Il romanzo scritto da un detenuto su Whatsapp che ha vinto il Victorian Prize

Pubblicare un romanzo è, di per sé, una cosa non da poco. Scriverlo addirittura interamente su Whatsapp e, per di più, dietro le sbarre deve essere un’impresa epica. Ci è riuscito il giornalista Behrouz Boochani

Con il suo romanzo, Behrouz Boochani, poeta, difensore dei diritti umani e produttore cinematografico, il 31 gennaio scorso ha vinto il Victorian Prize, uno dei premi letterari più prestigiosi al mondo.

romanzo
Fonte: amazon.uk

 

Il romanzo, scritto in 5 anni ed inviato in parti su Whatsapp, si intitola “No Friend But the Mountains: Writing from Manus Prison” . Si tratta di un racconto autobiografico sulla permanenza nel carcere di Manus in Papua (Nuova Guinea) dove, lo scrittore curdo, è detenuto dal settembre 2013.

Si parla di un’opera letteraria di grande valore, divisa tra prosa e poesia, ma anche di un messaggio di speranza e di una richiesta di attenzione verso una terribile realtà che, Boochani stesso, ha vissuto sulla sua pelle: quella della terribile politica sulla migrazione australiana.

Nel suo discorso, registrato ed inviato in occasione della cerimonia, l’autore ha definito il premio una “vittoria per l’umanità ed i suoi valori, per la dignità, per la lotta contro un sistema che rende gli uomini numeri”

Note e curiosità sull’autore

romanzo
Fonte: RadioNz

Behrouz Boochani è amante della letteratura e della parola. Prima della prigionia, ha lavorato come giornalista freelance per alcuni giornali iraniani. Nell’agosto 2013, durante un viaggio via mare nel tentativo di arrivare in Australia, è stato arrestato e portato nel carcere di Christmas Island, poi sull’sola di Manus.

Durante la permanenza come detenuto, ha pubblicato articoli su diversi giornali internazionali come “The Day My Friend Hamid Kehazaei Died” in The Guardian e “Life on Manus: Island of the Damned” in The Saturday Paper.

 

Fonte: https://www.theguardian.com/profile/behrouz-boochani

Autrice: Morgana Meli

Views All Time
Views All Time
246
Views Today
Views Today
1
Next Post

Digrignare i denti nel sonno: cause, rimedi, consigli

Facebook Twitter LinkedIn “Grrrr…..”: un suono inquietante che può turbare il sonno notturno; il suono di un gesto involontario ma che, a lungo andare, può portare a delle conseguenze: il digrignare i denti. Un gesto involontario, appunto, perché nella maggior parte dei casi avviene durante il sonno e che, a […]

Subscribe US Now