Una voglia assurda, il nuovo singolo di J-AX: “La musica mi ha salvato ancora”

Con un lungo post su instagram, J-AX  annuncia l’uscita del suo nuovo singolo: Una voglia Assurda.

“Devo essere sincero. Per un lungo momento ho lasciato che questo virus vincesse su di me” esordisce il cantante milanese esplicitando un pensiero comune a molti di noi che si sono ritrovati costretti al lockdown per l’emergenza coronavirus.

“La sofferenza che vedevo in giro mi schiacciava la testa sul pavimento, impedendomi di muovermi, pensare, creare.” continua J-AX senza vergognarsi di ammettere le sue debolezze, ma ognuno di noi sa essere resiliente e trovare la forza in quello in cui crede. J-AX lo ha fatto grazie alla musica.Ma la musica mi ha salvato ancora, come già era successo a 20 anni e qualche anno fa.” Ed ecco che nasce un nuovo brano, anche lui ispirato come molti altri artisti dalla situazione che tutti abbiamo vissuto.

“Ho voluto scrivere un nuovo pezzo per celebrare il fatto che possiamo rialzarci e guardare al futuro con il sorriso” ed in effetti il nuovo singolo di JAX, Una Voglia Assurda, è una vera bomba di positività, pronta a diventare l’unico vero tormentone di questa strana estate del 2020. “È vero, questo è un mondo nuovo, ma non significa che dobbiamo vivere a metà. Possiamo tornare a ridere, giocare, baciarci. A vivere. E io voglio farlo anche più intensamente di prima.”

 

Una Voglia Assurda: un brano in pieno stile J-AX

 

Il nuovo singolo si presenta come una canzone fresca, dal ritmo incalzante e dal ritornello che entra già in testa al primo ascolto ma che lascia anche un pizzico di commozione per quello che sembrava talmente scontato ma che ci è stato rubato. Quello che riesce a creare con questo brano, è un riassunto attraverso la musica di quelli che sono stati questi mesi di lockdown. J-AX gioca sapientemente con le parole ed ecco che in Una voglia assurda ritroviamo momenti che hanno caratterizzato la quarantena degli italiani, come il fare la pizza in casa, finire tutto il catalogo di Netflix o termini specifici che sono entrati nel nostro vocabolario quotidiano come “asintomatico”.

Il vero pezzo forte di Una voglia Assurda arriva però al ritornello quando JAX canta

Ho una voglia assurda
Di stare tra la gente
Urlare come in curva
Cantare Acqua azzurra nudi in riva al mare
Perdere un po’ la testa
Stare in strada a ballare
Entrare ad ogni festa

Che poi si, che ci importa?
Siamo qui fino all’alba
Con in tasca la felicità
Ci baciamo tutti

Una voglia assurda j-ax
Una voglia assurda

Esprime in poche righe il desiderio di tutti: quello di ritrovarsi, di riabbracciarsi, di recuperare quei mesi fatti di videochiamate e messaggi ma di assenze fisiche. Ci porta verso il periodo estivo e dichiara che darebbe qualsiasi cosa pur di ritornare al mare. Nel testo infatti dice di voler sopportar i tormentoni estivi e i salvagenti a forma di fenicottero. Una frase che sembra gettata li per caso ma che in realtà esprime quanto, un’esperienza del genere, ci abbia fatto rendere conto come anche le piccole cose che ci sembravano normalità e quasi ne eravamo stufi, adesso le rivorremmo indietro.

 

Un altro passaggio importante di Una voglia Assurda è nella strofa:

Al futuro penso poco
Perché mi manca il presente e il passato vorrei fosse remoto
Tipo chat di gruppo “Andrà tutto bene” non so
So solo che vorrò più bene a tutto

J-AX vuole dirci che è difficile riuscire a fare piani per il futuro, d’altronde adesso siamo in un periodo in cui ancora tutto è incerto su diversi versanti, ed è già complesso riuscire a vivere il presente. L’unica certezza è quella speranza che andrà tutto bene e che questa emergenza ci ha forse insegnato a voler bene a tutto, forse ci ha cambiati, o almeno è quello che si spera (anche se le ultime vicende dimostrerebbero il contrario).

Una voglia assurda j-ax
Una voglia assurda

In ogni caso, JAX ha ritrovato la sua voglia assurda di cantare, di trasmettere messaggi positivi e ancora una volta ci ha insegnato che la salvezza può arrivare attraverso milioni di modi ma che se non ci fosse la musica saremmo tutti un po’ persi.

Ricorderete tutti i canti sui banconi, no? Anche se qualcuno ha dichiarato che era irrispettoso verso chi purtroppo ha perso la vita, è stato forse uno dei momenti massimi d’unione della nostra popolazione. Cantare in coro, con gli accendini o le torce dei cellulari in mano, ascoltare coloro che si improvvisavano dj o ringraziare il proprio idolo che con solo voce e chitarra faceva un concerto personale dalle proprie mura di casa, sono stati tutti attimi che ci hanno intrattenuto, strappato un sorriso, fatto credere che fosse davvero possibile uscire fuori dal tunnel. Alla base di tutto, quella stessa musica che ha salvato JAX dalla depressione.

L’idea infatti di un brano del genere è nata proprio grazie ad un periodo di depressione che il cantante ha vissuto durante la quarantena. “All’inizio ero speranzoso, poi è salita la depressioneHo smesso soprattutto di ridere e di creareSentivo anche come tutte le mie canzoni non avessero più un senso. Il mondo stava cambiando e le canzoni erano scritte praticamente su un altro pianeta.

Ma poi ho pensato: ‘perché devo lasciare che questo mostro mi blocchi? Devo reagire’. Non faccio altro che il mestiere di musicante, quindi ho fatto una canzone parlando di questo: della voglia di cominciare a ridere.

E voi, avete già ascoltato il nuovo singolo? Ma soprattutto, quale è la vostra voglia assurda? Fatecelo sapere con un commento!

 

 

 

Views All Time
Views All Time
249
Views Today
Views Today
2
Next Post

8 letture che ti sei perso per i tuoi fine settimana

Facebook Twitter LinkedIn Siamo pienamente entrati nella fase 2: questo significa poter finalmente uscire, ritrovarsi con gli amici, fare shopping. Diciamo quindi addio a giornate intere passate tra divano e frigorifero e al moltissimo tempo a disposizione senza sapere cosa fare. Oggi parliamo di quelle letture che, per diversi motivi, […]
8 letture

Subscribe US Now