Cultura

Eleonora Duse ” la Divina”

Eleonora Duse- The Web Coffee

La più grande attrice teatrale di tutti i tempi, Eleonora Duse è vissuta a cavallo tra la fine dell’Ottocento e i primi del Novecento.

La madre, attrice girovaga, la partorì il 3 ottobre 1858 in una stanza d’albergo di Vigevano. Il padre, Alessandro Vincenzo Duse, era a capo di una compagnia.

Eleonora Duse e i primi successi a teatro

Portrait_of_Eleonora_Duse Eleonora Duse  " la Divina"
Eleonora Duse-The Web Coffee

A dodici anni sostituisce la madre ammalata nei ruoli di protagonista della “Francesca da Rimini” di Pellico, e della “Pia dé Tolomei” di Marenco.

È nel 1873 che ottiene il primo ruolo stabile, mentre il primo grande successo arriva nel 1879, interpretando la “Teresa Raquin” di Zola.

Eleonora Duse e Gabriele D’Annunzio

Eleonora-Duse-e-Gabriele-DAnnunzio-2-320x180 Eleonora Duse  " la Divina"
Eleonora Duse e Gabriele D’Annunzio-2

Eleonora incontra per la prima volta il giovane vate, Gabriele D’Annunzio, a Roma nel 1882, lo ricorda come un giovane affascinante e pieno di riccioli, sceso da poco dagli Abruzzi, con tre opere pubblicate.

Nel giugno 1892 d’Annunzio le scrive una dedica, Alla divina Eleonora Duse, su un esemplare delle sue Elegie romane. Da quel libro nasce in Eleonora il desiderio di rivederlo e dopo quell’incontro si abbandona.

Un altro incontro memorabile avvenne a Venezia, quel luogo richiamato anche nell’opera di D’Annunzio, Il fuoco (1900) dove ricorda la sua relazione con la Duse.

unnamed Eleonora Duse  " la Divina"
Eleonora Duse- The Web Coffee

Quando Eleonora Duse iniziò a frequentare D’Annunzio, era già un’attrice di fama mondiale, nota sia in Europa che in America. I drammi dannunziani  da lei rappresentati e spesso finanziati, non solo gli assicurarono il successo ma anche l’attenzione della critica fuori dall’Italia.

Il suo carisma le permise di scegliere il repertorio e la troupe, senza tralasciare produzione e finanze.

Una sua peculiarità è sempre stata quella di rafforzare con lo studio e con la cultura le sue doti innate.

L’addio alle scene di Eleonora Duse

Nel 1909 avviene il suo ritiro dalle scene. Successivamente Eleonora Duse  appare in un film muto, “Cenere” (1916).

Tornerà a calcare le scene nel 1921 con “La donna del mare”, portato anche a Londra nel 1923.

Una donna, “ la Divina”  che ha vissuto per la recitazione non poteva che spegnersi durante una tournee negli Stati Uniti, all’età di sessantacinque anni, il 21 aprile 1924 a Pittsburgh.

La sua tomba  è ad Asolo, come da sua richiesta.

Eleonora  non si truccava mai in scena o fuori scena, né temeva di indossare il viola, colore notoriamente non amato  dalla gente di spettacolo, non amava le prove, che preferiva effettuare nei foyer degli alberghi piuttosto che in teatro.

La Duse fu il simbolo del teatro moderno grazie alla sua sensibilità recitativa e alla sua naturalezza.

Una curiosità su Eleonora Duse

Amava recitare con le mani sui fianchi, in piedi, o con i gomiti sulle ginocchia; tutti atteggiamenti sopra le righe – per quei tempi.

icon-stat Eleonora Duse  " la Divina"
Views All Time
155
icon-stat-today Eleonora Duse  " la Divina"
Views Today
2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.