Decidofobia – la paura di decidere?

Decidofobia – la paura di decidere?

Decidofobia – di cosa si tratta?

Quante volte ti capita di lottare con ogni piccola decisione, come decidere cosa indossare al lavoro o cosa preparare a colazione? Le grandi decisioni ti sembrano impossibili e ti danno un’ansia paralizzante? Hai paura di prendere decisioni e rimandarle il più a lungo possibile? Hai il terrore di prendere la decisione sbagliata ?

Stiamo parlando di decidofobia. Vediamo di che si tratta

 

Cos’è la decidofobia?

“La decidofobia è la paura paralizzante di prendere una decisione sbagliata. La maggior parte di noi ha un po’ di ansia per alcune decisioni, ma qualcuno con decidofobia proverà una paura intensa e paralizzante anche per le decisioni quotidiane”, afferma Aimee Daramus , PsyD, psicologa clinica.

 

Il termine “decidofobia” è stato coniato da Walter Kauffman, filosofo delle università di Princeton e di Harvard.

 

Tuttavia, dal punto di vista della salute mentale, la decidofobia è classificata come una fobia specifica, sotto l’ombrello dei disturbi d’ansia. Una fobia specifica è definita come una paura estrema e irrazionale di un oggetto o una situazione specifici che in realtà non rappresentano alcun pericolo.

Decidofobia

Quali sono i sintomi della decidofobia?

Panico e ansia: provi ansia estrema o hai un attacco di panico quando devi prendere decisioni. Potrebbero verificarsi anche altri sintomi come battito cardiaco accelerato, difficoltà respiratorie, nausea, sudorazione, tremori e dolore al petto o allo stomaco.

 

Procrastinazione: la tua paura di fare la scelta sbagliata ti fa rimandare le decisioni il più a lungo possibile. rovi più facile evitare di prendere una decisione e vivere nell’incertezza, piuttosto che decidere e pentirti della tua scelta. Come risultato della tua procrastinazione , potresti perdere molte opportunità.

Istinto sottovalutato: invece di prestare attenzione ai tuoi bisogni e ai tuoi istinti, ti concentri sulla raccolta di molte informazioni o sul sollecitare le opinioni degli altri per aiutarti a prendere la tua decisione. Tuttavia, piuttosto che essere utile, questo può farti raggiungere un punto in cui sei invece completamente sopraffatto.

Relazioni tese: metti a dura prova le tue relazioni con i tuoi cari, li metti sotto pressione affinché cerchino di accontentarti senza sapere effettivamente cosa vuoi.

Dipendenza esterna: crei situazioni in cui lasci che gli altri decidano per te, invece di prendere decisioni per te stesso.

Conseguenze esagerate: Esageri le conseguenze di piccole decisioni. Questo può procurarti molta pressione sul la scelta giusta.

Decidofobia

Quali sono invece le cause della decidofobia?

Comportamento appreso: le fobie vengono spesso apprese. Potrebbe esserci stato un momento nella tua vita in cui è stato utile o necessario lasciare che gli altri si facessero carico delle decisioni per te. Di conseguenza, potresti aver imparato a evitare di prendere decisioni.

 

Esperienza passata: un’altra possibilità è che tu abbia preso alcune decisioni in passato che sono andate male, e ti sei fatto sopraffare dal pensiero di prendere sempre decisioni sbagliate.

 

Fattori genetici: anche i fattori genetici possono svolgere un ruolo nello sviluppo delle fobie. I disturbi d’ansia possono essere presenti in alcune famiglie e essere trasmessi geneticamente.

 

Decidofobia – trattamento

 

Per differenziare la semplice ansia di prendere una decisione dal vero e proprio disturbo, la decidofobia deve essere diagnosticata da un terapeuta. Questi si affiderà a ciò che gli andrai a comunicare durante il colloquio e si baserà sul DSM.

Questi sono i criteri diagnostici elencati per le fobie specifiche nel DSM-5:

 

Paura eccessiva e irragionevole alla prospettiva dell’oggetto o della situazione scatenante

Risposta immediata all’ansia di fronte all’oggetto o alla situazione temuta, che potrebbe assumere la forma di sintomi fisici o emotivi (ad es. un attacco di panico)

Evitare l’oggetto o la situazione temuti

Interruzioni significative della vita quotidiana e della routine a causa della paura

Paura persistente che dura più di sei mesi

 

Possono essere messe in pratica diverse terapie per poter affrontare il disturbo come la terapia cognitivo comportamentale, o la desensibilizzazione ma si può ovviare anche con alcune tecniche come:

Sapere di essere in grado di prendere buone decisioni. Puoi fare un elenco delle decisioni positive prese in passato.

Puoi esaminare le decisioni prese e valutare dove hai sbagliato. Spesso una tua decisione può rivelarsi sbagliata anche per cause esterne da te.

Pubblicato da Silvia Rosiello

Studio psicologia e amo scrivere. Con la scrittura esprimo parti di me che altrimenti rimarrebbero nascoste. Attraverso la psicologia mi piace scoprire quello che si cela dietro l'animo delle persone e poter aiutare a combattere la loro oscurità. Perché ogni giorno è un "bel giorno per salvare delle vite".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.