Mangiare poco in estate: bene o male?

Mangiare poco in estate: bene o male?

Mangiare poco in estate: per alcuni una scelta salutistici, per altri una conseguenza legata alla calura come quella che ci sta colpendo in questi giorni, che fa mettere il cibo all’ultimo posto delle nostre priorità. Tuttavia, seppur ridotte, le esigenze alimentari da parte del nostro organismo vanno comunque soddisfatte, per evitare effetti spiacevoli a livello di salute.

Mangiare poco in estate: quali sono i rischi?

 Mangiare poco in estate
Mangiare poco in estate

Il mangiare poco durante la stagione calda è da una parte un fenomeno fisiologico, perché il nostro corpo contrariamente a quanto accade in inverno non ha la necessità proteggersi da temperature fredde, e quindi la quantità di energia che arriva dal cibo diminuisce. Diminuire, ma non annullare: infatti la mancanza totale di alimentazione, comporta anche un diminuito apporto di nutrienti utili, come vitamine e Sali minerali, con conseguenze a livello sia fisico che psicologico (come ad esempio difficoltà a dormire, avere attacchi di panico ed ansia)

Mangiare poco in estate: i consigli degli esperti

 Mangiare poco in estate
Mangiare poco in estate

Per questo, va bene il “less is more” ma bisogna mangiare, cercando in questo caso di puntare sulla qualità più che sulla quantità di cibo che assumiamo: per affrontare la stagione calda al meglio, una prima mossa a livello alimentare è puntare molto su frutta, meglio se ricca di fibre, e verdura di stagione.

Non possono mancare il pesce, alimento leggero e fonte naturale di Omega3,e i latticini, in quanto svolgono una funzione distensiva dei nervi.

Tra i cibi da evitare, invece, svettano insaccati e in generale carni grasse, ricche di Sali che possono aumentare la sensazione di caldo.

Una carenza, quella legata al mangiare poco in estate, che può essere compensata anche con l ausilio di integratori, ma solo in quelle situazioni in ci se ne ritiene necessario l’assunzione al fine di contrastare la stanchezza e la spossatezza dovuti al caldo.

Pubblicato da martysmith89

Se dovessi descrivere la mia vita, la definerei come un paesaggio pedemontano, dove rilievi irti e rocciosi si intrecciano con ampie vallate sconfinate. La mia prima grande passione,quella per la scienza, c'è stata fin da piccola ma ha cominciato ad assumere la forma della Biologia in seconda liceo, e dell'Immunogenetica adesso. L'altra, quella per la scrittura, quasi in parallelo, grazie ad eventi casuali: per me è stato come un fulmine, che mi ha colpita e ha lasciato un segno indelebile. Io e la scrittura siamo unite da un filo invisibile ma solido.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.