Leggere a voce alta fa bene ai bambini

Leggere a voce alta fa bene ai bambini

Un recente studio lo conferma, un’ora al giorno di lettura a voce alta ai bambini aiuta l’apprendimento.

L’università di Perugia in collaborazione con Giunti Editore e Giunti Scuola, hanno avviato una ricerca sulla lettura infantile.

Da questa  ricerca si evince che la lettura ad alta voce ai bambini, ha riscontri positivi indipendentemente dall’età e dalle condizioni di rendimento iniziali.

Un’ora al giorno di lettura a voce alta, pare quindi avere benefici notevoli.

Il progetto nazionale di Giunti Scuola “Leggimi ancora. Letture ad alta voce e life skills” ha già coinvolto più di diecimila docenti in tutta Italia.

Leggere a voce alta fa bene ai bambini
Fonte: Il libraio

Il risultato di questa ricerca ha dimostrato quanto la lettura agisca su vari aspetti della mente infantile. 

Comprensione del testo, dimensioni cognitive, padronanza della lingua, intelligenza verbale e benessere sono solo alcune delle capacità migliorate grazie a questo progetto.

Nei bambini sottoposti alla lettura ad alta voce, infatti, si è notato l’aumento della loro capacità di comprensione fino ad un 10% rispetto al loro punto di partenza.

Lo studio è stato condotto su circa 1500 bambini di età compresa tra i 6 e gli 11 anni, delle scuole elementari di Torino, Modena e Lecce.

Per 100 giorni gli insegnanti, un’ora al giorno, hanno intrattenuto i giovani allievi leggendo le più belle storie per bambini a voce alta.

Oltre al fatto di non essere associato a compiti e verifiche, questo momento di pausa per i bambini ha notevolmente alzato il livello del benessere generale della classe.

La ricerca è stata diretta da Federico Batini, professore di pedagogia sperimentale dell’Università di Perugia, mentre Giunti ha messo a disposizione delle scuole, gratuitamente, una lista di libri per bambini. 

Oltre a tutto questo, sono state poi svolte le prove Mt e le prove Invalsi allo scopo di rilevare le impressioni finali dei bambini.

Tramite i dati ricavati si è arrivati a capire che gli allievi sono ora in grado di gestire meglio le informazioni in entrata, scritte o orali, ma non solo.

Sono anche più preparati ad affrontare un qualsiasi compito in classe, una situazione problematica a casa o nello sport.

In poche parole, i bambini sono maggiormente pronti alla vita. 

Basterebbe così poco se ognuno, nel suo piccolo, trovasse un’ora al giorno per leggere ai propri bambini una storia a voce alta.

I risultati si prospettano meravigliosi.

Articolo di Tina Brooks

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.