Biennale Arte 2022: grande successo per l’Italia

Biennale Arte 2022: grande successo per l’Italia

Per la Biennale Arte 2022 si preannuncia un grande risultato che darà grande risalto a Venezia e all’Italia nel mondo dopo 2 anni di pandemia. Entusiasti il ministro Franceschini e il governatore Zaia.

Biennale Arte 2022: grande successo per l’Italia: i commenti del ministro Franceschini.

Dopo due anni di pandemia che ha messo in difficoltà l’organizzazione di grandi eventi, il 23 aprile è tornata nella laguna di Venezia la Biennale dell’Arte.

L’edizione di quest’anno si presenta in grande stile con molti artisti di qualità e internazionali. Per il padiglione dell’Italia l’unico rappresentante è l’artista Gian Maria Tosatti: “una scelta coraggiosa ma sono sicuro che avrà grande successo”, dice il ministro.

Biennale Arte 2022 a Venezia. (Fonte: labiennale.org)
Grande successo per l’Esposizione internazionale. (Fonte: labiennale.org)

Entusiasta il ministro della Cultura Dario Franceschini che alla cerimonia di consegna dei Leoni d’oro della Biennale arte a Ca’ Giustinian commenta:

“La Biennale Arte si presenta davvero con una grande edizione internazionale: Venezia e l’Italia sono al centro dell’attenzione del mondo. E’ un’edizione fantastica, con grande partecipazione, con grande qualità di artisti, e dimostra veramente che l’Italia quando investe nell’internazionalizzazione, nell’arte contemporanea o nell’architettura contemporanea è un punto di riferimento non solo per il suo glorioso passato ma anche per il suo fortissimo presente.”

La 59sima edizione dell’Esposizione è intitolata “IL latte dei sogni” ed è curata da Cecilia Alemani. Nei quattro giorni di pre-opening si sono registrate oltre 20000 presenze tra giornalisti e addetti ai lavori.

Il ministro Franceschini ha inoltre parlato degli sforzi fatti per favorire l’arte contemporanea negli ultimi tempi:

“In questi anni abbiamo recuperato un ritardo che colpevolmente c’è stato, immaginando che il nostro compito fosse solo tutelare quello che ci hanno lasciato le generazioni venute prima di noi. Al ministero abbiamo creato una direzione ‘Creatività contemporanea’, abbiamo investito nella Biennale, nella Triennale, nella Quadriennale, nel Maxxi, in una molteplicità di iniziative che dimostrano che l’Italia ha grandi maestri e giovani talenti”.

Cecilia Alemani ha curato l'edizione di quest'anno della Biennale di Venezia chiamandola "Il latte dei sogni". (Fonte: Leggo)
Cecilia Alemani ha curato l’edizione di quest’anno della Biennale di Venezia chiamandola “Il latte dei sogni”. (Fonte: Leggo)

Sempre alla cerimonia di consegna dei leoni d’oro, il governatore della regione Veneto Luca Zaia ha espresso la sua soddisfazione per la Biennale Arte 2022:

“Alla Biennale Arte si registra già un’affluenza straordinaria: con ogni probabilità supereremo sicuramente a conclusione della Mostra il grande risultato del 2019, quindi in era pre-Covid. C’è voglia di arte, di cultura, c’è voglia di Venezia, c’è voglia di liberà e penso che la Biennale rappresenti al meglio la sublimazione di questi concetti.”

Infine Zaia spende alcune parole su Venezia e sull’andamento più che positivo della meta turistica dopo il difficile periodo della pandemia. Così il governatore veneto:

“Venezia ancora una volta è il simbolo della ripartenza della cultura a livello internazionale. Oltre alla risposta eccezionale dei turisti, lo si vede anche dai tanti eventi di qualità che propone la città. Il cartellone di eventi di quest’anno è ricchissimo, come non mai: idealmente vorrebbe recuperare anche i 24 mesi di Covid che ci hanno letteralmente azzoppato.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.