Battesimi in Italia : in calo il numero assoluto

Sta diminuendo, in Italia, il numero dei battesimi: è questo ciò che è stato messo in evidenza nel IX Rapporto sulla secolarizzazione in Italia, realizzato da CGIL-Nuovi Diritti e da Fondazione Critica Liberale.

L’IX Rapporto sulla secolarizzazione in Italia è stato realizzato confrontando una serie di dati attendibili, ovvero le statistiche presentate da Istat, Cei, Miur e quelle a cura dell’Annuario Statistico della Chiesa Cattolica; all’interno del Rapporto è stato fatto il punto su diversi aspetti che concernono la religione in Italia, come ad esempio il numero di sacerdoti, di suore, di matrimoni celebrati e anche di battesimi.

Approfondimenti specifici riguardano appunto il numero di bambini battezzati, il quale risulta in forte calo rispetto ad alcuni anni addietro.

Battesimi in calo: i numeri e le cause del trend

Nello specifico, nell’IX Rapporto sulla secolarizzazione in Italia si evidenzia che nel 1991 i bambini battezzati erano più di 515.000; la cifra è invece scesa a poco più di 420.000 nel 2011, ovvero l’ultimo anno sul quale si dispone di dati ufficiali.

È conseguenza di ciò il fatto che in Italia stiano diminuendo anche le comunioni e le cresime, sacramenti che possono vedere protagoniste esclusivamente persone che hanno ricevuto il battesimo.

Ma come si spiega questa tendenza?

Sicuramente le ragioni sociologiche da tenere in considerazione sono molteplici, e la principale corrisponde senza dubbio al calo della natalità.

È cosa nota il fatto che in Italia crescano sempre meno bambini, come ampiamente confermato dalle statistiche Istat, di conseguenza è certamente la prima ragione alla base di questa tendenza.

Quello messo in evidenza nel IX Rapporto sulla secolarizzazione in Italia è infatti un numero assoluto, non un rapporto tra le nascite e la quantità di battesimi, di conseguenza non desta assolutamente stupore sulla base delle tendenze demografiche che stanno riguardando il nostro paese.

Parallelamente a questo vi sono anche altri fattori che influiscono sulla diminuzione del numero di battesimi.

In Italia sta infatti crescendo la popolazione straniera, o quantomeno con origini straniere, di conseguenza sono sempre di più le famiglie che seguono religioni differenti da quella cattolica.

Sulla base di una serie di fattori, in primis il calo delle nascite e la diffusione sempre più cospicua di altre religioni, tutto lascia immaginare che nel futuro più prossimo il calo dei battesimi di accentuerà ancor di più.

Il battesimo, un’istituzione radicata nel nostro paese

Il battesimo, ad ogni modo, resta un’autentica istituzione nel nostro paese:  un sacramento a cui i bimbi vengono sottoposti pressoché sempre, anche laddove la relativa famiglia non sia particolarmente credente.

È d’altronde un atteggiamento ideale quello di fornire al proprio figlio questo sacramento che gli consentirà, un domani, di poter vivere la Prima Comunione e la Cresima.

In questo modo infatti il piccolo sarà comunque libero di essere ateo o di seguire un’altra religione.

Cosa simboleggia il battesimo

Il battesimo ha un significato molto profondo e simboleggia sostanzialmente l’ingresso nella società, nella comunità, da parte del bambino, non a caso viene celebrato nei primi mesi di vita.

Fonte: Pixabay

 

Nel battesimo il piccolo viene depurato dal cosiddetto “peccato originale”, allo stesso tempo questo rituale ha una funzione di esorcismo, ovvero una rinuncia al peccato e a qualsiasi forma di istigazione al peccato.

Il gesto più iconico del battesimo corrisponde senza dubbio al bagnare la testa del bimbo con dell’acqua santa: è proprio questa la gestualità che il sacerdote compie e che corrisponde appunto alla depurazione.

Durante il battesimo, acquisiscono responsabilità specifiche anche i genitori, e ciò viene sempre sottolineato in modo rigoroso durante la celebrazione della cerimonia.

Una tradizione che va al di là della religione

Al di là della ritualità religiosa, vi sono tantissime tradizioni correlate alla celebrazione del battesimo in Italia.

Ad esempio è consuetudine che tutti gli invitati condividano un momento di festa, come può essere ad esempio una cena.

Tradizione altrettanto sentita è inoltre quella di rivolgere a ogni invitato una bomboniera, ovvero un piccolo oggetto, di norma abbinato a dei confetti, che rappresenterà un ricordo della celebrazione.

Sempre più spesso le bomboniere vengono acquistate online, e le opportunità di scelta sono tantissime.

In un sito web specializzato quale Nara Bomboniere, ad esempio, si possono individuare decine e decine di solo per quel che riguarda bomboniere battesimo per bimba.

Views All Time
Views All Time
1298
Views Today
Views Today
2
Next Post

Musicoterapia: breve storia sulla nascita e lo sviluppo

Facebook Twitter LinkedIn In questa terza tappa del nostro viaggio, vedremo un po’ di storia della musicoterapia. Era primitiva La musica ha un ruolo centrale nei riti: matrimoni, funerali, nascite o rituali propiziatori (come ad esempio chiedere alla divinità di inviare raccolti abbondanti). Maghi e guaritori la utilizzavano per attirare […]

Subscribe US Now