La Body Art come mezzo per l’espressione artistica

La Body Art come mezzo per l’espressione artistica

Articolo di Milena Vitucci

La nascita della Body Art

Si tratta di una corrente artistica diffusasi negli anni ’70 circa del 900, negli Stati Uniti ed in Europa. Questa tipologia di arte si occupa interamente del corpo umano esposto, su cui gli artisti intervengono, alle volte anche con azioni violente, al fine di imprimere particolari significati alle immagini.Il corpo, dunque, è  soggetto ed oggetto dell’espressione artistica e, come tale, viene esibito come opera, con lo scopo di trasmettere uno o più messaggi.

body art

Fonte: Pixabay.com

La Performance art

La Performance art inizia ad essere identificata, negli anni ’60, con il lavoro di artisti come Allan Kaprow, Vito Acconci, Hermann Nitsch e Joseph Beuys, che hanno dato vita a veri e propri “happening” in cui gli artisti tendono a far partecipare il pubblico, e non a renderlo fruitore passivo. Le performance art avvengono in qualsiasi luogo e in qualsiasi momento, quasi a farle sembrare un gesto quotidiano, e si avvalgono di quattro fattori: tempo, spazio, corpo dell’artista e la relazione fra l’artista e il pubblico. I generi o correnti della performance art comprendono: body art, fluxus, poesia d’azione, intermedia e lo sniggling.

performace art

 

Fonte: Flickr.com

Gli esponenti della Body Art

Alcuni degli esponenti più conosciuti della Body Art, che hanno riscosso maggior successo sono stati: Piero Manzoni, Gina Pane, Marina Abramovic, Vito Acconci, Hermann Nitsch, Enrico Job. 

-L’opera più conosciuta di Enrico Job fu Il Mappacorpo (1974): si tratta di circa mille fotografie che riproducono la pelle del corpo dell’artista, suddivise in quadrati di differente misura ed ordinate a formare figure.

-L’artista francese Gina Pane, basava le sue performance rappresentando il dolore interno, psichico, all’estero: così si conficcava le spine di rosa sul corpo per esprimere l’angoscia di un amore doloroso, o si tagliava la pelle, le orecchie o la lingua con delle lamette per arrivare, attraverso il dolore, alla elevazione spirituale.

Gina Pane

Fonte: Gina Pane, 1973, “Azione sentimentale” Flickr.com

-L’artista italo-americano Vito Acconci, infine, comunicava esclusivamente attraverso il linguaggio del corpo. Nella performance “sfregando un pezzo”, Acconci si grattò un braccio fino a farlo sanguinare; in “Opening” invece si strappò tutti i peli attorno all’ombelico per fare un po’ di spazio.

 

 

3 Risposte a “La Body Art come mezzo per l’espressione artistica”

  1. mi piace questa espressione artistica, la trovo molto creativa, profond ae densa di signficati chiari e velati (che poi sono quelli che intrigano di più !)

  2. Ho fatto una ricerca sul projection mapping sui corpi umani e gli effetti sono chiaramente piu’ incredibili ma si basano sulla stessa idea.

    Senza spine e sanguinamenti pero’… 😀

    Ti consiglio Rhythm 0 di Marina Abramovic, non e’ propriamente body art ma vedrai delle similitudini. 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.