• thewebcoffeeyt@gmail.com
  • Italia
Cultura
Edward Hopper, maestro del realismo americano

Edward Hopper, maestro del realismo americano

La caratteristica principale dei quadri di Edward Hopper è il saper raccontare storie di vita quotidiana: i suoi dipinti appaiono come fotogrammi strappati a un film, infatti è noto siano stati molti i registi ad aver preso spunto dai dipinti dell’artista americano.

La vita di Edward Hopper

images Edward Hopper, maestro del realismo americano
Edward Hopper

Lo stile di vita di Edward Hopper era gemello delle sue opere : malinconico e silenzioso, una persona che preferiva al cielo, alle montagne e al deserto assolato del Messico, il fascino di una stazione isolata, nella campagna americana.

Le sue opere raccontano l’America dell’epoca, non lo fanno attraverso lo sfarzo dei grattacieli o dei monumenti ma ritraendo la vita quotidiana dell’america rurale, dei villaggi, dei luoghi pochi frequentati , che ancora oggi descriverebbero una buona parte degli U.S.A: dai distributori di benzina alle strade silenziose, illuminate da lampioni e luci al neon.

Gli inizi di Edward Hopper

1617202476327_download Edward Hopper, maestro del realismo americano
Edward Hopper

Nel 1900 comincia la New York School of Art e nel 1906 va a Parigi per conoscere le Avanguardie che si stavano affermando in Europa rimanendo particolarmente colpito dall’ impressionismo.

Certo l’avvio della sua carriera artistica non fu dei più semplici. Rientrato in patria riuscì a trovare lavoro come illustratore pubblicitario per la C. C. Phillips & Company; lavoro che sarà sua unica fonte di reddito fino al 1925.

Vende il suo primo dipinto, Sailing  per 250 dollari nel 1913, ma per sostenersi è ancora costretto a  lavorare, contro voglia, come illustratore per le agenzie pubblicitarie.

Nel 1923 conosce la donna della sua vita che da li a breve sposò, l’artista Josephine Nivison che sarà la modella per tutti i soggetti femminili da lui ritratti.

Il loro sarà un rapporto burrascoso proprio a causa del carattere espansivo della moglie in perenne contrasto con gli incessanti silenzi di Edward.

Finalmente il successo di Edward Hopper

Edward-Hopper-opere-di-grande-attualita-impregnate-di-senso-di-solitudine-header-320x240 Edward Hopper, maestro del realismo americano
Edward Hopper

Il successo, dovuto alla presenza di un nutrito gruppo di visitatori, arrivò nel 1924 quando alcuni suoi acquerelli furono esposti a Gloucester, nello Stato del Massachusetts, presso la Rehn Gallery. Questo fu anche l’anno del suo matrimonio con Josephine Verstille Nivison, che da ora in poi diverrà l’unica modella per tutti i suoi personaggi femminili ritratti nelle suo opere prodotte da qui in avanti.

La fama ottenuta con questa esposizione portò la critica a giudicarlo come capostipite dei realisti che dipingevano la scena americana

Nel 1930 l’opera House by the Railroad , che ispirerà il regista Alfred Hitchcock nell’immaginare il famoso “Bates Hotel” dove è ambientato il suo capolavoro “Psycho”,entra a far parte della collezione permanente del MoMA di New York che tre anni dopo gli dedica la prima retrospettiva.

La sua opera più famosa, Nighthawks viene dipinta nel 1942.

Questo è il dipinto nel quale tutti i componenti  dell’arte di Hopper sono presenti : il soggetto ispirato alla vita quotidiana , il contrasto tra luce e buio, il senso di solitudine e incomunicabilità.

L’addio alla fama

1617202477597_download-1 Edward Hopper, maestro del realismo americano
Edward Hopper

Alla fine degli anni Cinquanta, con la nascita dell’espressionismo astratto, l’artista americano esce lentamente di scena.

L’ultima sua opera la crea nel 1965, Two comedians nella quale ritroviamo lui e sua moglie Josephine che salutano il pubblico per l’ultima volta, un dipinto che ha il sapore di un presagio , considerato che l’artista morirà nel 1967, e Josephine lo seguirà dieci mesi dopo.

icon-stat Edward Hopper, maestro del realismo americano
Views All Time
407
icon-stat-today Edward Hopper, maestro del realismo americano
Views Today
2