Un nuovo Starbucks sta per aprire in Italia: i romani sono pronti per il frappuccino?

Starbucks aprirà a Roma tra polemiche e opportunità.

Dopo l’incredibile successo delle filiali milanesi della famosa catena americana, anche Roma è stata finalmente scelta per ospitare il nuovo punto vendita italiano.

Starbucks strizza l’occhio al Vaticano

Secondo i meglio informati, la caffetteria aprirà la sua prima sede romana in autunno, nei pressi dei Musei Vaticani.

Scelta saggia per il Gruppo Percassi, che gestisce gli Starbucks italiani, data la mole di turisti che ogni giorno sosta nei pressi di Via Conciliazione e Borgo Pio.

Starbucks arriva a Roma

Uno dei siti più gettonati per la nuova apertuta sembra essere la storica ex Libreria Maraldi, anche se nulla è ancora certo.

Lo stesso Antonio Percassi, ha dichiarato che l’idea del Gruppo è di raggiungere nel giro di cinque o sei anni, circa 250 punti vendita in tutto il Bel Paese.

Tra le successive e papabili location per eventuali Starbucks futuri compaiono infatti città come Firenze, Torino, Bologna e Venezia.

Il successo milanese

Questi progetti a lungo termine non possono che essere associati allo strepitoso successo dei punti vendita insediati a Milano.

Starbucks, dopo Milano arriverà a Roma
Fonte: Pinterest

Dopo la prima inaugurazione della sede di Piazza Cordusio nel settembre 2018, definita la più grande roastery d’Europa e la quinta a livello mondiale, sono stati avviati anche altri cinque esercizi nella città della moda italiana.

Se volete assaporare l’atmosfera tradizionale degli Starbucks americani potete recarvi nelle sedi di Corso Garibaldi, Via Durini, Via Turati, Via Lentasio e in Stazione Centrale.

Le polemiche non mancano

Per i romani però, la Città eterna non sembra avere nessun bisogno che multinazionali estere come Starbucks, Mc Donalds e Burger King si insedino nel centro storico.

Secondo alcuni esercenti infatti, queste nuove attività moderne e turistiche, sarebbero colpevoli di abbassare il livello del centro storico, diminuendo così il prestigio della Capitale.

Per fortuna non tutti la pensano in questo modo, ma anzi sono molti quelli che vedono in questa novità un ulteriore incentivo per attirare giovani e clientela pagante.

Forse sarebbe più saggio pensare ai tanti posti di lavoro che invece la catena può offrire, e per i quali le candidature sono già aperte.

Chi non vede l’ora di avere un Frappuccino tra le mani?

Articolo di Tina Brooks

Views All Time
Views All Time
50
Views Today
Views Today
1
Next Post

Stelvio e Giulia l'eleganza dell'Alfa Romeo nelle versioni 2020

Facebook Twitter LinkedIn Il lusso made in Italy torna sul mercato. Lo Stelvio e la Giulia Alfa Romeo versione 2020 hanno nuovi dettagli che non passano inosservati, da far girare la testa agli amanti del Biscione. Debuttate questo mese sul mercato hanno nuovi allestimenti tecnologici e non solo. I prezzi […]
Stelvio e Giulia

Subscribe US Now