Prendersi cura dei capelli biondi: istruzioni di bellezza

Prendersi cura dei capelli biondi: istruzioni di bellezza

Prendersi cura dei capelli biondi: a cosa prestare attenzione? Quando si parla di capelli biondi, l’associazione con i termini “sensualità”, “grinta” o con grandi dive del nostro tempo e del passato, da Marilyn Monroe a Diana, è inevitabile. Ma più di altri tipi di capelli, anche i capelli biondi necessitano di una cura attenta e scrupolosa, soprattutto se questi non sono naturali ma sono frutto di trattamento (tinta ecc..)

Prendersi cura dei capelli biondi: occhio al sottotono

Prendersi cura dei capelli biondi
Prendersi cura dei capelli biondi

Innanzitutto, per una giusta cura dei capelli biondi, soprattutto nel caso in cui siano tinti è importante capirne il “sottotono”, un pò come facciamo con la pelle quando dobbiamo scegliere il nostro fondotinta ideale, e proprio come per la scelta del fondotinta, anche in questo caso l’ armocromia ci viene in aiuto, nel giostrarci tra “biondi caldi” e “biondi freddi”.

Del primo gruppo, ad esempio, fanno parte biondo miele, il biondo ramato e il biondo caramello, mentre il secondo comprende il biondo platino, il biondo cenere e quello che viene detto “biondo ghiaccio”

Prendersi cura dei capelli biondi: naturali o decolorati?

Rappresenta uno dei nodi cruciali nella cura dei capelli biondi, in quanto la cura nel caso di un biondo “naturale” è molto scrupolosa, ma sicuramente meno impegnativa rispetto ad un biondo “decolorato”; infatti anche i capelli naturalmente possono andare incontro ad alcune problematiche: ad esempio possono essere soggetti a macchie o addirittura scurirsi.

Questione molto più ardua è quella dei cosiddetti “capelli biondi decolorati”, che richiedono una grande manutenzione sia presso parrucchieri e saloni specializzati che a casa, in quanto oltre alle macchie, possono andare incontro ad ingiallimento o addirittura virare al arancione o al verde, oltre a diventare col tempo secchi, sfibrati e poco elastici.

Nel primo caso, ossia di un biondo naturale, la parola d’ordine nella scelta della hair routine è delicatezza: puntare, quindi prodotti con ingredienti il più possibile d’origine naturale, che possano detergere in profondità ma senza essere aggressivi, oltre che ad azione antiossidante, per prevenire che il capello si opacizzi e si scurisca.

In caso, invece, che si ha a che fare con un biondo frutto di tinta o “decolorato”, trattandosi di trattamenti che inevitabilmente danneggia il capello, bisogna prestare massima attenzione alla scelta dei prodotti, per non andare a peggiorare ulteriormente la situazione. Uno dei principali prodotti da utilizzare in questo caso è uno shampoo contenente pigmenti viola, in quanto, nella ruota dei colori è il suo opposto, ecco quindi perché riesce a neutralizzare questa pigmentazione indesiderata.

Inoltre, è importante adottare una hair routine non troppo intensa, contrariamente ad altre tipologie di capello, limitando il numero di lavaggi settimanali, al fine di non far sbiadire il colore e non seccare i capelli.

Pubblicato da martysmith89

Se dovessi descrivere la mia vita, la definerei come un paesaggio pedemontano, dove rilievi irti e rocciosi si intrecciano con ampie vallate sconfinate. La mia prima grande passione,quella per la scienza, c'è stata fin da piccola ma ha cominciato ad assumere la forma della Biologia in seconda liceo, e dell'Immunogenetica adesso. L'altra, quella per la scrittura, quasi in parallelo, grazie ad eventi casuali: per me è stato come un fulmine, che mi ha colpita e ha lasciato un segno indelebile. Io e la scrittura siamo unite da un filo invisibile ma solido.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.