ferragni

Chiara ma… come ti vesti?

La moda negli anni ha fatto enormi passi avanti… o forse no? Ce lo chiediamo tutte le volte in cui lungo le passerelle vediamo uomini che invece di indossare giacca e cravatta, sfilano con i gonnellini, manco fossero degli scozzesi delle Higlands. E ce lo chiediamo anche quando vediamo gli influencer nostrani, prendere i primi capi che hanno nell’armadio ed usarli con quello che loro chiamano stile. Ma siamo sicuri che ne abbiamo da vendere?

Prendiamo per esempio la nostra Chiara Ferragni. Guardando molti dei suoi outfit, che decide di sfoggiare nelle serate tra i vips e quelle in famiglia, ci viene da chiedere: ma come ti vesti? Chissà quale sarebbe il parere di Enzo Miccio e Carla Gozzi. Ma noi, da non esperti di moda ed in modo totalmente ironico, senza ledere le parti in causa, vogliamo divertirci nel dare uno sguardo ai fascinosi abbinamenti che la influencer indossa.

Dagli abiti fluo, al minidress utilizzato per i suoi 30anni, ricoperto di Swarowski, che le è valso la critica di mancanza di originalità in quanto era già stato indossato da Paris Hilton nel 2002. Più che un outfit da party, dava l’idea di una vestaglia intima un pò troppo scoperta.

Più recentemente, a gennaio in occasione dell’Alta Moda Parigina, l’influencer nostrana, opta per un tubino in jersey strech di Fausto Puglisi, intrecciato e provocante. Ed ovviamente, sotto il “vestito”, niente. Durante le vacanze estive in famiglia, Chiara decide di indossare un top di GOI che le ha lasciato scoperta la parte bassa del seno. In tutti questi casi le critiche non sono mancate.

Da non dimenticare è il suo vestito nero, o meglio un velo trasparente che ha messo in risalto soltanto mutandine e reggiseno. E in che occasione ha deciso di indossarlo? ovviamente per una tranquilla passeggiata per le strade di Portofino, luogo scelto come meta per l’anniversario con il marito Fedez, che dal canto suo, abbandonando tute e scarponi, aveva optato per camicia e pantaloni.

Visualizza questo post su Instagram

Portofino nights @fedez 💘

Un post condiviso da Chiara Ferragni (@chiaraferragni) in data:

In questi giorni la Ferragni è al centro dell’attenzione in particolare per l’uscita del suo documentario Unposted, che (se ancora non ne siete a conoscenza) racconta tutti i segreti della donna. Forse è guardandolo che capiremo da dove deriva il suo gusto nel vestire? In fondo Chiara è stata considerata da Forbes “l’influecer di moda più importante del mondo”.

Due sono state le premiere a cui ha preso parte. La prima a Venezia, in occasione del Festival del cinema. In quest’occasione indossa un abito firmato Dior: lungo, con un profondo scollo, nero ma luccicante come una notte piena di stelle. Peccato che, non sia propriamente adatto alle sue forme. Una scelta però sicuramente più azzeccata rispetto alla seconda premiere a Milano.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 

It was a dream @chiaraferragniunposted. Haute Couture custom dress by @dior @mariagraziachiuri ❤️

Un post condiviso da Chiara Ferragni (@chiaraferragni) in data:

Nella capitale della moda italiana, l’influencer sfila sul pink carpet, con una abito bustier personalizzato, firmato Etro: in parole povere, una tuta nera con un grosso fiocco dalle sfumature nella gamma del rosa, tanto per rimanere in tema.

Ultima, ma non ultima, la scelta delle scarpe. La maggior parte delle volte in realtà si tratta di ciabatte che danno all’occhio soltanto perchè i piedi della Ferragni sono brutti, o almeno cosi dicono.

Curiosità:

chiara-ferragni-documentario-stile-outfit-migliori-peggiori