La moquette tra i trend del momento

Di nuovo la moquette ma stavolta dappertutto.

La moquette è il pezzo di arredo che meno ci aspetteremmo di ritrovare nelle nostre case, a meno che non siano stati acquistati nei lontani anni ’60 e ’70. In effetti la moquette per anni è stata definita come kitch e fuori moda. Quest’anno però le cose sono cambiate.

Tutto è cominciato a Milano, durante la Design Week, nel Brera Design Apartment, in cui Cristina Celestino, architetta e designer di interni, ha ben pensato di metterci la moquette. Il risultato è stato fenomenale. Planetario è il nome del progetto e addentrandoci negli spazi dell’appartamento ne comprendiamo il motivo. Ci ritroviamo, infatti, in uno spazio decisamente futuristico ma dal gusto vintage, e la moquette non la ritroviamo soltanto a terra, ma anche sulle pareti e sul soffitto e in qualsiasi spazio, dall’ufficio al bagno.

moquette
fonte: breradesignapartment.com

La moquette, insomma è ritornata di moda.

I vantaggi sono tanti, specialmente per chi dimora in alta quota. Ci troviamo infatti di fronte ad un materiale, morbido, caldo, isolante. Attira l’80% della polvere presente nell’ambiente che potrà tranquillamente essere eliminata con l’aspirapolvere – con la funzione battitappeto.

Unica accortezza: una o due volte l’anno – in base alla filatura della moquette – è necessaria una manutenzione professionale. Non è necessario un professionista quanto una macchina professionale, la lavamoquette, noleggiabile senza troppi pensieri. E attenzione ai saponi, usate detergenti specifici.

Novità e must

Ma vediamo quali sono le novità che hanno convinto gli interior designer di tutto il mondo a spolverare il tappetone della nonna, che avevano sradicato con tanto fervore.

Oggi la moquette presenta diversi filati, colori, stampe e si presenta in diversi formati.

Innanzitutto i filati, diversi per ogni ambiente. I filati più lunghi sono più preziosi, il pelo lungo, richiede un arredamento non elaborato, per non rendere il tutto troppo pesante. Viceversa accade con il filato corto – escluso per le moquette a pelo corto ma con stampe elaborate.

moquet
fonte: expoparquet.it

Si preferirà dunque la stampa elaborata, con arredi monocromatici, e la tinta unita, con mobili più colorati. Nota Bene: nuance neutra con mobili dai colori sgargianti, colori vivaci con mobili e pareti monocromatici. Non sono regole ferree, i limiti sono fatti per essere superati, ma è importante farlo con criterio.

Ma cosa che in assoluto ha sbalordito sono i formati: dai classici teli, alla mattonella, al listone. Potrai avere la moquette a quadri, di colori diversi, a spina di pesce come se fosse un parquet. E, come la Celestino ha suggerito, può rivestire non solo i pavimenti ma anche i soffitti, le pareti e i mobili. Basta solo tanta creatività (o un interior designer).

Views All Time
Views All Time
180
Views Today
Views Today
1
Next Post

FridayForFuture: perdita di tempo o è servito a qualcosa?

Facebook Twitter LinkedIn Nella giornata di venerdì 27 Settembre, le piazze e le strade di molte città in tutto il mondo si sono riempite di ambientalisti, persone che hanno a cuore la terra e, purtroppo, persone che volevano solo perdere tempo per il FridayForFuture. Tradotto in italiano con “Venerdì per […]
FridayForFuture

Subscribe US Now