Ecosia: il motore di ricerca che pianta alberi facendo ricerche

Creato e ideato da Christian Kroll, Ecosia è un motore di ricerca lanciato nel 2009 e che dichiara di donare l’80% dei proventi ricavati come sostegno a programmi di riforestazione (come Brasile e Burkina Faso).

Presente sia come app sugli smartphone che come estensione su chrome, il motore di ricerca è stato fondato in Germania da Chrstian Kroll, un 35enne tedesco che, finita l’università, ha girato il mondo e si è reso conto che uno dei problemi principali dei giorni nostri è proprio la deforestazione, come racconta in un’intervista per “Repubblica”.

Ma lui ha deciso di non restare a guardare! Lavorando inizialmente da solo, si faceva aiutare da ragazzi che, pur di salvaguardare l’ambiente, accettavano salari bassi, per poi progressivamente crearsi un proprio staff pagato adeguatamente.

Oltre a occuparsi della riforestazione, Ecosia è anche un motore di ricerca CO2 neutrale, infatti lo staff alimenta i propri server con energia 100% rinnovabile e soprattutto, con una sola ricerca, gli alberi piantati rimuovono 1 kg di CO2 dall’atmosfera.

Gli obbiettivi di Ecosia

Al momento Ecosia conta oltre 7 milioni di utenti attivi, ha investito oltre € 9.101.152 e ha piantato più di 62 milioni di alberi (in continuo aggiornamento), ma l’obbiettivo di Christian e dello staff è quello di fare numeri più grandi.

Quello che si augura Ecosia è di:

“coltivare concretamente un mondo più sostenibile dal punto di vista ambientale, sociale ed economico”

Christian Kroll a “Latin post”

Vorrebbero quindi arrivare ad aver piantato un miliardo di nuovo alberi nella foresta atlantica entro il 2020.

Mappa disponibile sul sito di Ecosia

Come funziona Ecosia

Una caratteristica di questo motore di ricerca è sicuramente la limpidezza e la chiarezza che il creatore e gli sviluppatori concedono a chi ne usufruisce, in modo da garantire non solo privacy, ma anche sicurezza che quelle ricerche permetteranno davvero di piantare alberi.

Ebbene, Ecosia funziona in un modo molto semplice:

  1. “Tu fai le tue ricerche in internet con Ecosia.”
  2. “Le pubblicità legate alla ricerca creano introiti per Ecosia.”
  3. “Ecosia destina questi ricavi alla riforestazione.”

In poche parole, gli alberi vengono piantati solo facendo una semplice ricerca in internet. Comodo, no?

E riguardo la privacy?

Ecosia non solo garantisce la sicurezza sulla piantagione di alberi, ma anche quella riguardo alla privacy degli utenti che scelgono di utilizzare il loro motore di ricerca!

Infatti gli sviluppatori, come spiegano nel settore di Ecosia dedicato alla privacy

  • non conservano “le tue ricerche in maniera permanente”, ma le rendono anonime entro una settimana;
  • non vendono “i tuoi dati agli inserzionisti pubblicitari”, come invece molti servizi sul web fanno;
  • non utilizzano “sistemi di tracciamento”, in questo modo nessuno avrà accesso alle tue ricerche;
  • “le tue ricerche sono criptate”, quindi puoi avere la certezza che “nessuno tra noi e te possa vedere le tue ricerche”;
  • puoi “disattivare tutti i tracking” tramite le impostazioni del browser.

E’ possibile utilizzare Ecosia aggiungendo sia l’estensione dal pc che scaricando l’applicazione sul proprio smartphone, tutta una questione di pochi secondi per poter garantire alle persone che vivranno in futuro un mondo migliore e più verde di quello in cui viviamo noi.

Un commento su “Ecosia: il motore di ricerca che pianta alberi facendo ricerche

I Commenti sono chiusi.