Naya Rivera, morta l’attrice: addio a Santana Lopez

Giulia

È ormai ufficiale la notizia della prematura morte di Naya Rivera a soli 33 anni, madre di un figlio di 4 anni, attrice e cantante. Le autorità che si stavano occupando della ricerca hanno trovato, nel giorno 13 luglio 2020, il corpo della donna senza vita.

Naya era stata data per dispersa l’8 luglio mentre faceva una gita sul lago Piru con il figlio Josey, in una giornata che doveva essere allegra, spensierata, una piccola escursione tra madre e figlio, ma che, dopo qualche ora, si è trasformata in una tragedia.

Il figlio Josey è stato trovato, sano e salvo, sulla barca che aveva affittato insieme alla madre, che non potrà più abbracciare, con cui non potrà più giocare, ridere.

naya-rivera-morte
Fonte: instagram

Da quell’8 luglio, le ricerche si sono interrotte solo per la notte, ma man mano che i giorni passavano le speranze di trovare Naya Rivera viva, diventavano sempre di meno.

Tutti i suoi amici, i suoi familiari, si sono mobilitati per aiutare nelle ricerche, per non stare con le mani in mano in attesa di una qualsiasi notizia.

La co-star di Glee Heather Morris, che in Glee era la fidanzata del personaggio di Naya Rivera, ha organizzato una squadra di ricerca per aiutare in qualche modo le autorità a trovare la sua migliore amica.

Anche i fan, seppur da dietro uno schermo, hanno cercato di fare il necessario per provare a trovare al più presto la loro Santana Lopez.

Ma nulla è servito. Le scure, profonde, insidiose acque del lago Piru hanno lasciato annegare le speranze che ancora ardevano nel cuore di tutti coloro che pregavano di trovare Naya Rivera, loro mamma, loro figlia, loro sorella, loro amica, viva.

Dalle indagini è risultato che Naya si sia sacrificata per il figlio che tanto amava, più della sua stessa vita. Apparentemente la donna, prima di annegare, avrebbe nuotato fino alla barca per riuscire a metterlo in salvo, tuttavia, probabilmente a causa di un malore, della corrente troppe forte o di altri motivi, lei non è riuscita a salire.

E adesso non resta che ricordarla, bella, sorridente e solare, una madre premurosa che amava suo figlio più di se stessa, un’amica capace di dare sempre il massimo del sostegno a tutti i suoi affetti, un’attrice e una cantante talentuosa, che è stata capace di interpretare un personaggio che è stato d’esempio per molti adolescenti.

Naya Rivera ci ha lasciati troppo presto, ma i parenti, gli amici e i fan, i Gleek, non la dimenticheranno facilmente ed è per questo che vogliamo ricordarla nei panni di Santana Lopez, con l’iconica divisa da cheerleader e la battuta sempre pronta.

naya-rivera-morte
Alcuni attori del cast di Glee uniti davanti al lago dove Naya ha perso la vita
Fonte: twitter

Naya Rivera: l’eredità di Santana Lopez

L’espressione seria sul volto che si trasformava in un sorriso solo con la sua Brittany, personaggio interpretato dalla migliore amica Heather Morris, e con i suoi amici, il sarcasmo e la forza di una ragazza e poi donna che sarebbe capace di fare di tutto per chi ama.

La grinta di chi, davanti alle ingiustizie, non riesce a stare zitta, Santana Lopez è stato uno dei personaggi di Glee a entrare nel cuore dei fan.

naya-rivera-morte
Fonte: pinterest

Il suo personaggio non è stato solo d’ispirazione per le ragazzine che avevano bisogno di un esempio da seguire, ma è stato anche una delle prime ragazze lesbiche sullo schermo e, per un’adolescente che ancora non riesce ad accettare di essere “diversa“, è stato un prezioso aiuto.

Il personaggio di Naya Rivera è fiero di sé, non ha paura di urlare la propria opinione, se ne frega di tutte le conseguenze, soprattutto se si tratta dei suoi amici.

Dietro a una dura corazza protetta con un pungente sarcasmo e un sorriso strafottente, Santana Lopez è stata capace di far sorridere tutti i fan della serie tv americana.

Il percorso che il personaggio di Naya Rivera percorre dalla prima all’ultima stagione è un’ispirazione a combattere per tutte le ragazze che hanno paura di essere se stesse.

Il suo primo assolo, quello che la fa passare da un personaggio secondario che si trova nel Glee Club solo come infiltrato, solo per seguire la sua migliore amica, per proteggerla, a un vero e proprio membro del club che tanto snobbava, “Valerie” di Amy Winehouse, fa capire non solo la bellezza del personaggio che, finalmente nella seconda stagione, comincia a essere evidente a tutti, ma fa brillare anche le notevoli capacità canore di Naya Rivera.

Il modo in cui Santana Lopez non abbia in alcun modo timore a sfidare qualcosa, chiunque esso sia. Non importa se sia la sua coach o Rachel, lei fa sempre quello che il suo cuore le dice di fare.

Eppure, c’è da ricordarsi che Santana Lopez è un’adolescente lesbica che si trova ad affrontare il liceo e tutte le sue insicurezze, sul futuro, sulla sua sessualità, ed è anche questo a renderla uno dei personaggi più importanti della serie.

Santana è una ragazza che ama dimostrarsi forte, ma si trova pur sempre a percorrere l’incubo del liceo, dei giudizi e dei pregiudizi. Ma questo non la ferma e non l’ha mai fermata dal cercare se stessa.

Riesce a diventare la ragazza capace di affrontare la scuola infischiandosene delle etichette, di ciò che la gente può pensare e che finalmente riesce ad accettare se stessa così com’è, riesce amarsi per prima.

La scena in cui chiede a Brittany di sposarla e il seguente matrimonio, è ancora ritenuta una delle scene più iconiche di tutta la serie, che fa scendere una lacrima a chiunque.

Il capo delle cheerleader è passato da essere uno di quei personaggi antagonisti che fanno di tutto per provare a farti irritare, per mettere in difficoltà i tuoi personaggi preferiti, a essere uno dei personaggi più amati di Glee.

13 luglio: data tragica per i fan di Glee

Il 13 luglio 2013, sette anni fa, i Gleek dicevano addio a Finn Hudson, il quarterback di Glee, a causa della morte prematura dell’attore che lo interpretava, Cory Monteith, e ancora oggi, sette anni dopo, l’attore è ricordato come il gigante buono che era sia nella serie che nella vita reale.

naya-rivera-morte
Fonte: twitter

Oggi, 13 luglio 2020, Naya Rivera lo ha raggiunto, per continuare a cantare e divertirsi insieme, anche con l’attore Mark Salling, che interpretava Noah Puckerman, morto nel 2018.

Si parla di “maledizione di Glee“, ma non c’è alcuna maledizione.

Ciò che è avvenuto ai tre giovani attori, a Naya Rivera, a Cory Monteith, a Mark Salling, sono solo dei tragici avvenimenti che hanno colpito delle persone troppo giovani, con ancora una vita e una carriera davanti, con una famiglia di cui prendersi cura.

 

Naya Rivera rimarrà sempre la ragazza solare che tutti amavano, che ha messo l’amore che provava per suo figlio dinnanzi a tutto. La ricorderemo con la lingua fra i denti, mentre rideva felice e spensierata insieme a chi l’amava e continuerà ad amarla e ricordarla per sempre.

naya-rivera-morte
Fonte: pinterest

 

 

 

Views All Time
Views All Time
297
Views Today
Views Today
2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

La mia ricetta della quiche di salmone e zucchine

Facebook Twitter LinkedIn Ciao a tutti cari lettori! Pochi giorni fa mi sono cimentata nella mia prima quiche e ne sono rimasta entusiasta! Per questo motivo, voglio proporvela per questa settimana sperando sia di vostro gradimento. La mia ricetta della quiche salata di salmone e zucchine è una sfiziosa alternativa […]
La mia ricetta della quiche di salmone e zucchine

Subscribe US Now