Halloween? No,Grazie. Io sono italiano

Rendere “profano” un evento religioso

Halloween

Halloween: per molti una festa,un’occasione per mascherarsi da streghe,vampiri,mostri di ogni genere e divertirsi. Andando contro il vero significato di questa ricorrenza.

Halloween

Il 1 e 2 novembre sono giornate di festa in quanto si ricordano i defunti onorando i santi, ponti tra il mondo dei vivi e quello divino.

S’avvicina il periodo natalizio, il compleanno di Gesù: le chiese suonano a festa le loro campane, come minareti cristiani, richiamando i fedeli alla preghiera. I cimiteri che si riempiono di persone venute a ricordare chi non c’è più.

Si ricordano anche quei piccoli angeli come Tommaso e Charlie. O santi come Domenico Savio. Momenti di preghiera nel ricordo che di polvere siamo fatti e nella polvere torneremo.

Tuttavia, proprio come Natale, anche queste giornate di festa sono state rese commerciali come Halloween. Nulla a che fare con le ricordanze ma solo consumismo e leggende dell’orrore e stregonerie.

Stravagante merchandise fatto di denti da vampiro, crani di polistirolo, cappelli a punta da Salem (Massachusset, città di streghe) e film a tema.

(continua nella pagina seguente)