Vintage Friday: storia e curiosità dei Golden Globe

Vintage Friday: storia e curiosità dei Golden Globe

Il prossimo 5 gennaio ci sarà la 77° edizione dei Golden Globe. Per il Vintage Friday, scopriamo insieme questa cerimonia, con la sua storia e qualche curiosità.

 

storia golden globe
Fonte foto: spettakolo.com

I Golden Globe sono un riconoscimento annuale statunitense che viene dato ai migliori film e ai migliori programmi televisivi (comprese le serie tv) della stagione.

Molto spesso viene detto che i Golden Globe siano solo un’anteprima degli Oscar, infatti, i Golden Globe sono la cerimonia più importante insieme agli Oscar e decretano i migliori film dell’anno.

I primi Golden Globe sono stati istituiti nel 1944 per il cinema, mentre nel 1956 sono stati introdotti anche i premi per la televisione.

I Golden Globe sono nati grazie all’idea di alcuni reporter stranieri a Los Angeles, con l’obiettivo di far conoscere maggiormente gli studios e di ottenere maggiore accesso alle star.

I premi vengono assegnati da circa 90 giornalisti della stampa estera iscritta all’HFPA (Hollywood Foreign Press Association). I giornalisti appartengono ad oltre 50 Paesi diversi ed hanno un bacino di lettori complessivo di oltre 250 milioni.

storia golden globe
Fonte foto: Golden Globes

I premi per il cinema vengono distinti tra film drammatici e film commedia o musicali, vengono premiati anche i migliori registi, i migliori attori, le migliori sceneggiature, le migliori colonne sonore, le migliori canzoni originali, i migliori film stranieri e i migliori film di animazione.

Per quanto riguarda i programmi televisivi, vengono distinte le serie drammatiche, le serie commedia o musicali e le miniserie, poi vengono premiati i migliori attori protagonisti e non protagonisti.

In tutto, si contano 25 categorie: 14 dedicate al cinema e 11 alla televisione.

La cerimonia si tiene nel mese di gennaio e viene trasmessa in circa 150 Paesi. Fino alla 67° edizione non aveva un presentatore fisso, mentre da quell’edizione ogni anno la conduzione viene affidata a un membro dello star system, molto spesso un conduttore di talk-show.

Prima della 67° edizione, i premi venivano consegnati dagli stessi giornalisti, ma quanto, nel 1958, Frank Sinatra, Sammy Davis Jr e Dean Martin improvvisarono un piccolo show, l’associazione decise di affidare alle star la consegna dei premi.

Nella storia dei Golden Globe il personaggio ad aver avuto il maggior numero di nomination è stata l’impareggiabile Meryl Streep, per un totale di 27 nomination; seguono il compositore John Williams (25 nomination) e l’attore Jack Lemmon (22 nomination).

Ma non è l’unico record della Streep, infatti la famosa attrice possiede anche i record di vittorie, per un totale di 8 premi + 1 (il premio alla carriera Cecil DeMille, ottenuto nel 2017); seguono Jack Nicholson, Shirley MacLaine, Angela Lansbury ed Alan Alda, a quota sei vittorie e Francis Ford Coppola, Oliver Stone e Rosalind Russel con cinque Golden Globe.

Il film che ha ottenuto più premi è stato La La Land, nel 2017, con ben 7 premi, seguono a ruota Il Dottor Zivago, Love Story, Il Padrino, A Star is born e Qualcuno volò sul nido del cuculo, tutti con 5 globi d’oro.

storia golden globe
Fonte foto: Panorama

Un’altra curiosità interessante è inerente all’edizione del 1989, quando nella categoria di Miglior attrice in un film drammatico, il premio venne assegnato a 3 attrici per ex aequo: Jodie Foster per Sotto Accusa, Sigourney Weaver per Gorilla nella nebbia e Shirley Mclaine per Madame Sousatska.

Alcuni artisti sono riusciti a vincere anche due premi nella stessa edizione: Sigourney Weaver nel 1989 (miglior attrice in un film drammatico in Gorilla nella nebbia e miglior attrice non protagonista in una commedia o in un film musicale per Una donna in carriera); Jon Plotwright nel 1993 (non protagonista in Un incantevole aprile e miglior attrice in una miniserie in Stalin); Helen Mirren nel 2007 (miglior attrice in The Queen e miglior attrice in una miniserie in Elizabeth I); Kate Winslet nel 2009 (miglior attrice in Revolutionary Road e non protagonista in The Reader).

La platea dell’evento è composta dai vari personaggi nominati e altri membri dello star-system, seduti intorno a tavoli apparecchiati per una cena sontuosa.

Un’altra curiosità è dedicata ai “riempi-posti”, ovvero persone vestite di tutto punto che devono prendere il posto degli attori, quando questi si alzano per andare al bagno o per bere un bicchiere di champagne.

Diverse star hanno ricevuto il Golden Globe mentre erano fuori, un esempio è Renée Zellweger nel 2001, quando ha vinto per Nurse Betty: l’attrice non era in sala, nel momento in cui il suo nome è stato chiamato per il premio.

I Golden Globe sono sicuramente una serata da favola per gli “addetti ai lavori” del cinema e per i fan di tutto il mondo.

Aspettiamo con ansia quest’edizione 2020, per scoprire anche cosa succederà ai prossimi Oscar.
Stay tuned.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.