Il ”metodo Montessori” è ancora così efficace?

Il ”metodo Montessori” oggi: funziona?

Prima di tutto è necessario chiarire in che cosa consista il “Metodo Montessori”. La stessa pedagogista non voleva che si chiamasse “metodo” e per chiarire il suo concetto diceva: “Dite piuttosto che è una via da percorrere insieme ai bambini, per offrire loro il mondo della conoscenza”.

“Il presupposto indispensabile per realizzare una scuola autenticamente montessoriana è quello della massima fiducia nell’interesse spontaneo del bambino, nel suo impulso naturale ad agire e conoscere. Se è posto in un ambiente adatto, scientificamente organizzato e preparato, ogni bambino, seguendo il proprio disegno interiore di sviluppo, accende naturalmente il proprio interesse ad apprendere, a lavorare, a costruire, a portare a termine le attività iniziate, a sperimentare le proprie forze, a misurarle e controllarle. Il compito dell’educatore è quello di liberare il bambino da ciò che ostacola il disegno naturale del suo sviluppo.

(da: Il Metodo e il bambino, Opera Nazionale Montessori).

Un modo di affrontare la vita e l’esperienza scolastica sicuramente diverso da quello tradizionalmente inteso.Montessori
Perché è ancora così efficace?

Le attività proposte ai bambini, dovrebbero stimolare la loro sete di conoscenza e nello stesso tempo aumentare la loro capacità di concentrazione e di disciplina. Si parla così per il Metodo Montessori, di un metodo pedagogico per la formazione e la crescita di bambini liberi e autonomi in grado di badare a se stessi, di affrontare la vita e di rispettarne le regole.

Il clima che si respira in una scuola Montessori è di grande calma e serenità. Ognuno è impegnato in attività diverse ma, Il fatto stesso che ognuno segua il proprio percorso di sviluppo e approfondimento delle conoscenze, evita sia il livellamento della classe che le assurde competizioni.

Ciascuno procede con i propri tempi, evitando la noia di chi già sa e può così procedere autonomamente, o lo scoraggiamento di chi ha bisogno di maggior tempo e può così ripetere il lavoro per quante volte sarà necessario: entusiasmo, motivazione, interesse e impegno sono molto alte in entrambi i casi.

Montessori

Gli aspetti fondamentali dell’organizzazione riguardano l’ambiente e i materiali Montessori.

L’ambiente che circonda il bambino deve essere intenzionalmente preparato, e deve contenere i mezzi per l’autoeducazione, i materiali: diventa così direttamente maestro perché offre l’opportunità di sperimentare personalmente ogni attività.

Non solo arredi a misura di bambino e materiali di sviluppo, ma anche indumenti e situazioni da poter gestire autonomamente: attività concrete di vita pratica, e non ”far finta di…”

La libertà non è un’assenza di leggi ma è sapientemente promossa e organizzata intenzionalmente, con lo scopo che sia garantita per tutti.
Interesse, attività e sforzo sono i caratteri del lavoro libero e autoeducativo nel quale il bambino si immerge con entusiasmo e passione, rivelando e costruendo le qualità superiori dell’uomo.

Montessori

Detto ciò…

A circa un secolo di distanza dalla sua ideazione, il metodo Montessori è ancora considerato molto valido nel mondo.

Per applicarlo facilmente in famiglia bisognerebbe innanzitutto avvicinare i bambini alle attività della vita quotidiana svolte dai genitori. Nulla di complicato, dato che i bambini sono curiosi per natura.

Via via i bambini possono essere coinvolti in piccoli lavori di giardinaggio e di pulizia della casa: riordinare i giocattoli, lavare o asciugare i piatti, caricare la lavastoviglie o la lavatrice, innaffiare le piante.

Secondo Maria Montessori, il più grande successo per un’insegnante (o per un genitore) è quello di rendersi conto che i bambini hanno iniziato a fare tutto da soli quasi senza avere bisogno della loro presenza.

”Mai aiutare un bambino mentre sta svolgendo un compito nel quale sente di poter avere successo”

Maria Montessori

 

 

 

 

 

Views All Time
Views All Time
851
Views Today
Views Today
2
Next Post

Kaos, eroe a quattro zampe tra polvere e macerie

Facebook Twitter LinkedIn I cani amano gli amici e mordono i nemici, a differenza degli uomini, che sono incapaci di amore puro e devono sempre mescolare amore e odio nelle loro relazioni con l’oggetto. (Sigmund Freud) Quando tutto ti crolla addosso, tra polvere e macerie, in un attimo puoi perdere […]
eroe Kaos

Subscribe US Now