La vita a 30 anni: come affrontare questo periodo di confusione totale?

La vita a 30 anni: come affrontare questo periodo di confusione totale

 

La vita a 30 anni, oggi, è piuttosto difficile: siamo cresciuti pensando al titolo di studio e al posto fisso, ci immaginavamo 30enni e felici con famiglia al seguito o comunque con un lavoro che ci facesse sentire realizzati. E invece no.

Abbiamo studiato, ci siamo formati, abbiamo seguito le regole ed eccoci qua, in un mondo di 20enni talentuosi che spopolano su youtube mentre noi ci arrabattiamo per arrivare a fine mese.

Abbiamo preso riforme scolastiche, universitarie, 3+2, nuovi corsi di laurea, abbiamo viaggiato, parliamo almeno 3 lingue ma siamo fermi. E ora ci si mette anche il coronavirus.

La vita dei 30enni agli occhi degli altri

Magari avevi appena trovato lavoro, e già ti dicevamo che a 30 anni eri fuori età, ma comunque eri riuscito a realizzare un tuo sogno, potevi quasi toccarlo con la punta di un dito, ma arriva il virus e te lo strappa via. Stavi ad un passo dall’indipendenza, dopo anni di lavori sottopagati e in cui hai ingoiato rospi grandi quanto dinosauri, e ci devi rinunciare.

Sia chiaro le direttive si rispettano, anche perché non abbiamo scelta, ma per quanto si cerchi di essere positivi questa situazione ti lascia l’amaro in bocca. Ci criticano perché non facciamo figli, ma come li cresciamo?

Ci dicono che non abbiamo voglia di fare nulla, perché loro alla nostra età avevano un lavoro, i figli, una casa e cani, gatti e canarini. Ma non calcolano la totale differenza di periodo storico, con difficoltà annesse, da non sottovalutare.

La soluzione? Prendi in mano la tua vita.

Come risolvere? A sto punto seguiamo i nostri sogni, quelli che abbiamo messo da parte anni fa in nome della concretezza e del fare la cosa giusta. Il periodo che stiamo vivendo è indubbiamente un caos, in cui nessuno ha idea di quello che potrebbe succedere, per cui tanto vale fare il salto, che abbiamo da perdere? Un lavoro orribile in cui veniamo sfruttati e sottopagati? Visto che per adesso tutto è sospeso, e lo sarà per un bel po’, almeno facciamo finalmente quello che ci piace.

Da sempre ci hanno detto che con i sogni non si campa, abbiamo seguito tutte le direttive, tutti i percorsi che ci sono stati consigliati, ma qualcosa è andato storto visto che ora siamo pure costretti a stare a casa causa emergenza sanitaria. E allora, buttiamoci nei sogni, facciamo in modo che cambino le cose, che con i sogni si possa mangiare. Trasformiamo questo periodo nella rinascita dei sogni, in una nuova visione della vita orientata alla realizzazione personale e all’unione tra persone.

Cambia la tua vita, solo tu puoi farlo!

Questo momento assai particolare, ci può servire per capire chi siamo veramente e dove vogliamo andare: abbiamo molto tempo libero, e dobbiamo utilizzarlo al meglio. Possiamo fare corsi online, prendere un titolo di studio nuovo, imparare una lingua, farsi nuovi amici online…le possibilità sono molte basta coglierle.

Questo dev’essere un periodo di rinascita personale, un momento in cui spezzare le catene con il passato che ci è andato stretto e non ci ha portato dove volevamo, o come volevamo arrivarci. Non impigriamoci, eleviamo il nostro spirito facendo cose che ci piacciono e non dev’essere per forza lo studio della Divina Commedia, va benissimo anche guardarsi Netflix: ci sono tantissime serie tv storiche con cui imparare qualcosa, che poi potrete approfondire nel tempo in sedi più accademiche.

L’importante è che facciamo qualcosa che ci faccia sentire bene, che ci sia di aiuto per crescere a tutti i livelli e diventare persone migliori. Il passato non lo possiamo cambiare, ma è quello che ci ha portato fino a qua e che permetterà di andare avanti, quindi abbiamo il dovere di migliorarci per creare un mondo più equilibrato e positivo. Sennò potete fare come Kim Kardashian West e fare una foto fighissima dal bagno, con tanto di trucco, parrucco e labbra a cuore!

Forza 30enni il mondo è nostro e nessuno ce lo può rubare!

Views All Time
Views All Time
78
Views Today
Views Today
2
Next Post

Donne e violenza domestica: l'altra faccia del Coronavirus

Facebook Twitter LinkedIn La convivenza forzata, l’isolamento ed il clima di incertezza generale che contraddistinguono questo periodo di “emergenza Coronavirus“, possono comportare per le donne un ulteriore e gravissimo disagio: la violenza domestica. E’ fuori dubbio infatti, che i periodi in cui si registra un aumento degli episodi di violenza […]
violenza domestica

Subscribe US Now