Cera per capelli da uomo: cos’è, come si usa e alcuni esempi di acconciature

Al giorno d’oggi, apparire e sfoggiare un look impeccabile è una caratteristica importante per fare bella impressione sia nel mondo lavorativo, che nella quotidianità. Per questo motivo, sempre più uomini prestano grande attenzione al loro aspetto estetico e si dilettano nel cambiare stile e creare acconciature personalizzate ed originali. Uno dei prodotti più gettonati del momento è la cera per capelli da uomo, commercializzata dalle principali aziende del settore cosmetico che propongono una serie di articoli versatili e funzionali per la cura personale.

A cosa serve la cera per capelli da uomo?

La cera per capelli uomo professionale è un prodotto che consente di realizzare acconciature sulla base delle proprie preferenze stilistiche. Negli ultimi anni, la cera sta sostituendo il tradizionale gel che tende ad indurire eccessivamente i capelli, influendo negativamente anche sulla loro salute. La cera è una particolare tipologia di pasta per capelli che li protegge e li plasma secondo i propri desideri. La chioma risulta fluida e morbida, senza essere troppo impomatata e “ingessata”. Esistono numerose tipologie di cere che si adattano perfettamente ad ogni tipologia di capelli: da quello liscio a quello mosso, fino a quello crespo e riccio.

L’utilizzo di questo prodotto è abbastanza semplice: basta massaggiare una piccola dose tra le mani e poi, applicarla sui capelli asciutti, facendo attenzione a non spalmarla sul cuoio capelluto. Con questo sistema, non è necessario inumidire i capelli, pratica che potrebbe favorire l’insorgenza di raffreddori e influenze soprattutto nei mesi particolarmente più freddi. Ogni uomo può realizzare acconciature alla moda e di grande impatto estetico in poco tempo, preservando allo stesso tempo i propri capelli.

Chi vuole una tenuta forte, può optare per una cera per capelli specifica che assicura una lunga tenuta. La caratteristica principale delle cere per capelli è la loro plasmabilità: ciò significa che la piega non resta fissa ed immobile ma è possibile anche passarsi una mano tra i capelli, senza che l’acconciatura si rovini.

Quante tipologie esistono?

Si possono individuare 4 tipologie principali di cere per capelli: ad olio, ad acqua, dal finish lucido e opache.

La cera ad olio è una delle più gettonate del settore e consente di realizzare diversi tipi di acconciature con un fissaggio molto forte. I capelli risultano facili da pettinare e le acconciature durano più a lungo grazie alla base ad olio. Pur essendo molto resistenti, questi prodotti sono più difficili da rimuovere con un normale shampoo e non si adattano ad ogni capello.

La cera ad acqua può essere considerata una sorta di evoluzione della cera ad olio, con la quale ha molte caratteristiche in comune ma più attenuate, per rendere l’utilizzo maggiormente performante e funzionale. Questa cera, magari conferisce un aspetto meno lucido, però risulta più facile da applicare e, soprattutto, da rimuovere. Alcuni prodotti sono dotati di una formulazione particolare che nutre il capello e garantisce una lunga durata, con effetto lucidante e fissante.

La cera per capelli con finish lucido, come si può intuire dal nome, dona maggiore lucentezza ai capelli, modellandoli a proprio piacimento. Questo prodotto non unge e non appesantisce il capello e si può applicare tranquillamente su ogni chioma.

La cera per capelli opaca è l’ideale per conferire un aspetto più accattivante alla propria acconciatura ed assicura una tenuta forte, che resiste fino a lungo. I capelli risultano molto consistenti, grazie al massimo controllo ed alla notevole stabilità.

Modalità di utilizzo ed esempi di pettinature per tutti i giorni

La cera per capelli è un prodotto ormai sdoganato, dai saloni professionali, è diventata un must-have nei bagni di tutti gli uomini, anche grazie alla sua facilità di applicazione. Basta strofinare una piccola quantità tra le mani ed applicarla sui capelli, anche asciutti, per ottenere l’acconciatura preferita. Si possono creare look vintage ordinati e squadrati, look “disordinati” e asimmetrici, ma anche più moderni e contemporanei, dalle linee precise e strutturate.

Tra i principali trend del momento, ci sono i capelli corti e – solo all’apparenza – disordinati. Applicando la cera nei punti giusti, è possibile ottenere un effetto crespo e leggermente spettinato, magari con un filo di barba. Altra tendenza molto gettonata, è il cosiddetto taglio a spazzola che prevede che i capelli siano rivolti verso l’alto, con il risultato di una sorta di cresta.

Chi ha capelli di media lunghezza, invece, può optare per il classico ciuffo su un lato, un taglio che non passa mai di moda, anche abbastanza facile da realizzare. Questa acconciatura è l’ideale per gli uomini che hanno una fronte particolarmente alta e spaziosa.

Gli uomini dai capelli mossi, che propendono per uno stile più ribelle ed anticonformista, possono puntare ad occhi chiusi sul taglio lungo che risulta molto affascinante e consente, tra l’altro, di spaziare tra varie opzioni stilistiche. Il top knot maschile, un suggestivo chignon rivisitato, è l’acconciatura ideale per quegli uomini che vogliono sfoggiare un look controverso e originale.