#TeamTrees, la petizione e l’applicazione per piantare 20 milioni di alberi

Giulia

#TeamTrees è l’hashtag lanciato dallo youtuber americano Jimmy Donaldson, in arte MrBeast, in occasione del raggiungimento dei 20 milioni di iscritti al suo canale YouTube.

In realtà l’idea non è stato proprio di MrBeast, ma è partita da una sfida che i suoi followers gli hanno lanciato proprio in vista del raggiungimento del suo obiettivo che in molti suoi colleghi sperano di raggiungere durante la loro carriera sul web.

Lo youtuber, famoso e conosciuto in tutto il mondo, infatti, aveva chiesto una mano a chi lo segue sui diversi social per far qualcosa di strepitoso per il raggiungimento di ben 20 milioni di iscritti.

Ed ecco che a Maggio è partito l’hashtag #TeamTrees, sostenuto da personaggi importanti come Elon Musk, imprenditore e inventore famoso in tutto il mondo, che ha donato la bellezza di un milione di dollari.

Dorsey, creatore di Twitter e Fleetic, ha invece donato alla causa $150,000, mentre il DJ norvegese Alan Walker ne ha donati 100,001.

Il creatore stesso della petizione invece ha donato $100,002.

Insomma, sono stati molti i vip (ma anche le persone comuni nel loro piccolo hanno cercato di dare il loro contributo) a donare e cercare di fare anche un passo per dare un buon esempio ai fans, quello che in realtà dovrebbe fare qualsiasi influencer.

Con l’aiuto di un altro youtuber, Mark Rober, MrBeast in cinque mesi è riuscito a organizzare la petizione e, il 25 Ottobre, l’ha ufficialmente pubblicata con il nome #TeamTrees

Ecco alcuni dettagli importanti, che lo youtuber ha lasciato sul sito teamtrees, da sapere sull’evento e probabilmente anche per riuscire ad avere più credibilità anche da chi non lo conosce e potrebbe pensare che possa approfittarsi dei suoi fans e del successo. 

Ma l’artista non dà l’opportunità a nessuno di dirgli qualcosa contro, per cui ha rilasciato le seguenti indicazioni: 

  1. Un dollaro donato equivale a un albero piantato;
  2. I soldi sono donati in USD (United States Dollar), che equivale a circa €0,90;
  3. Gli alberi saranno piantati da Gennaio 2020 a Dicembre 2022, in diverse foreste private e pubbliche del globo;
  4. Le specie di alberi piantate saranno quelle adatte al luogo e alla stagione, il loro motto è infatti di piantare “the right trees, in the right place, at the right time, for the right reasons“.

Tuttavia, se proprio non volete o non avete la possibilità di donare, avete l’alternativa di scaricare un’app e guardare le pubblicità

Si chiama “SaveOurPlanet”, è uscita di recente ed è disponibile, al momento, solo per dispositivi Android sul Play Store, ma ci accontentiamo anche così!

Il gioco prevede, per l’appunto, di piantare un tot alberi per livello, semplicemente cliccando sullo schermo più volte, su un pianeta in continua rotazione cercando anche di superare dei piccoli ostacoli. 

Gli ostacoli possono variare, ma di solito è evitare un cerchio che si ingrandisce e rimpicciolisce più volte. Se colpisci il cerchio mentre pianti l’albero, il livello si resetterà. 

Sembra semplice, ma in realtà se prendi il ritmo quasi non ti accorgi di quel cerchio che poi ti rovina tutto!

Ma come avviene la donazione?

#teamtrees
Le diverse schermate del gioco
  1. Nel primo screenshot vediamo la schermata del gioco, dove bisogna solamente cliccare sul proprio schermo per piantare;
  2. Nella seconda, ci viene detto come donare e veniamo anche linkati alla pagina ufficiale per donare veri e propri soldi;
  3. Infine, nel terzo screenshot vediamo la pagina tramite cui possiamo fare la donazione, cliccando solamente sul piccolo play in basso a destra che farà partire la pubblicità.

Insomma, non avete proprio scuse per non provare a piantare alberi! Costa poco o è, addirittura, gratuito e impiega circa 20 secondi della vostra giornata!

Views All Time
Views All Time
146
Views Today
Views Today
1
Next Post

Matteo Salvini, dopo Tik Tok, inizia la lotta fra sardine e gattini

Facebook Twitter LinkedIn Sono ormai giorni che il web e, in certi casi, le piazze, sono piene di sardine e di gattini e ovviamente chi c’entra in questa diatriba se non il tanto amato e odiato Matteo Salvini? Ebbene, iniziamo a raccontare questa storia dal suo principio. Era il 14 […]
matteo salvini sardine

Subscribe US Now