Turchia: scoperta Matiate, la città sotterranea più grande del mondo

Turchia: scoperta Matiate, la città sotterranea più grande del mondo

Nella cittadina turca di Madyat è fortunosamente riemersa Matiate, centro sotterraneo di 1900 anni fa che poteva ospitare 70000 persone. La scoperta stupisce gli archeologi.

Turchia: scoperta Matiate, la città sotterranea più grande del mondo: la scoperta inaspettata.

Durante alcuni lavori tra le strade e gli edifici di Madyat, paese nella Turchia sudorientale, gli abitanti hanno trovato un’entrata per una grotta. All’interno di essa hanno scoperto un enorme complesso di stanze e gallerie sotterranee.

Scavi di Matiate, la città sotterranea più grande del mondo. Il sito è stato scoperto per caso durante la pulizia delle strade e degli edifici nella cittadina di Madyat in Turchia. (Fonte: Anadolu Agency)

Gli archeologi si sono messi subito all’opera per esplorare il sottosuolo di Madyat. Fino ad ora sono state rinvenute 49 stanze e dozzine di tunnel.

Nel complesso, ribattezzato Matiate (la “città delle grotte”), i ricercatori hanno scoperto oggetti risalenti al II-III secolo d.C., siti di stoccaggio, altari per pregare e pozzi d’acqua.

Secondo gli studiosi è stato scoperto solo il 3% dell’intera area dell’insediamento. La città sotterranea, scavata nella roccia calcarea, risale a 1900 anni fa stando alle parole di Gani Tarkan, direttore del Museo Mardin e promotore degli scavi.

Turchia: scoperta Matiate, la città sotterranea più grande del mondo: Chi viveva sotto terra?

Chi e quanti erano gli abitanti di questo enorme complesso ipogeo? Gani Tarkan spiega che Matiate era abitata quasi 2000 anni fa da gruppi di cristiani in fuga dalle persecuzioni dei Romani.

“Come è saputo, il Cristianesimo non era una religione ufficiale nel secondo secolo. Famiglie e gruppi che accettarono il Cristianesimo in genere si rifugiavano in città sotterranee per sfuggire alle persecuzioni di Roma.”

Poi il direttore del Museo Mardin sul numero di abitanti che popolavano la “Città delle grotte”:

“È un’area dove stimiamo che almeno 60-70000 persone vissero.”

Inoltre l’archeologo Lozan Bayar, dell’ufficio di Protezione e Supervisione della Municipalità di Mardin, approfondisce di più la tesi dei Cristiani perseguitati.

“Tali città sotterranee fornivano sicurezza alle persone, e loro pregavano anche lì. Erano anche posti in cui scappare. Cisterne, pozzi e sistemi fognari sono stati creati durante quel periodo.”

Le scoperte nella città sotterranea più grande del mondo si succedono velocemente negli scavi di Tarkan e i suoi assistenti.

Di questo passo Matiate dimostrerà di essere più grande della città sotterranea di Derinkuyu, in Cappadocia, che anticamente era abitata da 20000 persone.

Il sito scoperto sotto Madyat spicca tra le altre città sotterranee rinvenute in Turchia (ne sono almeno 40) non solo per le dimensioni, ma anche per la posizione particolare, ovvero al di sotto di un centro abitato.

La speranza di Tarkan e del suo team (e anche nostra) è che questo sito diventi un attrazione turistica conosciuta a livello internazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.