• thewebcoffeeyt@gmail.com
  • Italia
Moda
Victoria’s Secret: il rebrand per rendere il marchio inclusivo

Victoria’s Secret: il rebrand per rendere il marchio inclusivo

La sfilata di moda Victoria’s Secret, che definisce il marchio, è stata sotto tiro per anni poiché sempre più persone hanno chiesto al marchio di mostrare una gamma più ampia di tipi di corpo nel suo casting e non più soltanto i corpi perfetti degli angeli. E nel 2018, quando Ed Razek, allora direttore marketing della società madre di Victoria’s Secret, ha detto che il casting di modelli trans avrebbe rovinato l’aspetto “fantasy” dello show e che nessuno è interessato alle sfilate con modelli plus size, certamente non ha fatto guadagnare punti al marchio.

 

Victoria-Secret-Logo-320x180 Victoria's Secret: il rebrand per rendere il marchio inclusivo
victorias-secret-rebrand-inclusivo

Victoria’s Secret Collective

Inutile dire che molte persone credono che un rebrand sia atteso, e ieri, Victoria’s Secret ha annunciato che sta finalmente facendo quel passo. Il marchio sta collaborando con sette donne famose per lanciare VS Collective, un gruppo che “lavorerà per creare nuovi programmi di associazione, collezioni di prodotti rivoluziona

ri, contenuti avvincenti e stimolanti, e il sostegno alle cause vitali per le donne”, secondo un comunicato stampa. Le prime donne a far parte del collettivo includono Megan Rapinoe, Priyanka Chopra Jonas, Valentina Sampaio, Paloma Elsesser, Eileen Gu, Amanda de Cadenet e Adut Akech.

 

unnamed-320x168 Victoria's Secret: il rebrand per rendere il marchio inclusivo
victorias-secret-rebrand-inclusivo

 

Una cosa diventata chiara nella storia recente del gigante della vendita al dettaglio è che la gente ha opinioni forti sul suo approccio, e questo annuncio ne è l’ennesima prova. Ad esempio, il dialogo su Twitter sembra incentrato su persone che si oppongono al fatto che Megan Rapinoe, in particolare, sia stata selezionata per la VS Collective. Altri stanno sostenendo che, anche con questo cambiamento, l’azienda è ancora a corto di vera inclusività.

“La donna americana media è una 16-18”, ha twittato una persona. “La maggior parte dei vostri capi arriva solo fino a una 12, a volte 14. Spero che diventiate più inclusivi con questo cambiamento”. Un terzo gruppo sta applaudendo l’azienda e considera questo annuncio una mossa significativa nella giusta direzione. “Questo è fantastico!” una persona ha scritto. “Non vedo l’ora di vedere il cambiamento di tono e di rappresentazione”.

Victoria’s Secret verso l’inclusività

È vero: Victoria’s Secret ha visto un minimo storico di spettatori di sfilate e un forte calo delle vendite nel 2017, che il marchio non è stato in grado di ribaltare nei due anni successivi, secondo Fast Company. Tuttavia, ha fatto una piccola rimonta all’inizio di quest’anno, con vendite in aumento del 9% nel primo trimestre rispetto al 2019, secondo Business Insider

Da un lato, è un passo nella giusta direzione, ma non si può negare che Victoria’s Secret è un po’ in ritardo per saltare sul treno dell’inclusività e tutto questo sembra in ritardo. Il tempo ci dirà se questi passi permetteranno a Victoria’s Secret di rifarsi.

modelle-curvy-laura-brioschi-300x291-1 Victoria's Secret: il rebrand per rendere il marchio inclusivo
victorias-secret-rebrand-inclusivo

icon-stat Victoria's Secret: il rebrand per rendere il marchio inclusivo
Views All Time
186
icon-stat-today Victoria's Secret: il rebrand per rendere il marchio inclusivo
Views Today
1