Vintage Friday: lo straordinario ricordo delle W.I.T.C.H.

Li sfogliavamo quando eravamo adolescenti, le abbiamo amate e ci siamo immedesimate in loro. Per il Vintage Friday, ricordiamo le W.I.T.C.H.

fenomeno witch
Fonte foto: Flickr

 

Una delle passioni degli adolescenti, di tutte le generazioni, è sicuramente leggere fumetti.

Oltre ai fumetti su supereroi ed affini, di Marvel e DC, si sono fatti strada altri tipi di fumetti.
Un esempio è W.I.T.C.H., molto famoso in Italia nei primi anni 2000.

W.I.T.C.H è un fumetto italiano ideato da Elisabetta Gnone nel 2001 e prodotto da Disney Italia. In poco tempo ha avuto un successo strepitoso, portando anche alla creazione di una serie animata omonima francese nel 2004, un manga, un videogioco, una serie di romanzi e tanto merchandising dedicato, soprattutto abbigliamento.

La distribuzione dei fumetti è andata dal 2001 al 2012, chiudendo con 139 numeri, che sono stati distribuiti a cadenza mensile.
L’idea iniziale del fumetto venne alla Gnone già nel 1999, che ebbe l’idea di creare un fumetto con cinque protagoniste, con l’abilità di controllare gli elementi e che lottavano contro il male.
Ideata la storia, si aggiunsero al team Alessandro Barbucci, che creò il character design, Barbara Canepa, che si occupò del colore e Francesco Artibiani che si unì alla Gnone per la sceneggiatura.

Inizialmente, il fumetto era stato pensato per soli 12 numeri (ridotti poi a 9, dopo la stesura), ma a far cambiare idea agli ideatori furono le vendite, che ottennero un grande successo; furono vendute, infatti, 200’000 copie solo per i primi 15 numeri.
Il progetto era stato inizialmente pensato e dedicato ad un pubblico quasi esclusivamente femminile, ma il grande successo che ottenne, allargò la fascia di influenza anche a quello maschile.
Il fumetto ottenne un grande successo in tutto il mondo, venendo distribuito in oltre 70 Paesi e, in soli quattro anni, divenne il quarto periodico nel mondo per numero di edizioni, dopo Cosmopolitan, Selezione dal Reader’s Digest ed Elle.

fenomeno witch
Fonte foto: Guida Fumetto Italiano

 

Le protagoniste del fumetto erano Will Vandom, Irma Lair, Taranee Cook, Cornelia Hale ed Hay Lin Lin: cinque ragazze, amiche da sempre.
La loro vita da comuni adolescenti e studentesse viene sconvolta quando scoprono di avere poteri magici legati alle forze della natura. Insieme sono le W.I.T.C.H., parola che significa “strega”, ma che è anche l’acronimo dei loro nomi.
Le ragazze diventano le Guardiane della Muraglia, confine che separa la Terra dagli altri pianeti della zona oscura del Metamondo.
Grazie al cuore di Kandrakar, un ciondolo regalato a Will, le cinque ragazze possono trasformarsi in creature magiche, impegnate a chiudere i Portali della Muraglia, per impedire l’accesso, sulla Terra, a chi proviene da altri pianeti.

Nel corso del fumetto, vedremo le cinque eroine lottare contro diversi nemici, ma, soprattutto, le vedremo lottare per nascondere la loro identità segreta e mantenere una vita tranquilla come semplici adolescenti.
Oltre alle loro avventure come eroine, vediamo le cinque ragazze affrontare i problemi di tutti i giorni, come la scuola, i litigi fra amiche e, soprattutto, le prime cotte.
Le cinque ragazze sono le cinque Guardiane di Kandrakar ed ognuna di loro ha dei poteri magici, legati agli elementi, trasmessi dal Cuore di Kandrakar, attraverso le Stille.
Ad ogni Stilla coincide un elemento: Fuoco, Aria, Acqua, Terra ed Energia Pura. Solo se le Guardiane sono in armonia, hanno dei pieni poteri, altrimenti sono molto ridotti. Quando le Guardiane si trasformano, acquisiscono un aspetto più adulto e spuntano sulle loro schiene, un paio di ali.
Oltre ai poteri legati ai loro elementi, le W.I.T.C.H possono dislocarsi, possono rendersi invisibili, usare la telepatia fra loro e creare delle Gocce Astrali, ovvero delle loro copie, che le Guardiane usano quando sono nelle loro missioni, per poterle sostituire a casa.

Ma vediamo chi sono le Guardiane.

Will è la leader del gruppo e depositaria del Cuore di Kandrakar. I suoi poteri sono legati alla Pura Energia e può creare scariche elettriche ed energetiche. Ama gli sport acquatici e tutti gli oggetti a forma di rana.

Irma è scherzosa ed ama mangiare, è l’ironica del gruppo ed è la Guardiana dell’Acqua.

-Taranee è la più studiosa e riflessiva del gruppo ed è la Guardiana del Fuoco.

Cornelia ha un carattere serio e razionale, dovuto anche dall’educazione rigida impartita dalla famiglia. È appassionata di pattinaggio artistico ed è la Guardiana della Terra.

Hay Lin ha origini cinesi, è spesso sbadata e sognatrice. Ha un rapporto molto stretto con sua nonna, che è stata una Guardiana in passato. È la Guardiana dell’Aria.

Ci sono, poi, altri personaggi molto importanti, come Yan Lin, la nonna di Hay Lin, la quale aiuta le prescelte ad ottenere i loro poteri; l’Oracolo, capo della congrega di Kandrakar e, ovviamente, i fidanzati delle Guardiane, come Caleb, primo amore di Cornelia e capo dei ribelli di Meridian, che le spezzerà il cuore e Matt, il ragazzo di Will, che aiuterà le Guardiane a mantenere il loro segreto.

fenomeno witch
Fonte foto: Pinterest

 

Il fumetto delle W.I.T.C.H. ottenne un successo così grande, che il marchio venne esportato nell’abbigliamento, negli accessori, in una serie animata ed in una collana di libri, indirizzati, prevalentemente, alle adolescenti.
Nel 2012 la vendita dei fumetti ebbe un crollo, per colpa di un’inevitabile perdita di interesse per il prodotto: le Guardiane erano ormai cresciute ed il loro pubblico con loro, quindi, la loro storia finisce col numero 139.

La grandiosità del prodotto W.I.T.C.H., oltre ad essere un prodotto totalmente italiano, è proprio per la capacità di aver avvicinato il pubblico femminile al mondo dei fumetti, solitamente snobbato.
W.I.T.C.H. ha mostrato delle comuni adolescenti, con tutti i loro difetti e con un’ottima caratterizzazione, diventare delle Guardiane e salvare il mondo.
Milioni di adolescenti si sono immedesimate in loro, anche grazie alle loro imperfezioni ed alla loro credibilità.

W.I.T.C.H. ci ha fatto ridere, ci ha fatto piangere ed abbiamo affrontato, insieme a loro, il periodo dell’adolescenza, con un pizzico di magia.