Nude make up: essere belle…senza farsi troppo notare

Nude make up: essere belle…senza farsi troppo notare

Consigli, suggerimenti per un (non) trucco impeccabile

Il 2018 è iniziato da poco, e dato che secondo l’oroscopo sarà l’anno fortunato del mio segno (Cancro), ho deciso di aspettare l’anno nuovo per tornare a parlare di un argomento che amo, il make up, ed in particolare di un trucco che adoro follemente : il nude make up.

I motivi ? Sono tanti : è leggero, pratico, e si fa in poco tempo…e per chi come me la mattina non vuole alzarsi 10 minuti prima da letto per dedicarsi al trucco, vi assicuro che è un autentico “salvavita”.

Soprattutto se si è passata la notte insonne e la mattina sotto gli occhi ci si trova due occhiaie grosse come una casa (o due “calamari”, come le chiamava la mia mitica nonna..non ho mai capito perché).

Pronte a prendere nota?

COSA CARATTERIZZA IL MAKE UP NUDE?

Come facilmente intuibile dal nome, il make up nude  dà l’impressione che la pelle sia  nuda, assolutamente priva di trucco, fresca e riposata. Tuttavia il trucco c’è anche se molto molto lieve.

Un trucco che ci permette di mascherare quelle piccole imperfezioni che la pelle totalmente nuda metterebbe in evidenzia: parliamo di punti neri, piccoli brufoli, acne, per non parlare delle famigerate occhiaie.

PAROLE CHIAVE DEL MAKE UP NUDE: BELLA IN POCHE MOSSE

Parola chiave n°1: idratazione

L’idratazione è alla base di qualsiasi make up, perché che ci trucchiamo o no la nostra pelle deve essere sempre idratata per mantenersi fresca ed elastica.

E nel make up nude questa gioca un ruolo chiave.

La crema idratante che usiamo dev’essere naturale e delicata, in modo che si assorba completamente e facilmente prima di procedere con il trucco vero e proprio.

(continua nella pagina seguente)

Pubblicato da martysmith89

Se dovessi descrivere la mia vita, la definerei come un paesaggio pedemontano, dove rilievi irti e rocciosi si intrecciano con ampie vallate sconfinate. La mia prima grande passione,quella per la scienza, c'è stata fin da piccola ma ha cominciato ad assumere la forma della Biologia in seconda liceo, e dell'Immunogenetica adesso. L'altra, quella per la scrittura, quasi in parallelo, grazie ad eventi casuali: per me è stato come un fulmine, che mi ha colpita e ha lasciato un segno indelebile. Io e la scrittura siamo unite da un filo invisibile ma solido.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.