Referendum in Catalogna: un sì tra guerriglia e illegalità

Referendum in Catalogna: un sì tra guerriglia e illegalità

L’Europa resterà solo a guardare?

1 ottobre 2017: un Referendum, quello della Catalogna per l’indipendenza dalla Spagna e dal governo, che sarà ricordato.

Non solo dalla Spagna stessa, ma anche dal resto dell’Europa e del mondo.

Quello che i catalani non avrebbe mai sperato e voluto si è terribilmente concretizzato: un Sì all’indipendenza, ma passato attraverso la guerriglia, con scontri accesi e feriti,anche gravi.

E l’Europa che è rimasta a guardare senza agire, “girando le spalle” al popolo catalano.

Noi di THEWEBCOFFEE vi raccontiamo il prima, durante e dopo di questo evento che resterà impresso nella storia spagnola e non solo.

La voglia di indipendenza della Catalogna dal resto della Spagna ha una storia antica (se volete saperne di più cliccate qui) lunga quasi 90 anni, con un momento di “silenzio” solo durante il regime franchista, che terminò nel 1975.
I primi tentativi “forti”, tuttavia, risalgono ai primi anni 2000, con la nascita dei primi partiti indipendentisti.
Nel 2014 la prima consultazione, che però non venne riconosciuta dal governo per la Costituzione del 1978 sull’unità ed indivisibilità della Spagna.

Nonostante l’80,72 % dei votanti si fosse espresso per la piena indipendenza.
Forti di questo risultato, il Parlamento catalano decide di riprovare.

Il 9 giugno 2017 il presidente della Generalitat de Catalunya, Carles Puigdemont,annuncia che il referendum si terrà il 1º ottobre dello stesso anno e che la domanda sulla scheda sarà :

“Volete che la Catalogna sia uno Stato indipendente in forma di repubblica?”.

Pubblicato da martysmith89

Se dovessi descrivere la mia vita, la definerei come un paesaggio pedemontano, dove rilievi irti e rocciosi si intrecciano con ampie vallate sconfinate. La mia prima grande passione,quella per la scienza, c'è stata fin da piccola ma ha cominciato ad assumere la forma della Biologia in seconda liceo, e dell'Immunogenetica adesso. L'altra, quella per la scrittura, quasi in parallelo, grazie ad eventi casuali: per me è stato come un fulmine, che mi ha colpita e ha lasciato un segno indelebile. Io e la scrittura siamo unite da un filo invisibile ma solido.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.