Crea sito

Chi è Mahmood: tutto sul rapper che ha vinto Sanremo 2019

Alessandro Mahmoud, in arte Mahmood, è lui il rapper italo-egiziano che ha vinto il Festival di Sanremo 2019 con il suo inedito “Soldi”.

Il giovane cantautore aveva vinto Sanremo Giovani insieme ad Einar, lo scorso dicembre.

E da lì è stato quasi catapultato sul palco dell’Ariston, stavolta però tra i Big.

La vittoria? Completamente inaspettata anche per lui. Un trionfo che ha sorpreso tutti, lasciando a bocca aperta il favorito Ultimo, che però ha assicurato “sono felice per il ragazzo”.

Ma chi è Mahmood?

Il giovane rapper nasce a Milano, 27 anni, da madre italiana e padre egiziano.

Sin da bambino dimostra interesse per la musica, inizia infatti a prendere lezioni di teoria e canto lirico con il maestro Gianluca Valenti per poi frequentare, a 19 anni, lezioni di pianoforte.

Negli anni successivi Mahmood studia, e scrive soprattutto.

Approda a numerosi provini ed audizioni, e la sua prima apparizione televisiva sarà nel 2012 alla sesta edizione di X Factor (l’anno della vittoria di Chiara Galiazzo).

Scelto nella sua squadra da Simona Ventura, mandato a casa e ripescato dal televoto, la sua presenza nel programma dura comunque pochissimo.

Successivamente intraprende una collaborazione con il produttore Pierpaolo Peroni, con il quale realizza il suo primo singolo: “Fallin Rain”.

Nel 2015 scrive il brano “Dimentica”, con cui vince il concorso Area Sanremo.

Vince inoltre il premio Enzo Jannacci di Nuvolmaie (riconoscimento dedicato alla migliore interpretazione tra i vincitori delle serate finali di Sanremo Giovani).

I membri della giuria scelgono Mahmood “per aver affrontato con coraggio e sensibilità un tema non semplice, come la religione islamica di un padre distante e troppo legato alle sue tradizioni”, dicono.

Infatti “Soldi”, il brano che lo ha portato alla vittoria di Sanremo 2019, “si chiama così ma non parla di soldi a livello materiale: parla di come i soldi possono cambiare i rapporti all’interno di una famiglia”,

dichiara il cantautore.

“È parecchio autobiografica, è una storia che ho vissuto e che hanno vissuto tante persone. Ma ci sono delle parti che non hanno un significato letterale. Per esempio ‘Beve champagne sotto il Ramadan’ è un verso che uso per dire ‘Predichi bene e razzoli male’

continua.

Nel brano inserisce anche versi in arabo che ricordano le sue origini, seppur ad oggi Mahmood non abbia più alcun rapporto con il padre.

“Che fine ha fatto mio padre? Non lo so, non ho rapporti con lui”

dice.

Il suo legame con la madre è invece forte e stabile, un punto cardine nella sua vita.

“Lei è felice e orgogliosa. Dedico a lei questa vittoria”

confessa al Dopofestival.

Sul palco Mahmood interpreta le sue stesse parole con orgoglio e un forte carisma, doti che lo rendono ancor più apprezzato al pubblico.

Non mancano certo le polemiche: c’è chi pensa abbia vinto per via delle sue origini, per motivi di “finto buonismo”.

Non manca il parere di Salvini su questa vittoria, che twitta: “Mahmood? Mah.. la canzone italiana più bella? Io avrei scelto Ultimo”

Ma il cantautore non cede alle provocazioni.

“Io sono cento per cento italiano” dice.

Mia madre è sarda e mio babbo egiziano ma io sono nato e cresciuto in Italia”

Questa vittoria è testimonianza di un’Italia che sta cambiando, un’Italia forse più aperta, chi sà.

 

Chi è Mahmood

Foto: LaPresse

 

Il testo di Soldi di Mahmood

In periferia fa molto caldo
Mamma stai tranquilla sto arrivando
Te la prenderai per un bugiardo
Ti sembrava amore era altro
Beve champagne sotto Ramadan
Alla TV danno Jackie Chan

Fuma narghilè mi chiede come va
Mi chiede come va come va come va
Sai già come va come va come va
Penso più veloce per capire se domani tu mi fregherai
Non ho tempo per chiarire perché solo ora so cosa sei
È difficile stare al mondo quando perdi l’orgoglio lasci casa in un giorno

Tu dimmi se
Pensavi solo ai soldi soldi
Come se avessi avuto soldi
Dimmi se ti manco o te ne fotti
Mi chiedevi come va come va come va
Adesso come va come va come va
Ciò che devi dire non l’hai detto
Tradire è una pallottola nel petto
Prendi tutta la tua carità
Menti a casa ma lo sai che lo sa
Su una sedia lei mi chiederà
Mi chiede come va come va come va
Sai già come va come va come va

Penso più veloce per capire se domani tu mi fregherai
Non ho tempo per chiarire perché solo ora so cosa sei
È difficile stare al mondo
Quando perdi l’orgoglio
Ho capito in un secondo che tu da me
Volevi solo soldi
Come se avessi avuto soldi
Prima mi parlavi fino a tardi
Mi chiedevi come va come va come va
Adesso come va come va come va
Waladi waladi habibi ta’aleena
Mi dicevi giocando giocando con aria fiera
Waladi waladi habibi sembrava vera
La voglia la voglia di tornare come prima
Io da te non ho voluto soldi…
È difficile stare al mondo
Quando perdi l’orgoglio
Lasci casa in un giorno

Tu dimmi se
Volevi solo soldi soldi
Come se avessi avuto soldi
Lasci la città ma nessuno lo sa
Ieri eri qua ora dove sei papà
Mi chiedi come va come va come va
Sai già come va come va come va

Views All Time
Views All Time
155
Views Today
Views Today
1
Please follow and like us:

Martina Bruno

29 anni, scrittrice freelance, blogger, appassionata d'arte, travel addicted.

More Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.