Giornata internazionale dello sport: 5 sport di cui non eri a conoscenza

Monica Buzzone

Oggi 6 Aprile, ricorre la Giornata Internazionale dello Sport. Potrei fare un papello enorme su cosa sia lo sport, su quanto sia importante praticare attività fisica. Potrei scrivere dei soliti sport. Ma invece che parlare del classico, noioso e ripetitivo calcio, o degli sport più conosciuti, oggi vi parlerò di 5 sport poco conosciuti e che possono sembrare strani.

Hurling

Dall’inglese “to hurl” che significa «colpire con violenza» è uno sport di squadra irlandese. Una sorta di hockey su prato giocato con una mazza di legno. Fu proibito per un lungo periodo di tempo durante l’occupazione britannica. Ogni squadra è composta da 15 giocatori, si usa una mazza in legno di frassino il cui nome è hurley o camàn per colpire una palla di cuoio, la sliotar. Obiettivo? Ovviamente fare più gol possibili. Viene definito come lo sport dove la palla viaggia più velocemente, difatti un buon tiro può raggiungere perfino i 150 Km/h. Non vorrei essere sulla sua traiettoria.

Tchoukball

Sport svizzero, nato nel ’71 dalla mente di un biologo. Doveva essere semplicemente un’attività fisica per aiutare gli atleti infortunati a tornare in forma. Invece è divenuto un vero e proprio sport. A differenza di altre discipline sportive, questa non prevede il contatto fisico fra gli atleti. La porta è una rete inclinata sulla quale si deve far rimbalzare la palla, che dovrà ricadere sul terreno di gioco senza essere intercettata per poter assegnare il punto alla squadra. Ovviamente ci sono delle regole da seguire, quasi tutte basate sul numero 3. Non si può tenere la palla per più di 3 secondi, non si possono fare più di 3 appoggi con la palla in mano, si deve arrivare al tiro entro 3 passaggi (ricorda la pallavolo).

Sepak Takraw

Sport originario del Sud-Est Asiatico, nato intorno alla metà del 1400. È un gioco simile a quello della pallavolo, con una fondamentale differenza: si gioca con i piedi e non con le mani. Nel nome, non a caso, è nascosto il significato: sepak in lingua malese significa “calciare”. Si affrontano due squadre, chiamate regu, di 3 giocatori. Vince chi arriva prima a 21 con due punti di scarto e come nella pallavolo, si gioca a set.

Cheeserolling

No, non è uno scherzo, c’è veramente il formaggio di mezzo. Questo sport prevede che i partecipanti corrano giù per pendio scosceso, rincorrendo una forma di formaggio che rotola verso valle. Scopo del gioco? Afferrare la forma di formaggio e arrivare in fondo al percorso per primi (e sani e salvi aggiungerei). La competizione più famosa è la Cooper’s Hill Cheese Rolling. Cercando online qualche video, non sapevo se ridere o tirare sospiri di sollievo vedendo i giocatori alzarsi alla fine della corsa.

Yukigassen

E se le battaglie di palle di neve non fossero solo un divertimento occasionale, ma un vero e proprio sport? È così in Giappone, dove ogni anno due squadre da 7 giocatori ciascuna, si sfidano a colpi di bianche, non molto soffici, palle di neve. Gioco simile a ruba bandiera, un giocatore viene eliminato se colpito.

Pallone col bracciale

Derivato dalla pallacorda, sport dimenticato e non più praticato, è nato nelle corti rinascimentali (anche se menzioni di questo sport risalgono ad epoca greco-romana) ed ebbe grande diffusione nella nostra nazione. I giocatori professionisti guadagnavano parecchio, al pari, se non di più, di tennisti, golfisti e piloti di oggi. Inoltre, questo sport era così popolare da essere oggetto di forti scommesse. Il campo su cui si giocavano le partite prendevano il nome di Sferisteri, di cui uno dei più monumentali si trova a Macerata e che adesso è un teatro. Piccola curiosità: De Amicis scrisse un libro su questo sport.

Di sport strani, ancora praticati o meno, ce ne sono davvero tanti. Dovrei fare diversi articoli per menzionarli tutti. Prima di concludere, vorrei ricordare a tutti voi una cosa: lo sport non è solo agonismo e competizione, è soprattutto divertimento. Buono sport a tutti.

Ps: a proposito di sport curiosi, date un’occhiata qui https://www.italia.ludosport.net/

Views All Time
Views All Time
313
Views Today
Views Today
2
Next Post

Ad ogni viso la sua crema: come scegliere la più adatta?

Facebook Twitter LinkedIn C’è chi ne usa lo stretto indispensabile, chi non ne fa può fare a meno in ogni momento della giornata (tanto da tenere una piccola confezione persino dentro la borsetta). Resta il fatto che non ci sarà un mobile da bagno che non ha sopra almeno una […]

Subscribe US Now