede un’immersione in acqua calda con l’aggiunta di oli essenziali. Al termine è possibile alternare getti di acqua calda e fredda per stimolare la circolazione.
  • L’Hamman, un bagno turco, in cui l’elemento fondamentale è il vapore. La stanza deve esserne piena, perché il vapore aiuta i pori ad aprirsi e dunque una pulizia più accurata della pelle. Ci si insapona, ci si immerge e trascorso il tempo necessario per rilassarsi, ci si asciuga e si applica una crema idratante.
  • Il Rasul, un bagno orientale, per cui si parte da un massaggio sul corpo con il fango dalle caratteriste più adatte secondo il nostro tipo di pelle e poi ci si immerge in acqua calda.
  • Lo Swedana, un bagno indiano, in cui dopo essersi cosparso il corpo di un olio idratante, come quello di argan o di mandorle, ci si immerge nell’acqua calda, nella stanza piena di vapore.

Rifarli in casa, non è complicato ma, a seconda dei propri gusti e preferenze è possibile realizzarne uno più semplice ma ugualmente rilassante. Per un bagno rilassante fai da te è indispensabile l’uso di acqua calda a una temperatura massima di 37°, oli essenziali o profumazioni rilassanti come quelli a base di limone, lavanda, gelsomino, arancio dolce, mandarino, coriandolo e ginepro.

All’acqua calda è possibile aggiungere anche il latte, meglio se vegetale o del bicarbonato che ammorbidisce e sgonfia, dei fiori di lavanda, d’arancio, petali di rosa, fiori di malva e camomilla (con proprietà calmanti e decongestionanti, ideali per i bagni serali) ma anche foglie d’alloro per un bagno distensivo o i più classici Sali da bagno.

Bagno rilassante
Fonte: Pixabay

Bagno Rilassante Fai Da Te, Ricette & Consigli

Arrivati a questo punto sarete curiosi di conoscere qualche ricetta per realizzare un trattamento rilassate diverso a seconda di ogni esigenza o possibilità.

Bagno contro i dolori muscolari: Nel caso in cui abbiate bisogno di un trattamento rilassante, utile soprattutto per lenire dolori, un bagno caldo con magnesio solfato o foglie di alloro è quello che fa per voi.

Bagno per muscoli contratti: Cercate un modo per rilassarvi dopo un’attività sportiva? Un trattamento con acqua calda e oli essenziali di chiodi di garofano o canfora gioverà alla salute.

Bagno ad azione defaticante: La giornata è stata pesante e cercate un rimedio per rilassarvi un po’? La soluzione è acqua calda, sali di epson (o magnesio solfato) e olio essenziale di lavanda.   

Bagno rilassante con oli essenziali: Preferite restare sul classico e volete solo allontanare lo stress? Unendo degli oli essenziali di lavanda, mandorle dolci o germe di grano all’acqua calda potrete sicuramente trarre giovamento e magari approfittarne anche per concedervi un bel massaggio.

Doccia Rilassante: In casa non avete una vasca in cui immergervi? Niente paura, anche una doccia con oli essenziali può darvi lo stesso risultato.

Qualsiasi sia il trattamento che scegliete di fare, ricordatevi di non posizionare le candele accese vicino a fonti infiammabili, non posizionare apparecchi elettrici vicino alla vasca, non chiudere la porta a chiave, non addormentarvi dentro la vasca (impostate una sveglia per essere sicuri), attenzione all’acqua troppo calda se si soffre di pressione bassa e attenzione agli oli essenziali che rendono la vasca ancora più scivolosa.

Inoltre durante il bagno rilassante, cogliete l’occasione di fare una maschera per il viso o bere una tisana rilassante, preparatevi qualcosa di buono e leggero da consumare dopo e dei vestiti comodi.

Non dimenticate mai di concedervi un momento per voi stesse, coccolarsi è importante per stare bene.

Pronte a distendervi un po’?

bagno rilassante
Fonte: Pixabay

Fonte: Portalebenessere.com

Views All Time
Views All Time
56
Views Today
Views Today
1
Next Post

Cambio stagione, "cambio" armadio

Facebook Twitter LinkedIn Primavera: tempo di sole, prime fioriture, prime passeggiate all’aria aperta, ma soprattutto ora di rinfrescare l’armadio per il “cambio di stagione”. Un’ abitudine casalinga, che da noi donne non viene accolta con entusiasmo, tanto che al solo pensiero sentiamo d’improvviso stanchezza, spossatezza, ci trasciniamo per la casa […]
cambio di stagione

Subscribe US Now