La mia ricetta della quiche di salmone e zucchine

Anna

Ciao a tutti cari lettori!

Pochi giorni fa mi sono cimentata nella mia prima quiche e ne sono rimasta entusiasta! Per questo motivo, voglio proporvela per questa settimana sperando sia di vostro gradimento.

La mia ricetta della quiche salata di salmone e zucchine è una sfiziosa alternativa alla classica torta salata ma io la trovo molto più raffinata.

E’ un piatto tipico della cucina francese utilizzando come base la pasta brisé che io adoro in quanto molto versatile, semplice da realizzare e farete un figurone in qualsiasi occasione decidiate di prepararla.

la mia ricetta della quiche di salmone e zucchine

Pasta Brisé

La mia ricetta della quiche di salmone e zucchine

Preparazione: 15 minuti

Cottura: 40 minuti

Difficoltà: Facile

Costo: Medio

Dosi: circa 8 persone

Ingredienti per la mia ricetta della quiche di salmone e zucchine

  • 100 g di salmone
  • 1 zucchina
  • 1 uovo
  • 1 mozzarella
  • Mezza cipolla bianca
  • 100 g di panna vegetale
  • Un rotolo di pasta brisé
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.
  • Olio di oliva q.b.

Preparazione della mia ricetta della quiche di salmone e zucchine

Io non ho preparato in casa la pasta brisé per mancanza di tempo, trovate nei supermercati i rotoli già pronti all’uso.

Cominciamo quindi a preparare il ripieno partendo dal pulire e tagliare a fiammifero la nostra zucchina. Cercate di mantenere la stessa dimensione nel taglio in modo che la cottura sia uniforme.

In una padella antiaderente facciamo soffriggere insieme all’olio di oliva la cipolla tagliata a cubetti, quando diventa bella dorata possiamo aggiungere i fiammiferi di zucchina che andranno fatti cuocere per circa 5 minuti.

Mentre termina la cottura della zucchina possiamo prendere il salmone e tagliarlo in piccole parti.

Prendiamo una ciotola che possa contenere tutti i nostri ingredienti e mescoliamo insieme l’uovo con la panna e il salmone. Nel frattempo la nostra zucchina sarà pronta e potrà essere aggiunta insieme al resto. Salate e pepate a piacere.

Ultimo passaggio è tagliare a cubetti la mozzarella e lasciarla scolare per circa cinque minuti prima di aggiungerla al resto degli ingredienti.

Il nostro ripieno è finalmente pronto.

Possiamo srotolare la nostra pasta brisé e bucherellarla sul fondo. Inseritela in una teglia (o tortiera) facendo in modo che aderisca bene ai bordi della stessa. Ora versiamo il ripieno preparato precedentemente e distribuendolo con un cucchiaio per poi livellarlo meglio. Per concludere, abbassiamo i bordi della nostro quiche creando una vera e propria cornice.

Possiamo cuocere la nostra quiche di salmone e zucchine in forno preriscaldato ventilato a 180 gradi per circa 40 minuti.

Servitela tiepida già a fette o intera e vedrete che successo! Buon appetito!

La mia ricetta della quiche di salmone e zucchine

La mia ricetta della quiche di salmone e zucchine

Foto di Annamaria Benvenuti

Curiosità sulla quiche

In aggiunta agli ingredienti già elencati, potrete aggiungere per insaporire il tutto del grana padano nel ripieno o altri tipi di formaggio.

Se siete invece curiosi di preparare anche la pasta brisé, vi lascio di seguito una ricetta che ho ritrovato in alcuni vecchi libri di cucina.

E’ una ricetta molto semplice che porta via circa 15 minuti.

In una planetaria versiamo 200 grammi di farina e 100 grammi di butto freddo da frigorifero a pezzetti, un pizzico di sale e facciamo frullare il tutto per qualche secondo. Mentre il composto continua a mescolarsi, aggiungiamo 50 grammi di acqua ghiacciata, proseguendo col mixer ancora qualche minuto.

Ora l’impasto sarà bello compatto e potrà essere lavorato a mano su di una spianatoia, bastano cinque minuti.

Ora l’impasto deve riposare per circa un’ora in frigorifero dopo essere stato avvolto nella pellicola per alimenti trasparente.

Al momento dell’utilizzo, stendete la vostra pasta brisé al mattarello infarinando il piano. Nemico della pasta brisé è il calore. Quando stendete la pasta assicuratevi di non maneggiarla spesso con la mani in modo da non alterarne la consistenza.

Anche per questo motivo è importante che sia l’acqua, che il burro, siano freddi da frigorifero. Con questa tecnica di evita che in cottura i composti si sciolgano prima del dovuto facendo diventare la vostra pasta dura e non croccante e friabile.

Views All Time
Views All Time
125
Views Today
Views Today
1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Tormentoni estivi: cosa ci porta ad amarli ed odiarli?

Facebook Twitter LinkedIn Tormentoni estivi, perchè li impariamo a memoria anche se non ci piacciono? Ogni estate ha la sua colonna sonora, e purtroppo da qualche anno a questa parte, la musica estiva che accompagna la bella stagione lascia a desiderare. O in ogni caso, si tratta di brani che […]
tormentoni estivi

Subscribe US Now