Cosa cambia tra i 20 e i 30 anni? Ecco 5 risposte!

30 anni tempo di bilanci? Forse. Di sicuro è un’età in cui si inizia a guardarsi indietro e a proiettarsi nel futuro.

Non è detto che a 30 anni si sia più maturi che a 20, anzi molto spesso non lo si è. Ma di sicuro molte cose cambiano. Vediamone alcune.

Week-end

A 20 anni il Week end iniziava il giovedì sera, con aperitivi, cinema, discoteche, feste…..prendevi la macchina e andavi a ballare a chilometri di distanza, tornavi a casa, dormivi qualche ora ed eri pronto per ricominciare.

30
Pixabay

 

A 30 anni solo l’idea ti stanca. Il Week end assume nuove prospettive: fare ciò che da lunedì a venerdì non hai potuto fare. E mentre a 20 anni il sabato sera lo passavi ballando e facendo festa, a 30 valuti proposte ben diverse: divano e Netflix? Pizza da asporto? La birra meglio di no che mi fa venire mal di pancia. Il declino comincia.

Le relazioni

A 20 anni ti butti, ti fai ore di autobus, treno, aereo e sottomarino per passare 5 minuti con la persona amata.

A 30, se sei single, inizi a guardare gli orari del bus (perché con la macchina poi non si sa dove parcheggiarla, poi mica possiamo spendere soldi nei parcheggi), dove scendere, cerchi su google maps la via e alla fine concludi che Netflix e divano è la scelta migliore. E stavolta ti stappi pure una birra alla faccia del mal di pancia.

I viaggi

Qua si migliora. Noi 30enni moderni abbiamo vissuto il cambiamento. Quando eravamo piccoli i viaggi consistevano nel caricare la macchina all’inverosimile, per fare un viaggio infinito in agosto verso le più note località di vacanza, fossero europee o italiane. I viaggi in aereo costavano troppo, ed erano lunghissimi.

30
Pixabay

 

Oggi in poche ore arrivi ovunque, il massimo di 10 kg dei bagagli ha rivoluzionato il modo di fare le valigie e le compagnie low cost ci tentano con viaggi da sogno a poco prezzo. E noi cediamo, perché per schiodarci da Netflix e divano c’è bisogno di una motivazione forte: e che c’è di meglio di una birra a Berlino? O di un donut a New York? O un churro a Barcellona?

Il modo di vestire

Ragazze mie qua si potrebbero scrivere trattati. A 20 anni ti infili un paio di jeans e una maglietta e sei carina da morire.

A 30 ti metti la solita maglia con i soliti jeans, e non ti ci vedi più. Parliamo del trucco? A 20 lucidalabbra e mascara, a 30 Kim Kardashian fatti da parte. Non ti bastano tutti i tutorial di Clio make up, per realizzare il trucco perfetto.

Questi sono altri due motivi per cui il sabato sera Netflix e divano vincono su festa a oltranza. Il divano non ti giudica, ti ama anche con i calzettoni di spugna e la tuta.

Lo shopping

A 30 anni non vai a fare shopping, vai a selezionare le collezioni autunno-inverno, primavera-estate.

30
Pixabay

 

Come abbiamo visto, jeans e maglietta non è più un must. Urge correre ai ripari. E allora compri vestiti, scarpe, borse, camicie che non avresti mai guardato, pantaloni seri, comici, da lavoro e da tutti i giorni. Torni a casa che nemmeno Carrie Bradshaw con i saldi, dividi l’armadio schematicamente in lavoro, tempo libero e roba da casa e ti senti orgogliosa.

Come finisce? Che metterai sempre le solite due cose perché sono comode, ci stai bene e stanno sulla sedia la mattina quando ti vesti. Easy.

Però ragazze mie, a 30 anni siamo libere di essere noi stesse, di fare le nostre scelte e di accettare chi siamo. Perché a 20 anni si fa spesso quello che fanno gli amici, perché è giusto così. Quindi magari nemmeno a quell’età avevi voglia di uscire, ma non potevi ammettere di essere un orso asociale con tendenze sociopatiche.

A 30 puoi. A 30 anni puoi rifiutare l’invito ad una festa dicendo che sei stanca, che preferisci restare a casa perché hai già ordinato la pizza e soprattutto perché uscire con il freddo non ti passa neanche per l’anticamera del cervello. Netflix e il divano sono un’alternativa decisamente migliore.

30
Pixabay

 

Views All Time
Views All Time
462
Views Today
Views Today
1
Next Post

La paranza dei bambini: il film tratto dal libro di Saviano trionfa a Berlino

Facebook Twitter LinkedIn È italiano il film che ha trionfato al 69° festival del cinema di Berlino, vincendo l’orso d’argento per la miglior sceneggiatura in gara. Si tratta di “La paranza dei bambini”, tratto dall’omonimo romanzo di Roberto Saviano, sceneggiatore del film insieme a Maurizio Braucci. Il regista è invece […]

Subscribe US Now