• thewebcoffeeyt@gmail.com
  • Italia
Viaggi
Che cosa c’è a Friburgo? Viaggio nell’incantevole città della Foresta Nera.

Che cosa c’è a Friburgo? Viaggio nell’incantevole città della Foresta Nera.

Cosa vedere a Friburgo? Incastonata tra il Reno e la Foresta Nera, Friburgo è un’incantevole città tedesca dai mille volti. In essa sorgono numerosi monumenti storici, una prestigiosa università e parchi naturali. Inoltre Friburgo si presenta come un centro attento all’ambiente e accogliente.

Cosa vedere a Friburgo – Informazioni generali.

Friburgo è una città di più di 230000 abitanti situata nel Bäden-Württemberg, a pochi chilometri dalla frontiera con la Francia e la Svizzera. La sua posizione peculiare, tra la Foresta Nera e la fossa tettonica del Reno superiore, garantisce a Friburgo un clima più caldo rispetto al resto della Germania.

I Tedeschi la considerano un bel posto dove vivere per via del bel clima, del vino (famoso quello del Kaiserstuhl) e della nota Università Albert-Ludwig. Inoltre Friburgo è facile da raggiungere e da visitare grazie ad un sistema di mezzi di trasporto eccellente e moderno. Tuttavia il modo migliore per girare il bellissimo centro cittadino è quello green, con le biciclette o a piedi.

L’amministrazione cittadina è sempre in prima linea sull’ambiente incentivando comportamenti ecosostenibili e fonti di energia rinnovabili, quella solare in primis. A spronare questo scatto verso la modernità e la sostenibilità è certamente l’Università che attira migliaia di studenti a Friburgo.

Un punto forte della città agli occhi di un turista è sicuramente i prezzi relativamente bassi che la rendono un’ottima meta per un viaggio in Germania a prezzi ragionevoli e una buona base dalla quale esplorare l’Europa Centrale sfruttando il sistema dei trasporti efficiente.

Cosa vedere a Friburgo – La Cattedrale di Nostra Signora.

Il monumento principe di Friburgo è senz’ombra di dubbio la Cattedrale di Nostra Signora conosciuta come Münster. È uno degli esempi migliori di architettura gotica in Germania ed è stata costruita nell’arco di 350 anni, dal 1200 al 1550 circa, e ha vissuto diverse fasi costruttive.

Fu il il duca Bertoldo V Zähringen a dare il via alla costruzione del Munster al posto di una precedente chiesa romanica. Dell’antica struttura rimangono tracce nel transetto e nelle torri laterali del coro.

Fu intorno al 1330 che venne realizzata la grande torre campanaria di 116 metri, l’unica finita in Germania durante il Medioevo.

Nei secoli di costruzione della Cattedrale, la struttura venne modificata più volte per volere del consiglio cittadino o dei signori locali. Segno della vitalità della città, anche i privati, le corporazioni di artigiani, l’università e gli Asburgo diedero il loro contributo commissionando nei secoli la costruzione delle vetrate.

Queste opere d’arte sono conservate nel museo cittadino, mentre all’interno del Münster sono state messe delle copie.

Cosa vedere a Friburgo – Le porte cittadine: Schwabentor e Martinstor.

Due interessanti resti del passato della città del Bäden-Wurttemberg sono le ultime due porte dell’antica cinta muraria chiamate Schwabentor e Martinstor entrambe risalenti al XIII secolo.

La Schwabentor (la porta sveva) è la più recente delle due, risalente al 1250 e si distingue per la presenza di diversi dipinti come quello del mercante con il carro del 1572, il “Ragazzo con la spina” di stampo romanico e la raffigurazione di San Giorgio (patrono di Friburgo) realizzato da Fritz Geiges nel 1903. La Schwabentor è stata rimaneggiata nel tempo e nel ‘900 subì diversi interventi.

I dipinti della Porta Sveva raccontano una storia o sono delle rappresentazioni allegorico-religiose. Il mercante col carro divenne il protagonista di una storia popolare diffusasi nel 1800 che parla di un uomo della Svevia che, presentatosi  con due barili pieni d’oro, disse di voler comprare Friburgo. Allora gli abitanti lo presero in giro non solo per la proposta assurda, ma anche perché si scoprì che i contenitori erano pieni di sabbia e ciottoli e non di metalli preziosi.

Il “Ragazzo con la spina”, invece, ha un valore allegorico che ruota attorno al peccato originale, simboleggiato dalla spina, sempre presente nell’uomo.

La Martinstor (la torre di San Martino) fu costruita nel 1202 secondo gli studiosi. Nel corso degli anni subì diversi interventi e ricostruzioni e svolse anche il ruolo di prigione. Nel XVI secolo la parte della porta rivolta verso la città fu decorata con un dipinto di San Martino.

Due curiosità sulla Martinstor: accanto all’arco c’è una targa che ricorda tre donne (Margareta Mössmer, Catharina Stadelmann e Anna Wolffart) condannate al rogo per stregoneria nel 1599; vicino alla porta dai primi anni del ‘900 c’è l’unico McDonalds con un’insegna diversa da quella gialla voluta dal consiglio comunale per non stonare col resto del monumento.

Cosa vedere a Friburgo – Lo Historisches Kaufhaus.

Un edificio storico importante per Friburgo è lo Historisches Kaufhaus (il grande magazzino storico) costruito da Lienhart Müller, costruttore che aveva lavorato anche nella Cattedrale. Risale al XVI secolo e dimostra con la sua bellezza quanto il commercio sia stato importante per gli abitanti. Si trova nel lato sud della piazza della Cattedrale e in passato serviva ad amministrare il flusso di merci in transito per Friburgo.

freiburg-5183504_1920-320x213 Che cosa c'è a Friburgo? Viaggio nell'incantevole città della Foresta Nera.
cosa vedere a Friburgo – the web coffee La Historische Kaufhaus in principio era un magazzino e un centro di controllo dei flussi commerciali.

Ad oggi lo Historisches Kaufhaus si presenta ai turisti con la sua facciata rossa, le due torri ai lati, le finestre tardogotiche e le statue degli imperatori asburgici come Massimiliano I e Carlo V.

Al suo interno la struttura rivela un cortile di 300 mq e dei grandi saloni come la Kaisersaal, ancora oggi usati per ospitare eventi. Questo salone in stile rococò, dedicato all’imperatore tedesco Guglielmo I nel 1876, è riccamente decorato con sculture e dipinti che raffigurano stemmi e regnanti o importanti eventi storici come l’assedio della città nel 1714, mentre Fritz Geiges nel 1924 compose le raffigurazioni sulle finestre. Questo autore aveva dipinto nel 1884 anche le vetrate che sono conservate nel museo degli Agostiniani.

Invece la Redoutenhaus, costruita nel 1776, è una grande sala da ballo nella parte est dell’edificio. In questa zone c’è anche una scalinata barocca che permette di raggiungere la sala imperiale. Tutte le sale vengono aperte solamente in occasione di eventi che vengono organizzati ogni anno.

Cosa vedere a Friburgo – I musei.

Augustinermuseum (Museo degli Agostiniani).

Il museo degli Agostiniani è uno dei musei più prestigiosi della Germania. In origine era un convento e una chiesa dei frati Agostiniani, poi nel 1823 fu trasformato in un teatro e nel Novecento divenne un museo.

La collezione va dal Medioevo all’età moderna e annovera sculture e vetrate prese dalla Cattedrale e dipinti e sculture lignee da altre zone della regione. È affascinante, inoltre, l’organo settecentesco proveniente dal convento Gengenbach che ogni sabato mattina viene suonato in un concerto.

Nel sottotetto della ex chiesa sono esposti quadri con soggetti religiosi e paesaggistici risalenti al XIX e un pianoforte meccanico automatico della ditta Welte-Mignon che suona tutt’oggi durante particolari eventi.

Una sezione distaccata di questo museo è il Museo civico sulla storia della città posto nella piazza della Cattedrale di Nostra Signora.

 Il Museo Archeologico di Friburgo.

Questo museo si trova dentro la villa neogotica Colombischlosse e offre ai visitatori reperti dell’Età della pietra e del bronzo di origine celtica. Inoltre in questa struttura si trovano anche rinvenimenti di epoca medievale esposti in modo da far immergere il visitatore nella vita dell’Età di mezzo e darne un quadro chiaro.

 Il Museo Natur und Mensch.

Il museo Natur und Mensch è un’ottima scelta per chi è appassionato di storia naturale e etnologia o per chi cerca un’attrazione coinvolgente per i bambini.

In esso è possibile scoprire sia la storia naturale e geologica della regione sia la ricchezza etnografica dell’umanità. I reperti sono disposti lungo dei percorsi tematici.

Il Barbarastollen.

Il Barbarastollen (o Galleria di Santa Barbara) è un museo assai particolare.

La struttura si trova sotto terra e raccoglie dal 1961 una grande quantità di microfilm contenenti le immagini di monumenti e documenti fondamentali della storia tedesca.

Questa Galleria è posta sotto una speciale tutela da parte dell’UNESCO in quanto preserva migliaia di immagini importantissime della cultura tedesca da possibili eventi catastrofici.

 Lo Zinnfigurenklause.

Posto all’interno della Schwabentor, è un piccolo museo privato che contiene circa 9000 statuine di latta che raffigurano avvenimenti importanti della storia del Baden, la regione di Friburgo.

Cosa vedere a Friburgo –  I parchi.

Friburgo, come detto in precedenza, è una città all’avanguardia e impegnata in uno sforzo per diminuire le emissioni e usare il più possibile le fonti rinnovabili. La città del Baden Württemberg è stata dichiarata “Umweltzone” ovvero zona a bassa emissione.

A Friburgo, quindi, c’è una grande attenzione per le aree verdi che forniscono aria pulita e relax per i cittadini e i turisti. Si calcola che ogni friburghese ha a disposizione 18,05 m² di verde a cui bisogna aggiungere anche le foreste vicine alla città che forniscono spazi naturali in più.

Che cosa c’è a Friburgo – Il Seepark Betzenhausen e il giardino botanico dell’Università.

Uno dei parchi più amati e visitati è il Seepark Betzenhausen. Si trova nell’omonimo quartiere residenziale e consiste in un lago artificiale circondato da una cintura di alberi. Al suo interno è possibile trovare una birreria all’aperto e un ristorante, ottimi per rifocillarsi dopo una lunga passeggiata.

In alternativa al parco di Betzenhausen c’è il giardino botanico di Friburgo. Questa area verde è legata all’università Albert-Ludwig e, perciò, frequentata da studenti e professori. In essa si tengono lezioni e ricerche scientifiche.

Che cosa c’è a Friburgo – Il Dietenbachpark e l’Eschholzpark.

Altri due parchi che meritano assolutamente una passeggiata in mezzo alla natura sono il Dietenbachpark che copre un’area di 348800 m² e presenta un lago dove d’estate è possibile praticare nuoto, e l’Eschholzpark.

Quest’ultimo, inaugurato nel 1982, si estende per 375000 m². I suoi punti di forza sono la gigantesca scultura di Claes Oldenburg, la grande quantità di specie floreali e le strutture per sport ed eventi o semplicemente per rilassarsi.

Che cosa c’è da vedere a Friburgo – L’Università Albert-Ludwig.

Uno dei cuori pulsanti del quarto centro più grande del Bäden Württemberg è l’Università Albert-Ludwig, detta anche “Albertina”.

0-320x213 Che cosa c'è a Friburgo? Viaggio nell'incantevole città della Foresta Nera.
cosa vedere a Friburgo – the web coffee L’Università Albert-Ludwig è una delle più antiche e prestigiose della Germania. Nel ‘700 questa università è stata gestita dai gesuiti. (Fonte: LinkedIn)

Questo prestigioso istituto conta più di 25000 studenti provenienti da tutto il mondo e 7000 docenti e collaboratori. La popolazione studentesca dona a Friburgo dinamismo e modernità.

L’università fu fondata nel XV secolo e prende il nome da due personaggi storici che sono considerati i suoi fondatori: Alberto VI d’Asburgo (sovrano del Quattrocento) e il Granduca del Baden Luigi I (regnante nel XIX secolo).

Molti studiosi famosi e addirittura 10 premi Nobel hanno insegnato o condotto ricerche nella Albert-Ludwig. Non stupisce, infatti, che questo istituto abbia ricevuto e riceva tutt’ora molti riconoscimenti e premi per la ricerca e l’insegnamento.

Che cosa c’è da vedere a Friburgo – Curiosità.

p08jhh0x-320x180 Che cosa c'è a Friburgo? Viaggio nell'incantevole città della Foresta Nera.
cosa vedere a Friburgo – the web coffee Veduta dall’alto della piazza della Cattedrale. (Fonte: BBC.com)
  1. Il clima di Friburgo è più caldo e soleggiato rispetto al resto della Germania e permette la crescita di flora e fauna uniche. Infatti si trovano orchidee, gigli, lucertole e mantidi religiose.
  2. Friburgo durante la Riforma Protestante fu una roccaforte del Cattolicesimo e nel 1520 ospitò per diverso tempo il noto filosofo Erasmo da Rotterdam.
  3. Dal 1945 al 1952 la città fu l’ultima capitale del Baden che poi fu sciolto per creare il Bäden-Württemberg.
  4. All’interno del campanile del Münster si trovano 19 campane tra cui l’Hosanna-Glocke (la campana dell’Osanna) risalente al 1258 che è una delle più antiche del Paese teutonico.
  5. Nel centro storico si trova il Zum roten Bären (“all’orso rosso”), un antico albergo del 1120 che dal XIV secolo ad oggi è ancora in funzione.
  6. Dario Argento girò alcune scene del film Suspiria nel 1975 nella Haus zum Walfisch (“la casa della balena”) edificio costruito nel 1515 che ospitò l’imperatore Massimiliano I e una decina di anni dopo Erasmo da Rotterdam.
  7. Per le strade del centro cittadino è possibile trovare dei canaletti usati in passato per combattere gli incendi. Secondo una superstizione locale se una persona cade in essi sposerà qualcuno di Friburgo.
  8. Friburgo è sempre stata una città votata al commercio. Nella piazza della Cattedrale da secoli si svolge il mercato dove da generazioni i produttori vanno a vendere le loro merci. Su un muro del Münster sono ancora incise le unità di misura usate durante le trattative. L’atmosfera pittoresca ha negli anni ispirato artisti e fotografi.

 

icon-stat Che cosa c'è a Friburgo? Viaggio nell'incantevole città della Foresta Nera.
Views All Time
452
icon-stat-today Che cosa c'è a Friburgo? Viaggio nell'incantevole città della Foresta Nera.
Views Today
1