Vintage Friday: i quindici giocattoli più famosi degli anni Ottanta e Novanta

Forse li abbiamo buttati, forse si sono rotti o forse li abbiamo conservati in qualche scatolone polveroso. Per ognuno di noi certi giocattoli rimarranno nel cuore.

Ecco i quindici giocattoli più famosi degli anni Ottanta e Novanta.

giocattoli
Fonte foto: Pinterest

Ci ricordiamo esattamente quel momento: forse era Natale e abbiamo trovato il pacchetto sotto l’albero, forse era il nostro compleanno o forse era il giocattolo per cui abbiamo pianto fino allo stremo delle forze per avere.

Ci sono certi giocattoli della nostra infanzia che non dimenticheremo mai: costruzioni, bambolotti, giochi da tavola, videogiochi. Ognuno aveva quello che preferiva.

Da piccolo avere un giocattolo significava aprire un nuovo mondo fantastico, fatto di ore e ore di gioco col nuovo regalo. I tempi sono cambiati, oggi c’è molta più scelta e varietà e le grandi catene commerciali sono piene zeppe di articoli.

Vediamo quali erano i migliori quindici giocattoli a cavallo tra gli anni Ottanta e Novanta.

 

aquaplay
Fonte foto: Amazon

Aquaplay

È un gioco ormai è antiquato e quindi introvabile nei negozi. Possiamo definirlo un antenato degli odierni videogiochi. Era una scatolina ripiena d’acqua e l’obiettivo era centrare gli obiettivi con gli anelli o le palline, a cui veniva data la spinta tramite i tasti. C’incastravamo a cercare di fare centro coi cerchietti colorati e le stecche o a fare goal con le palline nelle piccole reti.

Era sicuramente un gioco che faceva perdere molto tempo, ma forse non adatto a chi aveva poca pazienza.

 

subbuteo
Fonte foto: Il Secolo XIX

Subbuteo

Il famosissimo gioco da tavolo nel quale veniva riprodotto il gioco del calcio. Era composto da un campo di calcio e da piccoli pupazzetti ed una palla. Le regole erano ovviamente quelle del calcio, ma per muovere i giocatori bisognava dargli delle schicchere o comunque muovere solo con l’uso delle dita.

Era un gioco perfetto per gli amanti del calcio e sono stati molti i tornei agonistici organizzati proprio sul gioco del Subbuteo e con molte manifestazioni che cercano di mantenere vivo l’uso del gioco da tavolo, come il movimento italiano “Old Subbuteo” che tende a replicare il gioco degli anni Settanta ed Ottanta.

 

my little pony
Fonte foto: Pinterest

My Little Pony

Con l’uscita dei My Little Pony, tutte le bambine hanno capito di volere un pony come amico. I piccoli pupazzetti sono dei pony colorati giocattolo prodotti dalla Hasbro e lanciati sul mercato nel 1982. Divennero così popolari negli anni Ottanta, da superare anche le vendite delle famose Barbie.

Inizialmente i pupazzi rappresentavano solo dei piccoli pony colorati, poi sono stati realizzati anche pegasi, unicorni e cavallucci marini. I My Little Pony sono diventati un brand da cui sono state sviluppate diverse serie animate e sono stati anche pienamente utilizzati in alcune linee di abbigliamento di brand famosi, come H&M.

“Vola mio miny pony”.

 

micromachines
Fonte foto: Playcomer.com

Micro Machines

È stato uno dei giocattoli più venduti al mondo, che si rifà al regalo tipo che ogni bambino vorrebbe: la macchinina. Era una linea di modellini di automobili prodotta da Hasbro. La loro particolarità stava proprio nella loro dimensione: erano più ridotte (e sicuramente meno costose) dei modellini a cui tutti noi eravamo abituati.

La linea si allargò anche con la produzione di piccoli modellini di motociclette, camion, treni, barche, ma anche riproduzioni di veicoli fantascientifici, come le astronavi di Star Wars e Star Trek.
Potevamo portarle ovunque e potevi ritrovartele dappertutto, per la gioia del resto della tua famiglia.

 

ballerine volanti
Fonte foto: Pinterest

Magiche ballerine volanti

Tutte le bambine, che hanno avuto una Magica ballerina volante, hanno sicuramente distrutto o rotto qualcosa che avevano a casa. Le bambole in questione avevano le sembianze di fatine alate e mediante un congegno apposito, spiccavano il volo roteando su sé stesse. Il successo di tale bambole fu così grande, da produrre anche una serie animata con loro protagoniste.

 

playmobil
Fonte foto: Playmobil.com

Playmobil

I Playmobil sono una popolare linea di action figure. Sono famosi per il loro design e la loro cura al dettaglio. Molto apprezzati erano i luoghi ricreati, come, ad esempio, fortini, navi pirata, case dei fantasmi e ville vittoriane. Sono giocattoli ancora in vendita e che hanno ancora molto successo per la loro versatilità.

 

crystal ball
Fonte foto: YouTube

Crystal Ball

Responsabili probabilmente dell’allargamento del buco dell’ozono, uno dei giocattoli preferiti dai bambini degli anni Ottanta e Novanta era questa pasta gommosa colorata, utilizzata per creare palloncini soffiando in un cannello. La sua forza era proprio nella leggerezza dei palloncini, con cui si poteva giocare, senza rompere niente. Peccato però che i palloncini fossero molto fragili e per questo si bucavano molto spesso, oltretutto erano molto lontani dai palloncini forti e resistenti che vedevamo negli spot pubblicitari.

L’azienda produttrice fu molto criticata anche per la mancanza dei dati sui componenti presenti nel tubetto e per l’odore molto simile a quello della vernice. Nonostante probabilmente il prodotto non fosse così sicuro, i jingle martellanti aumentarono a dismisura la popolarità del prodotto.

 

l'allegro chirurgo
Fonte foto: Creditum

L’allegro chirurgo

Il gioco è la versione italiana del gioco da tavolo “Operation”. Il gioco è costituito da una plancia metallica con la raffigurazione, in versione fumettistica, di un paziente sdraiato. Sul corpo ci sono diversi fori, da cui si devono estrarre le ossa ed altri oggetti (come le farfalle nello stomaco) in plastica. L’operazione viene fatta tramite un paio di pinzette metalliche, cercando di non toccare i bordi, i quali, se vengono toccati, attivano un segnale sonoro che fa illuminare la lampadina posta sul naso del paziente e ciò indica il fallimento dell’operazione. Si tratta di un gioco adatto ad ogni età, ma soprattutto da fare in famiglia.

È il gioco che ci ha fatto capire che non avremmo mai potuto intraprendere chirurgia.

 

gira la moda
Fonte foto: Le Stanze della Moda

Gira la moda

Era un gioco da tavolo per bambine, nato nel 1984. Il gioco consisteva nel creare dei disegni di modelli, abbinandoli insieme a diversi capi di abbigliamento. Il gioco principale consisteva in una serie di cerchi concentrici e girevoli che davano la possibilità di creare numerosi abbinamenti, sempre diversi. Quando si realizzava la composizione, si poggiava un foglio di carta sulla ruota e si ricalcava con un carboncino.

È il gioco che ha fatto appassionare tutte le bambine al mondo della moda.

 

polly pocket
Fonte foto: SuperEva

Polly Pocket

Polly Pocket è una linea di bambole in miniatura lanciata nel 1989, che viene ancora prodotta, ma che ha avuto il boom negli anni Novanta.

Il nome deriva proprio dalla caratteristica di essere tascabili (anche se, in tempi più recenti, la Mattel le ha realizzate anche un po’ più grandi).

Possiamo definirle come la versione femminile dei Playmobil: anche nel mondo Polly Pocket erano presenti diverse strutture, come ville, piscine, discoteche e giardini.

Era un ottimo compromesso per i genitori che avevano figli che volevano portarsi i propri giocattoli ovunque: i giochi Polly Pocket potevano essere trasportati facilmente in borsa.

 

cicciobello
Fonte foto: Pinterest

CiccioBello

Qui parliamo del classico bambolotto che quasi tutte le bambine avevano. CiccioBello riproduce un neonato di pochi mesi a grandezza naturale: ha i capelli biondi, gli occhi azzurri ed indossa una tutina azzurra.

Esistono diverse versioni del bambolotto, che cercano di farlo somigliare sempre più ad un neonato vero e proprio. Quindi sono state aggiunte le versioni pappa, primi passi, febbre e pipì.

 

barbie
Fonte foto: BadTaste

 

Barbie

Sicuramente non ha bisogno di presentazioni: Barbie è la bambola più conosciuta e venduta al mondo. È una linea di fashion doll prodotta da Mattel e si stima che ne siano state vendute almeno un miliardo dal 1959.

È un giocattolo intramontabile, che ha seguito le mode e le tendenze negli anni, cambiando forma e stile. Di recente ha sdoganato la forma fisica perfetta e la Mattel ha iniziato a produrre bambole di diverse forme e taglie.

È il giocattolo che tutte le bambine volevano ed è talmente famoso da essere entrato nella cultura di massa. Tutti avrebbero trovato la Barbie che più gli si addiceva: Barbie Rock, Barbie Veterinaria, Barbie Magia delle Feste.

Con Barbie, potevi essere chiunque tu volessi.

 

tamagotchi
Fonte foto: Stile.it

Tamagotchi

Il Tamagotchi è un gioco elettronico portatile, nato nel 1996. L’obiettivo del gioco era quello di prendersi cura di una specie alinea (appunto il Tamagotchi). Bisognava nutrirlo, lavarlo, giocare con lui, ripulire i suoi bisogni ed anche sgridarlo se si rifiutava di obbedire.

Se i giocatori portavano abbastanza pazienza per non farlo morire giovane, il Tamagotchi sarebbe cresciuto e si sarebbe evoluto in una versione adeguata al trattamento avuto durante la sua vita.

Se siete stati possessori di un Tamagotchi, sicuramente vi ricorderete ancora quell’insopportabile BIP.

 

game boy color
Fonte foto: GameLegends.it

Game Boy Color

Il Game Boy è una console portatile di Nintendo che arrivò in Europa nel 1990. Inizialmente si poteva giocare solo in bianco e nero, i colori sono arrivati proprio col Game Boy Color, nel 1998.

Era una console portatile con la quale potevi giocare a tantissimi giochi diversi (uno dei più famosi fu Pokèmon, ad esempio). La chicca in più era la possibilità di sceglierne il colore.

Fu uno dei regali più richiesti nel Natale 1998, una console che si è poi evoluta ed è ancora presente oggi.

 

play station
Fonte foto: Game Planet

Play Station

La Play Station è una console per videogiochi presentata nel 1994 dalla Sony. Supportava la lettura dei CD e poteva essere anche usata come impianto stereo.
Fu la prima console degna di nota, sulla quale passavamo i pomeriggi a giocare (invece di studiare).
Molti dei giochi per PlayStation sono rimasti nell’immaginario collettivo, come Crash Bandicoot o Tomb Raider.

È l’antenata delle console di oggi, ma che avrà per sempre un posto nel nostro cuore.

Questi erano quindici fra i giochi più famosi e diffusi tra gli anni Ottanta e Novanta.

E voi, con cosa giocavate?

Views All Time
Views All Time
3358
Views Today
Views Today
5

2 thoughts on “Vintage Friday: i quindici giocattoli più famosi degli anni Ottanta e Novanta

  1. Oddio li avevo quasi tutti 🙂 ma ricordo in modo particolare Cristal ball. L’unico modo per giocare a palla in casa 🙂

Comments are closed.

Next Post

Matrimonio, che risate! I 10 migliori film a tema 'abito bianco'

Facebook Twitter LinkedIn Tutto può succedere indossando l’abito bianco Il matrimonio: uno dei giorni più importanti nella vita di una donna (o almeno per la maggior parte delle donne). C’è chi lo programma da tempo, fin da bambina a volte, e chi ne ha fatto addirittura un lavoro (come le […]
matrimonio

Subscribe US Now