Distributori automatici di caffè: origini e storia della bevanda più amata dagli Italiani

Per noi italiani il caffè è sacro. Non è solo la degustazione di una bevanda piacevole. È un momento di pausa, uno stacco mentale da tutti i pensieri. Rappresenta un modo per ricaricare le batterie perdendosi nel sapore unico di un caffè fumante. C’è chi è fedele al vero caffè all’italiana, quello fatto con la moka nella tranquillità della propria abitazione, e chi non rinuncia all’espresso del bar. La cosa che accomuna tutti è senza dubbio quella sensazione di benessere che ci accompagna dopo aver sorseggiato il nostro caffè.
Pensa al piacere che ti offre, una volta uscito dal traffico di Firenze, poter sorseggiare un caffè in pace prima di entrare a lavoro.
C’è però una tipologia di caffè ingiustamente sottovalutata, ma che sta scoprendo, grazie alle innovative tecniche di produzione, una rivalutazione che abbiamo piacere di far notare ai nostri lettori. È quella delle bevande preparate dai distributori automatici Firenze. I distributori automatici non sono più quelli di una volta, che rilasciavano un bicchiere pieno di una bevanda dal gusto indecifrabile. Adesso possiamo godere di vere e proprie specialità, diversi aromi e gusti, nonché del sapore inconfondibile del caffè espresso italiano.

Come nasce il caffè: dall’antica Etiopia ai distributori automatici dei giorni nostri

Possiamo ringraziare gli antichi esploratori veneziani che presero contatti con il mondo arabo nel 1400 se oggi il caffè è un nostro fedele compagno di vita. L’origine di questa pianta è infatti l’Etiopia, da dove si andò poi a diffondere in tutto il mondo arabo, con una richiesta sempre crescente.
Arrivato in Europa il caffè si diffuse velocemente, rimanendo per i primi secoli una bevanda di élite, destinata ai ricchi aristocratici. Nacquero i primi caffè, luoghi dove i benestanti si ritrovavano per scambiarsi opinioni e discutere di letteratura, arte, politica e mondanità. Nel ‘700 iniziarono le prima coltivazioni di caffè in Sudamerica, che spostarono ben presto la produzione su ampia scala, permettendo così la diffusione di questa bevanda anche ai ceti sociali più bassi. Ad oggi il Brasile è il primo paese produttore di
caffè, seguito dalla Colombia.
È però tutta italiana la nascita del caffè espresso. Fu un certo Luigi Bezzera che nel 1901 scoprì come fosse
possibile sfruttare la forza del vapore per ottenere velocemente un caffè caldo e pronto da bere. Noi italiani non abbiamo più abbandonato il caffè espresso, che è diventato un simbolo della nostra nazione a livello mondiale. Ecco perché guardiamo ancora con sospetto ai distributori automatici di caffè e bevande. I maestri del buon caffè sono però pronti a farti ricredere. Oggi è possibile gustare non solo un vero espresso, ma anche diversi aromi sapientemente preparati, senza perdere la qualità del vero caffè italiano.

Distributori automatici di caffè: come rendere più dolce l’orario di lavoro a Firenze

Come avviene per ogni settore, il progresso e l’innovazione ci portano a incredibili passi avanti. Questo succede anche nel settore dei distributori automatici di caffè e di bevande calde. I tecnici che si occupano della gestione e della preparazione delle miscele per i distributori automatici partecipano a continui corsi di formazione. Rimangono così aggiornati sui passi avanti che le ditte produttrici di caffè e altre bevande stanno compiendo per regalarci una pausa all’insegna del gusto.
Le principali varietà che vengono coltivate e immesse sul mercato sono due: Arabica e Robusta. All’interno dei distributori automatici di caffè la varietà 100% Arabica si contraddistingue per un retrogusto fruttato,
risultando più dolce al palato, ma dalla consistenza meno corposa. La varietà Robusta ha invece un retrogusto più legnoso, ma risulta corposa e forte. In mezzo ci sono tutta una serie di miscele che vengono sapientemente create per offrire gusti e aromi particolari. Molti clienti, infatti, non apprezzerebbero un caffè 100% Arabica o Robusta, ma preferiscono miscele che siano in grado di regolare cremosità e struttura
regalando sensazioni particolari al momento dell’assaggio.

È proprio questo che puoi trovare scegliendo di prendere un caffè da un distributore automatico. Nelle pause di lavoro, nel tuo ufficio di Firenze, avrai modo di scegliere fra diverse miscele. Una continua scoperta di nuovi sapori che ti avvolgerà in un susseguirsi di dolci emozioni. Oltre al lato puramente sensoriale, non certo meno importante è la ripercussione che il caffè avrà sulla tua resa lavorativa. Ogni due ore almeno, dovresti prenderti il tempo per una breve pausa rigenerante. Il caffè, grazie ai suoi elementi nutritivi, infonderà nuova energia al tuo cervello, permettendo di aumentare la tua soglia di concentrazione, la memoria e la produttività. Quando piacere e utilità si incontrano e fanno persino bene.
Come rinunciare?