Luisa Spagnoli: tutta la storia, dal “Bacio” alla moda

Luisa Spagnoli: tutta la storia, dal “Bacio” alla moda

Luisa Spagnoli, è conosciuta in tutto il mondo per la sua moda che affascina generazioni. Ma chi c’è dietro questo importante nome?

Luisa Sargentini è quella che noi conosciamo come Luisa Spagnoli, è nata il 30 ottobre 1877 a Perugia; i genitori Pasquale e Maria Conti. Molto giovane, a ventuno anni, sposa Annibale Spagnoli: insieme rileveranno una drogheria e da lì ha inizio la loro attività imprenditoriale.

Nel 1907 i coniugi con Francesco Buitoni, Leone Ascoli e Francesco Andreani aprono una piccola azienda dolciaria con circa quindici dipendenti, la Perugina.

Quando scoppia il primo conflitto mondiale alla direzione della fabbrica resta la Spagnoli con i figli Mario e Aldo.

La Perugina quando la guerra sarà finita conterà più di cento dipendenti; nel 1923 Annibale Spagnoli lascia l’azienda e lì che la si viene a “conoscenza” della storia di Luisa con Giovanni Buitoni, figlio del socio Francesco, più giovane di lei di dodici anni, storia che resta comunque riservata.

Ma Luisa Spagnoli è una donna che vuole il cambiamento.

Entrata nel consiglio di amministrazione la Spagnoli inizia a porre la sua attenzione anche al benessere dei propri dipendenti, in particolar modo alle mamme lavoratrici. Infatti è stata la prima a introdurre gli asili nido in fabbrica in Europa. In tal modo poteva offrire un aiuto a quelle donne che, volenterose di lavorare, non sapevano a chi affidare i propri figli.

Punto forte dell’industria è il Bacio, il cioccolatino con un sapore passionale con la dedica d’amore. Ma la voglia di crescere, di fare di Luisa Spagnoli va oltre e pone attenzione su un altro settore: il tessile.

I conigli di Angora

Affascinata da questi coniglietti, specie domestica poco conosciuta in Italia, decide di allevari e senza maltrattarli vengono con cura pettinati per ricavare la lana di Angora. Nasce così L’Angora Spagnoli che lancia sul mercato della moda capi di qualità. Vengono riconosciuti alla fiera di Milano ottimi prodotti, infatti saranno 8.000 gli allevatori che manderanno la lana di questi morbidi conigli.

L’azienda di moda avrà successo solo qualche anno dopo con alle redini il figlio Mario. Luisa si ammala di tumore alla gola, Giovanni Buitoni porterà l’amata Spagnoli a Parigi per avere cure specialistica, ma muore nel 1935 a 58 anni.

La Spagnoli per quell’epoca è stata una donna innovativa, rara in quegli anni dove la donna spesso era solo una massaia. Una donna che ha portato avanti i suoi progetti, che ha lasciato in eredità la sua fama al nostro Paese che, grazie a personaggi come lei, è tra i primi nel mondo per l’artigianato e la moda.

Fonte: luisaspagnoli.it, wikipedia.it

Virginia Di Leone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.