Alexa Chung: la “It girl” stilista diventa musa di bellezza

Alexa Chung: la “It girl” stilista diventa musa di bellezza

Dal web alle passarelle..a L’Oreal

E’ considerata una delle “it girl” per eccellenza  ,che ha visto nel 2017 realizzare uno dei suoi sogni,diventare stilista, e l’anno che inizia l’ha già incoronata nuova musa 2018 per L’Oréal Professionnel: stiamo parlando di Alexa Chung.

Ma ripercorriamo la sua storia.

I’M ALEXA CHUNG: biografia di una It girl

Alexa Chung nasce nel 1983 a Privett, nell’Hampshire, figlia di una casalinga e di un designer inglese di origine cinese.

Alla tenera età di 14 anni entra a far parte del mondo della moda.

Viene messa infatti sotto contratto come modella, nel giro di due anni, da due note agenzie di moda londinesi: l’ Elite Model Management e la Storm Model Agency.

Nel 2006 intraprende la carriera televisiva,lavorando per reti come la BBC e Chanel4.

Due anni dopo,nel 2008, Alexa torna a militare nella moda con diverse campagne pubblicitarie e diventa, nel 2009, contributing editor di British Vogue.

Alexa Chung

Da allora compare diverse volte sulla copertina del magazine inglese (la prima nel febbraio 2010).

Nel 2012 per la rivista Vero Moda disegna la collezione Primavera estate 2012,dove fa intercetta dei trend che furoreggiano ancora oggi.

Tra questi le righe, gli shorts a vita alta, il pizzo bianco, la sahariana, l’abito stampa vintage.

Nel 2013 diventa la guest editor del sito Vogue.co.uk.,oltre che il volto di diversi brand quali Lacoste, Superga, Longchamp, Maje, ; ben presto diventa una “It girl”,una vera e propria fashion icon.

E proprio su questo nel settembre dello stesso anno, vede pubblicato il suo libro IT.

Un’autobiografia che raccoglie le sue riflessioni e i suoi pensieri, oltre che foto e consigli di stile.

(continua)

Pubblicato da martysmith89

Se dovessi descrivere la mia vita, la definerei come un paesaggio pedemontano, dove rilievi irti e rocciosi si intrecciano con ampie vallate sconfinate. La mia prima grande passione,quella per la scienza, c'è stata fin da piccola ma ha cominciato ad assumere la forma della Biologia in seconda liceo, e dell'Immunogenetica adesso. L'altra, quella per la scrittura, quasi in parallelo, grazie ad eventi casuali: per me è stato come un fulmine, che mi ha colpita e ha lasciato un segno indelebile. Io e la scrittura siamo unite da un filo invisibile ma solido.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.