Mark Zuckerberg presenta Libra, il nuovo portale per lo scambio di denaro

La rivoluzione economica mondiale è vicina.
No, non sto parlando di un Nuovo Ordine Mondiale o di una nuova crisi economica, ma di un rivoluzionario sistema di interconnessione digitale per scambiare denaro in tempo reale con il solo smartphone. Niente di innovativo, se non fosse che, per avere accesso a questo servizio, non sarà necessario avere un conto corrente.

Libra: una prospettiva sul futuro della condivisione del denaro

A lanciare la bomba è stato Marck Zuckerberg, il filantropo multimiliardario proprietario di Facebook. La nuova moneta prenderà il nome di Libra e sarà alimentata dalla tecnologia Blockchain, una delle bandiere nel settore della cryptovalutazione.

Oggi, Facebook si sta riunendo con 27 organizzazioni in tutto il mondo per avviare l’Associazione Libra senza scopo di lucro e creare una nuova valuta denominata Libra.” scrive Zuckerberg sul proprio profilo social. Importantissimo è evidenziare come questa nuova piattaforma non avrà alcun tipo di commissione: nasce in forma totalmente gratuita ed è pensata per mettere in contatto, in totale sicurezza, tutte le persone del mondo con un semplice click. “Al momento, ci sono circa un miliardo di persone che non hanno un conto in banca ma hanno un telefono cellulare”: questo è un altro passaggio fondamentale, perchè esplica chi sono i potenziali destinatari di questo nuovo sistema economico.

Libra: la gestione della privacy sarà un valore fondamentale

Non è ancora chiaro come verrà gestito l’accesso all’applicazione principale, quali termini e condizioni andranno rispettati e come saranno gestiti i dati sulla privacy. Zuckerberg, sull’argomento, si è limitato a spiegare che i database saranno differenti da quelli di Facebook e che i due portali non avranno nulla a che fare tra di loro. Questi, inoltre, non saranno gestiti solo dal leader fondatore di Facebook, ma da tutte e 27 le aziende che partecipano a questo importante progetto. I vantaggi principali di tale sistema sono due: garantire un elevato grado di privacy e rendere impermeabile alle violazioni l’intero sistema.

Per rendere tutto questo possibile, Facebook sta lanciando una propria sussidiaria indipendente, che si prenderà in carico la gestione della cryptovaluta e dell’invio della stessa. Anche in questo caso, i dati saranno gestiti in maniera separata rispetto al fratello maggiore Facebook.

Un sistema globale sostenuto dai maggiori sistemi di pagamento elettronico

Infine, è utile sottolineare anche chi siano gli altri partner di Facebook in questo complicato tetris verso il futuro. Si tratta di brand importanti a livello economico come Mastercard, Paypal, Visa, Booking, eBay, ect. Portali che noi siamo abituati ad usare ogni giorno per i nostri pagamenti e che rendono, dunque, il progetto presentato da Zuckerberg ben più concreto e reale di quanto si potesse immaginare.

Libra sarà lanciata ufficialmente nel 2020, e per tutte le informazioni ad essa relative rimandiamo al loro sito internte.
Il futuro è oggi, sta a noi coglierlo al balzo.