• thewebcoffeeyt@gmail.com
  • Italia
Interviste
In cucina con Alice Balossi: da Bake Off ai “Dolci per Pigri”

In cucina con Alice Balossi: da Bake Off ai “Dolci per Pigri”

Pasticcera, scrittrice e pin-up, famosa per l’inconfondibile stile retrò ed un look anni ’50 a cui si ispira anche in cucina: è Alice Balossi, ex concorrente di Bake Off Italia.

Golosa dalla nascita, pigra di natura e rossa per scelta”,

così si descrive.

Per lei la pasticceria non è necessariamente un’arte per pochi eletti, anzi: chiunque può preparare dolci, ciò che conta è l’organizzazione e un pizzico di gusto estetico!

Parlaci un po’ di te: chi è Alice?

Sono una giovane donna appassionata di pasticceria, con un sogno ben preciso. E con lo studio, con l’impegno costante, sono riuscita a cambiare la mia vita e a fare di quel sogno il mio lavoro.

Mi appassiona tutto ciò che è vintage, dagli anni ’20 agli anni ’50, ’60, e questo si riflette in tutto ciò che faccio, nel mio aspetto e nella mia cucina.

Amo la musica, specialmente il Rock ‘n Roll ed il Rockabilly, ballo il jive e adoro le serate Burlesque..insomma, vivo un po’ nel mio mondo retrò!

Perché proprio questi anni, cosa ti attira dello stile retrò?

Il retrò è innanzitutto uno stile che dona a tutte le donne, riesce ad addolcirne sempre i tratti.

Poi la musica, i balli, i film, la sensazione di rinascita che rappresentano gli anni ’50: mi attrae quell’estetica morbida, sinuosa, delicata ed allo stesso tempo forte.

Ed è uno stile che influisce molto sulle mie creazioni, soprattutto nei colori: amo il rosso, il giallo, il verde acqua. Mi fanno impazzire.

Dove nasce questa tua grande passione per i dolci?

Diciamo che sono sempre stata appassionatissima di dolci, essendo sin da bambina molto golosa.

Ho iniziato a frequentare un corso di pasticceria perché mi incuriosiva la parte “tecnica” che c’è dietro un dolce:

la precisione e l’attenzione che va messa in tutti i dettagli, e da lì ho deciso che questo sarebbe stato il mio lavoro, un giorno.

Cucinare poi mi rilassa tantissimo, anche dopo una lunga giornata. Lo vedo come un gesto d’amore vero e proprio, mi conforta.”

C’è un dolce che ami particolarmente preparare?

“I miei dolci preferiti sono veramente tanti, amo in particolar modo la pasticceria siciliana: cassate, cannoli per me sono veramente un must!

Però il dolce che mi piace di più preparare è la crostata al cioccolato: un guscio croccante con un ripieno morbido che si scioglie in bocca, quello è veramente il mio dolce preferito.

Poi ci son tante varianti, ci si può aggiungere la scorza d’arancia, la marmellata di lamponi..ma la crostata con il cioccolato è proprio il dolce che faccio quando voglio tirarmi su il morale, ecco.

San Valentino è appena passato, ma la domanda è d’obbligo: per te cos’è l’amore?

“L’amore per me è abbandonarsi completamente. Fidarsi ciecamente della persona di cui ci si innamora, fare di tutto per renderla felice.

Ed esser ricambiati ovviamente, che è la cosa più bella.

L’amore è uno scambio, ecco. Quindi anche cucinare per qualcuno è un atto d’amore, cimentarsi in qualcosa per far felice qualcun altro è la cosa più bella.”

Parlaci del tuo libro, “Dolci per Pigri”: da dove nasce quest’idea?

Dall’inizio del mio percorso, sui social, cercavo sempre di apparire non solo brava, ma perfetta: realizzavo dolci molto complicati, ricette complesse e così via.

Certo, riscontravo l’interesse del pubblico, però poi mi son resa conto che la gente ammirava sì le fotografie dei miei dolci, ma alla fine non era interessata a realizzarli.

Vuoi per mancanza di tempo, vuoi per mancanza di manualità, c’è chi magari ha voglia di preparare un buon dolce ma non di restare due, tre ore in cucina e cimentarsi proprio nell’alta pasticceria.

Ed ho scoperto che in realtà ci sono tantissime ricette che con poca fatica danno tantissima soddisfazione.

Da lì è nata quindi l’idea di realizzare questo libro, “Dolci per Pigri”, edito da Vallardi, e di smentire la convinzione che la cucina richieda necessariamente tempo e impegno.

Ricordo che quando mi avevano chiesto più di cento ricette son andata in panico, credevo davvero di non farcela, ma poi alla fine son riuscita a trovarne anche di più.

Quando inizi a cercare ricette semplici ti si apre proprio un mondo nuovo!

Questo libro mi rappresenta veramente tanto, sia nelle ricette che nella grafica, nelle foto.. ho cercato di curare ogni minimo dettaglio e sono veramente contenta di quello che è uscito fuori!”

Quali sono i tuoi progetti per il futuro?

“Ho tanti progetti, tutti ancora da definire per il momento! Ho intenzione di far ancora televisione e soprattutto lavori itineranti in giro per l’Italia, che è qualcosa che mi piace sempre tantissimo!”

Per concludere, quale dolce “per pigri” consigli ai nostri lettori?

“Consiglio senza dubbio la ricetta dei miei muffin ispirati ad Elvis Presley:

Elvis amava da impazzire il panino al burro d’arachidi, banane, bacon e cacao amaro, infatti per i seguaci dell’artista quello si chiama proprio “il panino del re”.

 Così ho deciso di realizzare la mia versione muffin! Semplice, veloce e buonissima, ve lo assicuro! La ricetta è tratta dal mio libro, ‘Dolci per Pigri’, ed è una delle mie preferite.”

Insomma, noi ringraziamo la dolcissima Alice e vi lasciamo con la sua golosa ricetta.

Buon appetito a tutti!

westwing-magazine-alicebalossi12-320x480 In cucina con Alice Balossi: da Bake Off ai “Dolci per Pigri”
Foto: Alice Balossi

Ricetta Muffin per pigri di Alice Balossi

 

Ingredienti per 6 muffin:

3 banane mature
330 g di burro di arachidi
80 g di cacao in polvere
85 g di miele

Procedimento:

Preriscalda il forno a 350 gradi. Mescola tutti gli ingredienti in un frullatore e versa in una teglia per muffin. Cuoci per 15-20 minuti. Lascia raffreddare, togli dalla padella e conserva in frigorifero.

icon-stat In cucina con Alice Balossi: da Bake Off ai “Dolci per Pigri”
Views All Time
1847
icon-stat-today In cucina con Alice Balossi: da Bake Off ai “Dolci per Pigri”
Views Today
3