Al via il Super Bowl 2019: un’ edizione a rischio?

martysmith89

In America è considerato l’ Evento per eccellenza, come importanza inferiore solo, forse, alle Elezioni del Presidente: mancano davvero poche ore al Super Bowl, il torneo che ogni anno tiene incollati allo schermo milioni di americani e non solo.

Cornice dell’incontro di football più famoso degli Stati Uniti, che vedrà a confronto da una parte New England Patriots e dall’altra i Los Angeles Rams, sarà il Mercedes-Benz Stadium di Atlanta, in Georgia. Si giocherà quando in Italia saranno le 00: 30.

Ma si sa, il Super Bowl non è solo un semplice evento sportivo, importante per tutti gli amanti del football, ma un vero e proprio show.

Tra i momenti più attesi, infatti, non vi è solo il classico “fischio d’inizio” della partita ma anche l’intervallo, il famoso “Halftime Show” dove ogni varie celebrities s’alternano sul palco ad allietare l’attesa per la ripresa dell’incontro.

Fonte: Super Bowl 52 Live Stream

Negli anni passati, la cornice prestigiosa del Super Bowl ha visto sul palco stelle della musica: da Madonna a Michael Jackson, da Lady Gaga a Paul McCartney, Prince, i Rolling Stones, Katy Perry, gli Aerosmith, Beyoncé, solo per citarne alcuni, anche se la lista sarebbe infinita.

Ma quest’anno sembra esserci stata come una “battuta d’arresto” e la lista di big ospiti si è drasticamente ridotta.

Stando alle dichiarazioni della NFL (la lega statunitense del football americano), quest’anno diverse star hanno dato forfait alla kermesse: fatta eccezione Mary J. Blige che avrebbe declinato per motivi “professionali”, altre star avrebbero rinunciato a partecipare all’evento all’ultimo.

Dietro non vi sarebbero ragioni professionali, quanto più di natura “etica”, legate ad un tema sempre molto caldo : quello del razzismo.

In particolare, il boicotaggio di molte star sarebbe una reazione di protesta ed solidarietà nei confronti di Colin Kaepernick, giocatore che ha iniziato contro il razzismo e le ingiustizie sociali che negli Stati Uniti continuano a susseguirsi nei confronti degli afroamericani.

Fonte: HotNewHipHop

 

Una battaglia segnata da gesti forti, come l’ inginocchiarsi durante l’esecuzione dell’inno nazionale americano prima delle partite; una forma di protesta, quella di Kaepernick, contro la sistematica penalizzazione degli afroamericani da parte della polizia americana, che tuttavia gli ha minato la carriera: dal 2016, infatti, il giocatore non ha una squadra in cui militare. Nel 2017, il giocatore ha citato in giudizio la NFL, ipotizzando un accordo tra i proprietari delle squadre per impedirgli di giocare.

Fonte:Pinterest

 

Una storia, quello del giocatore, che ha commosso e suscitato dibattiti e polemiche, arrivando anche alla Casa Bianca (lo stesso Obama, ormai prossimo alla fine del suo mandato, lo aveva difeso) e che l’ha fatto diventare il volto della campagna Nike, dallo slogan

Believe in something, even if it means sacrificing everything” 

Tra le celebrities sostenitrici della lotta di Kaepernick, alcuni hanno deciso comunque di partecipare al Super Bowl, reagendo però in modo forte.

Fonte: Publimetro

 

Tra questi i Maroon 5, che hanno deciso di partecipare alla kermesse (nonostante diversi “colleghi” e fan hanno provato a farli desistere), ma la loro presenza costerà salato alla NFL, obbligata a versare 500 mila dollari alla Big Brothers Big Sisters e e alla Dream Corps, associazioni da sempre schierate in prima linea a favore dell’uguaglianza sociale e dalla parte delle persone in difficoltà

Views All Time
Views All Time
194
Views Today
Views Today
2
Next Post

Sex Education rinnovata per la seconda stagione: cosa la rende tanto geniale?

Facebook Twitter LinkedIn Otis è il tipico “ragazzo che se ne sta nell’angolino”; ha un solo amico da cui non si separa mai, è invisibile agli occhi dei più popolari ed è ancora vergine. Tuttavia, ha una madre sessuologa e invadente, che lo ha reso un vero e proprio guru […]
Sex Education geniale

Subscribe US Now