Entrare a Medicina in Italia: una strada in salita

Entrare a Medicina in Italia: una strada in salita

Test truccati, numero chiuso, favoritismi: dove lo scandalo è di casa

Test di Medicina truccati: ci risiamo?

Medicina_test

Il mese di settembre non è stato un mese “roseo” per il mondo universitario.

Dopo lo straordinario sciopero di molti docenti universitari, un’altra tegola sembra cadere, anzi ricadere sull’università: stiamo parlando del caso “test d’ingresso a Medicina”.

Sì, ricadere, perchè non è la prima volta che il mondo universitario,soprattutto quello delle facoltà medico- scientifiche,ci rimette la faccia, scrivendo una pagina vergognosa per l’università italiana.

Le cause di questo disastro?

Sembrano essere le stesse degli anni scorsi: corruzione, malaffare, test truccati per favorire quelli che vengono definiti “baronati”.

Tutto questo a discapito di chi cerca di guadagnarsi un posto semplicemente con tanto studio e sacrificio, passando nottate sui libri e facendo code interminabili ai test d’ammissione.

Per non parlare poi del numero chiuso,spesso causa di tutta quest’ondata di sotterfugi.

Per capire molti aspetti di questa vicenda tanto intricata quanto scandalosa, è opportuno fare un passo indietro.

Raccontare proprio quella “pagina vergognosa” nota anche come caso Cineca, e tutto quello che n’è seguito.

Siamo nel 2014.

In tutta Italia si svolgono i primi concorsi nazionali per l’ammissione alle Scuole di specializzazione in Medicina.

I candidati sono poco più di 12.000,nei giorni di mercoledì 29 e venerdì 31 ottobre.

Ma qualche ora dopo l’ultimo giorno di test, si scopre che c’è stato un errore.

Un errore che il Cineca,il consorzio interuniversitario che si occupa dei test, in seguito definirà come “ errore nella fase di codifica delle domande durante la fase di importazione».

Una batteria di domande è stata erroneamente invertita, e questo ha portato 11.242 studenti,ossia il 92% del totale, a ripetere il test qualche giorno dopo, il 7 novembre.

(i risvolti della vicenda…nella pagina seguente)

Pubblicato da martysmith89

Se dovessi descrivere la mia vita, la definerei come un paesaggio pedemontano, dove rilievi irti e rocciosi si intrecciano con ampie vallate sconfinate. La mia prima grande passione,quella per la scienza, c'è stata fin da piccola ma ha cominciato ad assumere la forma della Biologia in seconda liceo, e dell'Immunogenetica adesso. L'altra, quella per la scrittura, quasi in parallelo, grazie ad eventi casuali: per me è stato come un fulmine, che mi ha colpita e ha lasciato un segno indelebile. Io e la scrittura siamo unite da un filo invisibile ma solido.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.