Sono una mamma in burnout: che faccio? Tips utili per il tuo benessere mentale

Sono una mamma in burnout: che faccio? Tips utili per il tuo benessere mentale
Avete mai provato a chiedere ad una qualsiasi neo-mamma come potrebbe essere una giornata ideale per lei dopo la gravidanza? Una notte di sonno pieno, oppure un lungo bagno o una lezione di yoga per distendere i muscoli.
L’idea di un giorno libero inizia a diventare veramente attraente, o, almeno, avere qualche ora per sè stessa.
Essere una neo-mamma, insomma, pur essendo gratificante, può essere anche seriamente stressante.
Il corpo ed il cervello hanno una risposta automatica allo stress, e gli ormoni come cortisolo e adrenalina, che influiscono su come ci si sente, iniziano a diventare soffocanti, nei loro effetti.
La buona notizia è che esistono tecniche di de-stress che permettono di offrire una risposta di rilassamento, che è possibile attivare anche mentre si è con il proprio bambino.
mamma in burnout
mamma in burnout

Mamma in burnout: risolvilo con l’esercizio fisico

Chiunque abbia provato il sollievo che solo una lezione di yoga riesce ad offrire, sa anche che l’esercizio fisico ha un potere enorme sulla salute mentale.

L’esercizio e la ginnastica permettono di gestire lo stress e l’ansia, soprattutto se sei una neo-mamma. I brevi circuiti casalinghi, le passeggiate con il proprio bambino e la palestra (quando possibile), aiutano ad attenuare il colpo delle giornate stressanti e della privazione del sonno.

La scienza afferma che l’esercizio fisico è in grado di calmare, poichè in quei momenti, il cervello crea endorfine che migliorano l’umore, il sonno e l’autostima. Anche solo pochi minuti di movimento possono aiutare a placare l’ansia.

Idratati!

Lo sapevate che il latte materno è composto da circa l’87% di acqua? Probabilmente è per questo motivo che le mamme sentono il bisogno di bere ogni volta che il bambino si nutre. Rimanere idratate è una priorità non solo per la salute fisica, ma anche per quella mentale.

mamma in burnout
mamma in burnout

Non essere una mamma in burnout: ridi

Alcuni scenari, come il rigurgito del bambino addosso, subito dopo averli cambiati, ti faranno venire voglia di ridere o di piangere. Diventa importante, quindi, scegliere di tanto in tanto la prima opzione. La risata, infatti, è un alleviatore naturale dello stress, che attiva cuore, polmoni e muscoli e incoraggia il cervello a creare quegli ormoni che ti fanno sentire bene.

Alcuni segni che indicano che sei una mamma in burnout includono un cuore che batte forte, la respirazione più veloce, muscoli tesi e sudorazione. Nota cosa sta succedendo al tuo corpo, fai alcuni respiri forti, così da rilassarti, inviando un messaggio al cervello per iniziare la risposta di rilassamento.

Prova a fare questo, se non riesci a sorridere o ridere: inspira per quattro volte, trattieni il respiro per quattro volte e poi espira molto, molto lentamente per quattro volte.

Cerca di comprimere le attività da fare

Non far partire la tua giornata con l’elenco delle cose che fai per la famiglia. Cerca di stopparti e scegliere una fascia oraria in un giorno alla settimana per gestire la parte amministrativa della famiglia. Cerca di creare una cartella nella tua posta elettronica per inserire gli avvisi della scuola e crea una casella di posta elettronica fisica per le fatture da gestire nell’ora dedicata all’amministrazione.

In questo modo riuscirai a far rilassare la mente e prevenire il rischio di diventare una mamma in burnout. Spesso tutti questi pensieri possono affliggere, e si rischia anche di dimenticare tutto. C’è, però, un piccolo meccanismo cerebrale che riesce a liberarci da questi pensieri fastidiosi, semplicemente decidendo quando completerai il compito che ti sei assegnata.

mamma in burnout
mamma in burnout

Creati più spazio mentale

Per non essere una mamma in burnout, quando le liste mentali iniziano a travolgerti seriamente, aggravando il tuo stato, prova un riavvio.

L’esercizio aerobico diventa necessario, più dello yoga. Quando si esegue l’esercizio aerobico, si riduce lo stress e si ossigenano tutte le cellule del sistema. Puoi quindi effettuare un reset biologico e cambiare i tuoi modelli di pensiero in meglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.