Bonus 2020: mamme, bebè e nido. Come si accede?

Bonus 2020: mamme, bebè e nido. Come si accede?

Nella Legge di Bilancio del 2020 sono stati approvati diversi sussidi previsti dal pacchetto per la famiglia.

I bonus 2020 sono diversi, c’è quello bebè, mamme e nido ed ognuno ha una tipologia diverso di funzionamento.

Vediamo le diverse tipologie:

Bonus bebè: per i bimbi nati o adottati dal primo gennaio al 31 dicembre 2020 ci sarà questa agevolazione INPS. L’importo, mensile, sarà diverso a secondo del valore ISEE.

  • 80 euro: per i ISEE con valore superiore a 40.000€, quindi per un totale di 960 euro annui;
  • 120 euro: per ISEE con valore tra i 7000€ e i 40.000€, 1440 euro annui;
  • 160 euro: ISEE che ha un valore inferiore ai 7000€, 1020 euro annui.

E’ poi prevista la maggiorazione per figlio, nato o adottato, successivo al primo. Verrà quindi aggiunto il 20 % in più, sempre secondo la tabella di riferimento valore ISEE.

La durata del bonus per ora è confermata per 12 mesi, presentando la domanda all’INPS entro 90 giorni da appunto il giorno di nascita o di entrata in famiglia del minore.

Le modalità di presentazione della domanda, salvo modifiche, sono:

  • tramite il sito internet dell’INPS;
  • chiamando il numero contact center al numero (gratuito da rete fissa) 803 164 o da rete mobile lo 06 164 164.
  • Rivolgendosi a CAF, patronati e intermediari dell’istituto.

Bonus mamma 2020

Anche per le donna in attesa nel 2020 è riconosciuto il bonus che avrà l’importo di 800 euro. Questo premio alla nascita è riconosciuto senza vincoli di reddito. Per presentare la domanda bisogna aver compiuto il settimo mese di gestazione, ma anche entro un anna di nascita del bambino.

E’ previsto anche nel momento in cui ci sia adozione o affidamento preadottivo, in quel caso si calcola dalla data di entrata in famiglia il termine di un anno.

La modalità di presentazione della domanda è la stessa per il Bonus bebè.

Bonus nido

Il bonus nido prevede un rimborso che va da 1500 a 3000 euro, l’importo è diverso a secondo del valore ISEE, a partire dal 1° gennaio sono previste tre fasce:

  • importo fino a 3000 euro con per le famiglie con ISEE non superiore a 20.000 euro;
  • fino a 2500 euro con ISEE del valore fino a 40.000€;
  • fino 1500 euro per ISEE superiore a 40.000€.

Il rimborso viene effettuato solo per i mesi di frequenza de nido o di servizi domiciliari per i bambini impossibilitati a frequentare il nido.

E’ opportuno comunque rivolgersi a CAF, patronati o intermediari per eventuali chiarimenti.

Fonte: informazionefiscale.it

Virginia Di Leone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.