Il mondo sovradimensionato di Fernando Botero

Fernando Botero (Medellín, 1932). Amato in maniera incondizionata da gran parte del pubblico ,
L’estrema riconoscibilità delle sue opere è  dovuta al suo inconfondibile  stile, fondato sull’uso delle cosiddette “forme dilatate ” che danno vita alle  famose “figure grasse”.
Ma quando e come ha iniziato a disegnare figure fuori dimensione ?

La rotondeggiante arte di Botero

1956. Botero, all’epoca  24 enne, non applicò la sua “dilatazione” a un essere vivente, ma a un oggetto:  per l’esattezza ,un mandolino.
L’artista stava  aveva raffigurato il foro di risonanza dello strumento in proporzioni decisamente più piccole rispetto al normale, con la conseguenza che il mandolino risultava molto più tozzo e allargato rispetto a un mandolino reale .
Dopo aver dunque “dilatato” il mandolino,  Botero trovò nel disegno, una sorta di sensualità , che diede di fatto il via al suo stile di dilatare le forme di altri oggetti, di animali, di esseri umani. associando i suoi soggetti  “fuori taglia” al piacere, all’esaltazione della vita, perché l’abbondanza comunica positività, vitalità, energia, desiderio.

Uno stile decisamente non convenzionale

Botero è un pittore figurativo, ma non può certo essere definito un pittore realista. Le sue figure , infatti, se pur  decisamente ancorate alla realtà e alla quotidianità, non la rappresentano nella veridicità delle proporzioni.
Tuttavia, nonostante Fernando Botero sia considerato una sorta di icona dell’arte contemporanea, riconoscibile al pari dei più grandi artisti di sempre, da Raffaello  a Warhol passando per Giotto  e Picasso, questo  non lo ha preservato da forti critiche arrivate dal mondo dell’arte. Ad esempio, in un articolo del 2011, apparso sulla rivista Art in America Magazine, la critica Charmaine Picard liquidò le creazioni dell’Artista Colombiano, affermando che  “le opere di Botero , mostrano semplicistiche caricature di figure in carne, inserite in soleggiati contesti familiari”.

Views All Time
Views All Time
108
Views Today
Views Today
1
Next Post

Un caffè con Massimo Bonelli, “il discografico per antonomasia” degli anni '80

Facebook Twitter LinkedIn Se dovessi prendere un caffè con Massimo Bonelli, probabilmente sarebbe in occasione di un qualche evento mondano da lui organizzato, come una delle sue mostre d’arte. La sua è una personalità decisamente al passo con i tempi della musica, dato che dalla sua scrivania sono passati tutti […]
Massimo Bonelli

Subscribe US Now